L’Italia non si qualifica, perde contro la Macedonia

Domenico Berardi e l’Italia hanno sbagliato diverse occasioni nelle qualificazioni ai Mondiali contro la Macedonia del Nord, poi hanno perso con un gol nel finale a Palermo. (Photo by Matteo Ciambelli/DeFodi Images via Getty Images)

L’Italia è stata un appuntamento fisso nelle finali della Coppa del Mondo maschile per sei decenni, poiché si è qualificata per il primo torneo di calcio a colpo sicuro e ha vinto il terzo e il quarto titolo. Si è affermato come uno dei giganti culturali e competitivi dello sport. Ha costruito un fiorente campionato nazionale e una nazionale temuta che sembrava insensibile al fiasco.

Tuttavia, giovedì a Palermo, questa squadra non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo per la seconda volta consecutiva.

Ha perso contro la Macedonia, un’ex Repubblica Jugoslava che non si è mai qualificata, e anche quest’anno non si è mai avvicinata. Alexander Trajkovsky ha segnato un gol nei tempi di recupero per sconfiggere gli italiani. I suoi compagni di squadra sono scesi in campo guidando un’intera nazione di 60 milioni di giocatori italiani, mani alla testa e elettrizzati.

“Siamo storditi”, ha detto il difensore italiano Giorgio Chiellini.

La sconfitta per 1-0 ha portato l’Italia ad essere eliminata dalle qualificazioni europee, La stessa è stata la sconfitta contro la Svezia quattro anni fa. Ma questo fallimento non era del tutto sorprendente. colui il quale La squadra italiana aveva vacillato in un girone di qualificazione che includeva la Spagna e alla fine ha ceduto ai quarti di finale della Coppa del Mondo. Ho promesso di non lasciare che ciò accada di nuovo.

Questo, solo otto mesi fa, ha vinto un campionato europeo. Sembrava un contendente alla Coppa del Mondo, un gigante che si è svegliato da un sonno. Aveva Lorenzo Insigne, mago, e Federico Chiesa, esterno implacabile dall’altra parte. Aveva Jorginho, il direttore d’orchestra più importante del mondo, e una solida serie di vittorie. Aveva Gianluigi Donnarumma, uno sparo tentacolare e altro ancora.

READ  Catania, alluvioni in Sicilia: 'Medico' strappa in tutto il sud Italia, con altre piogge attese

Hanno subito solo una volta nei primi sei turni di qualificazione. I loro piani per il Qatar erano pronti. Sono entrati a novembre con un margine di errore nella finestra di qualificazione alla finale europea. Una vittoria sulla Svizzera in casa, a Roma, nell’ornato Stadio Olimpico, confermerebbe questi piani.

Ma il 12 novembre tutto cominciò a sgretolarsi. Jorginho ha sbagliato un calcio di rigore al 90′ che avrebbe posto fine alle qualificazioni. L’Italia si accontenta del pareggio con gli svizzeri. Sono entrato nell’ultima giornata di gioco di squadra sapendo che probabilmente sarebbe bastata una vittoria sull’Irlanda del Nord, ma poi non è riuscito a trovare un gol. La frustrazione imperversava. Sforzo nervoso.

“Sei proprio come *** San Marino!” I tifosi dell’Irlanda del Nord hanno cantato mentre la loro squadra ha pareggiato 0-0 con l’Italia. “Proprio come *** San Marino!”

La Svizzera ha vinto la partita quel giorno e ha inviato gli italiani alle qualificazioni. Una lotteria quasi casuale li ha messi in rotta di collisione con il Portogallo. Gli ultimi due campioni d’Europa si incontreranno testa a testa in una finale; Uno andrà ai Mondiali e l’altro no.

Ma l’Italia non ci è arrivata.

In primo luogo, doveva conquistare la bassa Macedonia del Nord – popolazione 2 milioni, PIL uno su 150 dell’Italia.

Giovedì non poteva.

Domina il gioco. Ci sono voluti 32 tiri su quattro angoli in Macedonia del Nord e 16 angoli a zero in Macedonia del Nord. Fissò le diverse reti, ma non riuscì a colpirle.

Ha creato un caso dopo l’altro, ruggendo dopo 30.000 persone in Sicilia.

READ  Le migliori offerte di Cyber ​​Monday MediaWorld: iPhone, Samsung, TV e altro ancora

Nulla è cambiato, e quel ruggito è diventato un gemito. 30.000 sono diventate formiche.

Il loro timore era, per la maggior parte del secondo tempo, che gli italiani restassero senza idee; Quella situazione di stallo 0-0 non verrà superata; Quei tempi supplementari andranno e verranno e quegli orribili calci di rigore casuali determineranno la sopravvivenza della Coppa del Mondo.

Ma ancora una volta, l’Italia non ci è arrivata. Trajkovsky ha afferrato una seconda palla. Il suo proiettile ha colpito Donnarumma con i piedi piatti.

La palla è passata sul portiere italiano e i giocatori che lavorano per club di Cipro, Arabia Saudita, Slovacchia, Romania e Moldova si sono diretti verso il loro eroe dei gol, che gioca lui stesso per un club saudita in uno stadio da 7.000 posti.

I giocatori ingaggiati da club come Paris Saint-Germain, Chelsea, Juventus e Inter si sono infilati le maglie in faccia e si sono infilati la testa tra le mani.

Centinaia di fan macedoni itineranti alzano i pugni al cielo e sventolano bandiere eccitati. Migliaia di italiani fischiano e fischiano. Donnarumma fissava l’erba. Emerson Palmieri l’ha indossato. Jorginho scosse la testa. Marco Verratti asciuga le lacrime. Alcuni fan hanno visto in anteprima la scena da lontano, i loro mozziconi bloccati sui sedili, i loro volti sotto shock.

Il più grande di loro ha visto 14 partite consecutive di Coppa del Mondo maschili, otto semifinali e quattro titoli risalenti agli inizi del torneo prima della guerra mondiale.

Mentre se ne stavano lì, paralizzati dall’ansia e dall’incredulità, hanno affrontato l’inimmaginabile: che l’Italia, la potente Italia, sarebbe rimasta 12 anni interi senza vedere i Mondiali maschili.

READ  Il menu del brunch di questo weekend in una location di Vancouver vi porterà in Italia

“È un incubo” Verratti ha detto dopo la partita. “Avevamo i giocatori per sfidarli per il campionato Italy fails to qualify, loses to North MacedoniaMa qui stiamo parlando di un disastro”.

Jorginho, che ha sbagliato due rigori costosi in un gioco di squadra, Egli ha detto Mi stavano “inseguendo per il resto della mia vita”.

Il tecnico della squadra Roberto Mancini ha detto che vincere l’Europeo la scorsa estate è stata “l’esperienza più straordinaria della mia vita”. “Questa è stata la delusione più grande”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.