Il calcio è quasi tornato a casa prima di prenotare un biglietto per la Roma

Quindi si è scoperto che, con sollievo della maggior parte dei fan irlandesi, le voci sul ritorno del calcio a “casa” erano in qualche modo false. Come ormai sappiamo, il calcio andava via come al solito, ma verso una città in sintonia con “casa”, da qui l’equivoco.

È un viaggio familiare con il gioco. E in un’umida notte di Dublino, mentre guardavo l’Italia vincere di nuovo, questa volta ai calci di rigore, la gente del posto era felice di desiderare il calcio.

Per l’Irlanda, Euro 2020 colpito dalla pandemia è arrivato a una conclusione adeguata, un anno dopo, con i pub ancora chiusi e solo pochi nel centro di Dublino che sfidano le fosche previsioni del tempo per allestire posti a sedere all’aperto con schermi.

Tuttavia, nella versione Liffey-side di Little Italy, accanto a un murale di una moderna versione dublinese dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, i fan italiani hanno cantato il loro inno nazionale, mentre i simpatizzanti irlandesi brontolavano insieme alle strane parole e al messaggio della storia dell’antichità. (“Ho risvegliato i fratelli d’Italia / Italia / L’elmo di Scipione / Gliel’ho messo in testa.”)

Era l’ombrello Scipione che avremmo potuto fare. Ma l’invocazione al grande generale romano, che sconfisse Annibale e i suoi elefanti nella seconda guerra punica (dopo i tempi supplementari), sembrava più appropriata del solito.

Ha trionfato anche in casa del nemico – Cartagine – anche se una piccola traversata alpina di Annibale non ha avuto eco in questo torneo: l’Inghilterra ha dovuto appena attraversare la M25 per raggiungere la finale.

I giocatori dell’Italia festeggiano la vittoria del Campionato Europeo 2020. Foto: Laurence Griffiths/PooL/AFP via Getty

L'attaccante inglese Jadon Sancho non è riuscito a segnare ai calci di rigore.  Foto: Frank Augustin/Paul/AFP via Getty

L’attaccante inglese Jadon Sancho non è riuscito a segnare ai rigori. Foto: Frank Augustin/Paul/AFP via Getty

Il portiere dell'Italia Gianluigi Donnarumma ha parato un tiro dell'attaccante inglese Jadon Sancho ai rigori.  Foto: Paul Ellis/Paul/AFP via Getty

Il portiere dell’Italia Gianluigi Donnarumma ha parato un tiro dell’attaccante inglese Jadon Sancho ai rigori. Foto: Paul Ellis/Paul/AFP via Getty

palla rotonda

I tifosi italiani erano fiduciosi, ma non troppo. “E’ il calcio e la palla è rotonda”, ha detto filosofico Massimiliano Romuli dell’Umbria, prevedendo che l’Inghilterra sarebbe andata avanti ma l’Italia sarebbe tornata a vincere 3-1. Claudia Bussani di Firenze ha accettato la trama ma ha scelto 2-1.

Avevano ragione sull’avanzata dell’Inghilterra. In una notte in cui gli schermi di internet gelavano ovunque, anche l’Italia sembrava congelata per il primo gol. La pizza non veniva mangiata da un po’ e sul murale di solito Giuda sembrava colpevole mentre si preparava a intrufolarsi.

Ad alcuni di noi è stato ricordato che l’Irlanda avrebbe dovuto essere uno dei 12 padroni di casa del torneo, prima di cedere la partita degli ottavi di finale a Wembley, poiché l’Inghilterra ha beneficiato di una vittoria sulla Germania. Ma se non la scorecard, gli italiani avevano già visto la trama. Era un’altra notte all’opera. Di solito alla fine vincono.

Gli estremisti della linea dura nell’Unione Europea potrebbero aver salutato la vittoria dell’Inghilterra come politica. Ma anche questa volta il calcio non è tornato a casa. Per i sostenitori della Brexit che cercano di contattarla, potrebbe essere applicata una tassa rumena.

READ  Antonio Conte si è divertito nella vittoria del Tottenham sul Brentford poiché l'italiano afferma che la sua squadra ha mostrato "anima"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *