Zhao, l’ex CEO di Binance, sta esortando il giudice a permettergli di lasciare gli Stati Uniti prima della sentenza

Zhao, l’ex CEO di Binance, sta esortando il giudice a permettergli di lasciare gli Stati Uniti prima della sentenza

24 novembre (Reuters) – Gli avvocati dell’ex CEO di Binance Changpeng Zhao stanno esortando un giudice statunitense a respingere la richiesta del Dipartimento di Giustizia di impedirgli di tornare nella sua casa negli Emirati Arabi Uniti fino a quando non sarà condannato per aver violato i requisiti antiriciclaggio.

Chow Avvocati presso A Deposito giovedì Ha chiesto al giudice distrettuale statunitense Richard Jones di Seattle di non revocare le condizioni di cauzione fissate martedì da un magistrato che gli avrebbero consentito di lasciare gli Stati Uniti in attesa della sentenza.

Zhao, cittadino degli Emirati Arabi Uniti e del Canada, ha rassegnato le dimissioni martedì dalla carica di CEO di Binance dopo essersi dichiarato colpevole di aver causato intenzionalmente all’exchange globale di criptovalute il mancato mantenimento di un efficace programma antiriciclaggio.

Le autorità statunitensi hanno affermato che la piattaforma Binance ha violato le leggi antiriciclaggio e sulle sanzioni statunitensi e non ha segnalato più di 100.000 transazioni sospette con organizzazioni descritte dagli Stati Uniti come gruppi terroristici, tra cui Hamas, Al-Qaeda e lo Stato islamico in Iraq e Siria.

Come parte del patteggiamento, la società ha accettato di pagare più di 4,3 miliardi di dollari. Zhao ha accettato di pagare una multa di 150 milioni di dollari alla CFTC statunitense e ai pubblici ministeri coinvolti nel caso. Deposito mercoledì Ha detto che rischia fino a 18 mesi di prigione.

READ  Zara risponde dopo la reazione negativa alla recente campagna

Lunedì, il Dipartimento di Giustizia aveva chiesto a Jones di annullare la decisione del giudice statunitense Brian Tsuchida di consentire a Chow di tornare nella sua terra natale, gli Emirati, prima della sua condanna il 23 febbraio, dopo aver accettato di rilasciarlo dietro cauzione di 175 milioni di dollari.

Il governo ha affermato che potrebbe non essere in grado di garantire il suo ritorno se sceglierà di non tornare negli Stati Uniti per la sentenza, data la mancanza di un trattato di estradizione con gli Emirati Arabi Uniti e perché Zhao è un miliardario con un patrimonio significativo.

Ma gli avvocati di Zhao hanno sostenuto che l’ex amministratore delegato aveva dimostrato di non essere a rischio di fuga accettando un pacchetto di cauzione “sostanziale” e venendo volontariamente negli Stati Uniti per assumersi la responsabilità delle sue azioni.

Gli avvocati della difesa hanno affermato che consentire a Zhao di tornare negli Emirati Arabi Uniti gli avrebbe permesso di prendersi cura della sua compagna e di tre figli e di prepararli per la sua condanna.

Venerdì il Dipartimento di Giustizia ha risposto in una nota che la sua decisione all’udienza di martedì di raccomandare che Chow rimanesse libero prima della sentenza era “eccezionale” ed era stata fatta solo perché credeva che il rischio di fuga da lui presentato potesse essere “gestito” limitando i suoi viaggi.

“Nella stragrande maggioranza dei casi, l’imputato miliardario che si è dichiarato colpevole sarà detenuto, rischierà potenzialmente una pena detentiva e vivrà in un Paese che non estrada i suoi cittadini negli Stati Uniti”, hanno detto gli avvocati del Dipartimento di Giustizia.

READ  La riparazione della batteria GM Chevy Bolt EV può portare a molti proprietari più autonomia di quanto non avessero originariamente

Nate Raymond fa rapporto a Boston. Montaggio di Alexia Garamfalvi, Margarita Choi e Danielle Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Nate Raymond riferisce sulla magistratura federale e sul contenzioso. Può essere raggiunto all’indirizzo [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *