Roberto Mancini distrugge l’Italia e Ciro Immobile brilla per la Lazio, ma fallisce per gli Azzurri

Roberto Mancini non è l’unico responsabile del nostro crollo contro la Macedonia del Nord, ma è sicuramente quello che ha più colpe.

Una squadra acclamata come campionessa dell’estate non è riuscita a consolidare la propria eredità e invece è passata in secondo piano sotto la guida di Mancini, responsabile di questo disastro.

L’espressione cupa di Mancini ha detto tutto perché la sua squadra incompetente non è riuscita a rompere la difesa della squadra giovanile europea, nonostante avesse 32 tentativi in ​​porta. Riassume la lotta interiore di un allenatore che era impotente a impedire un risultato a tempo pieno.

Roberto Mancini dovrebbe assumersi la maggior parte della colpa per la nostra pesante sconfitta contro la Macedonia del Nord

La sua espressione cupa sulla linea laterale ha riassunto la sua lotta interna e ora considererà il suo futuro con la squadra

La sua espressione cupa sulla linea laterale ha riassunto la sua lotta interna e ora considererà il suo futuro con la squadra

Anche il più fortunato degli uomini alla fine ha perso la sua serie di fortuna – questa volta la fortuna di Mancini si è esaurita quando è caduto in una trappola della Macedonia del Nord.

Fare coming out con una squadra della statura della Macedonia del Nord sarà molto difficile per Mancini, che ora deve valutare se concludere la sua trasferta con l’Italia dopo questa amara delusione.

La nostra squadra ha bisogno di un rinnovamento e Mancini non ha voluto rimodellare il suo nucleo che è partito dal gruppo che ci ha aiutato a vincere gli Europei.

L’allenatore incaricato di rivitalizzare un gigante caduto dopo non essere riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018 stava prendendo strane decisioni che hanno fatto crollare la squadra.

Giovedì la nostra squadra è stata priva di carattere e carattere senza Giorgio Chiellini (C) e Leonardo Bonucci.

Giovedì la nostra squadra è stata priva di carattere e carattere senza Giorgio Chiellini (C) e Leonardo Bonucci.

Ha ignorato la crisi di identità in corso all’interno della rosa e ci è costato contro una squadra di basso rango che dovremmo sconfiggere comodamente.

Mancini è molto legato emotivamente ai suoi giocatori e si rifiuta di portare troppi volti nuovi nella squadra.

Avrebbe dovuto essere impossibile continuare a vincere la finale di Euro 2020 – che ora sembra essere una vittoria fortunata – con una sconfitta del genere per una squadra come la Macedonia del Nord.

In verità, siamo sempre stati una squadra di scarsa qualità, ma solo ora il mondo si è seduto per accorgersene. Gli uomini di Mancini erano privi di ogni carisma in campo senza Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini presenti.

Mancini ha rovinato la nostra squadra, che in campo sembra avere paura di fare anche le cose più semplici.

Siamo diventati troppo a nostro agio e abbiamo paura di cambiare i nostri modi – stiamo ancora cullando il culmine di quella famosa notte a Wembley la scorsa estate.

Mancini giura sui giocatori a cui ha mostrato più lealtà durante il tour di Euro 2020, il che dimostra solo quanto sia scaramantico.

Mancini conta sui giocatori a cui ha mostrato più fedeltà durante Euro 2020

Mancini conta sui giocatori a cui ha mostrato più fedeltà durante Euro 2020

IMMOBILE è il miglior giocatore del LAZIO, un flop player per l’Italia

Ciro Immobile è la più grande delusione del nostro team fino ad oggi.

Giovedì abbiamo avuto un attaccante che sembrava più interessato a farsi acconciare i capelli che a infastidire la difesa della Macedonia del Nord.

READ  Juventus - Spezia 1-0: Morata segna il gol della vittoria mentre i padroni di casa tengono sotto pressione le prime tre in Serie A

Il fuoriclasse della Lazio non è mai riuscito a segnare un gol decisivo in queste grandi e influenti partite e l’Italia soffre terribilmente per la sua mancanza di impatto di conseguenza.

Ciro Immobile è anche una grande delusione per noi perché non ha mai replicato la sua forma sgargiante con la Lazio sulla scena nazionale

Ciro Immobile è anche una grande delusione per noi perché non ha mai replicato la sua forma sgargiante con la Lazio sulla scena nazionale

Quando veste la maglia dell'Italia si trasforma in un flop e rende il nostro attacco molto prevedibile

Quando veste la maglia dell’Italia si trasforma in un flop e rende il nostro attacco molto prevedibile

CIRO IMMOBILE IN SERIE A 21-22

Messaggi totali: 34

Gol totali: 26

Serie A italiana

Applicazioni: 25

Gol: 21

Coppa Italia

Applicazioni: 2

Obiettivi: 1

Lega Europea

Applicazioni: 7

Obiettivi: 4

È conosciuto come il “Grande Ciro” in Italia per la sua eccezionale prestazione in Serie A con la Lazio, segnando 26 dei 34 gol in questa stagione. Ma una volta in maglia azzurra è un flop, il che rende i nostri attacchi molto prevedibili.

Il giocatore che segna regolarmente 20 gol in più a stagione con la Lazio semplicemente non esiste per la nazionale. Com’è possibile?

La ragione di ciò è la sua mancanza di personalità e carattere privo di carisma. È troppo impegnato a giocare a nascondino durante le partite quando abbiamo bisogno che si alzi in piedi e mostri le sue capacità e mostri una migliore disciplina tattica.

Mancini avrebbe potuto trovarsi in una posizione molto migliore se avesse riposto la sua fiducia in Mario Balotelli, che potrebbe avere un passato focoso e controverso ma è in ottima forma fisica ed è molto elogiato per le sue prestazioni in Turchia con il nuovo club Adana Demirspor.

Potrebbe non essere più “Super Mario”, ma sicuramente avrebbe fatto di più in attacco e avrebbe dato all’Italia un’altra opzione per rafforzare i loro deboli sforzi.

READ  Iannis Hagee è ricercato dalla squadra al primo posto in Italia / Sono stati presi diversi contatti per negoziare il trasferimento

Quella sera Mancini avrebbe potuto ispirare meglio i suoi attaccanti se avesse concesso a Joao Mario solo pochi minuti per fare centro.

Mario ha perso una buona occasione per segnare e sembrava vivace dopo il suo vantaggio all’89’ della partita. È stato un delitto che Mancini ha fatto entrare troppo tardi.

Avrebbe dovuto partire dal fischio perché è stato il giocatore con più passaggi per i nostri attaccanti in tutto il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.