Palestinesi arrestati da Israele a Gaza, bendati e nudi | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Palestinesi arrestati da Israele a Gaza, bendati e nudi |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Almeno 100 uomini palestinesi arrestati dalle forze israeliane sono stati spogliati fino alle mutande, bendati e costretti a inginocchiarsi in una strada nel nord di Gaza, secondo foto e video ampiamente diffusi sui social media e confermati dall’esercito israeliano.

Gli uomini sono apparsi con la testa chinata mentre le forze israeliane li sorvegliavano in un video non datato apparso per la prima volta giovedì e che ha suscitato condanna.

Alan Fisher di Al Jazeera, in un reportage da Gerusalemme Est occupata, ha detto venerdì che le immagini riecheggiavano la storia della regione, con uomini nudi trasportati in luoghi sconosciuti.

Molti degli arrestati sono stati identificati dai membri della comunità e dalle loro famiglie.

“Alcuni dicono che uno di loro era uno studente, un altro gestiva un negozio locale e un altro non aveva alcun legame con il terrorismo perché viveva in un condominio… Diverse persone hanno riconosciuto un noto giornalista locale tra gli arrestati”, ha detto Fisher, il quale ha aggiunto che un uomo era con i suoi due figli, i tre sono stati arrestati.

Shawan Jabareen, direttore della Fondazione Al-Haq per i diritti umani, si è detto “scioccato” nel vedere le immagini che gli hanno ricordato il trattamento riservato ai detenuti e ai prigionieri di guerra durante la Seconda Guerra Mondiale.

“Questo [is] Ha detto ad Al Jazeera che questo è disumano, equivale a tortura e, soprattutto, è un crimine di guerra e un crimine contro l’umanità.

I media israeliani hanno riferito che alcune foto sembravano mostrare sospetti combattenti di Hamas che si arrendevano alle forze israeliane.

Imran Khan di Al Jazeera, riferendo da Tel Aviv, ha detto più tardi venerdì che alcuni palestinesi arrestati nell’incidente erano stati rilasciati.

READ  La polizia svedese autorizza la protesta di un uomo che intende bruciare la Torah e la Bibbia davanti all'ambasciata israeliana

Secondo i familiari, uno dei detenuti rilasciati era il proprietario di un negozio e non aveva alcun legame con Hamas.

Per quanto riguarda la risposta israeliana alle foto, Khan ha affermato che la dichiarazione dell’esercito non era una scusa.

“Questa è solo una tattica che useranno. A loro non interessano le critiche della comunità internazionale o dei gruppi per i diritti umani”, ha aggiunto.

Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano, ha detto in precedenza: “Durante questi combattimenti, coloro che risiedono nella zona, escono dai tunnel e alcuni escono dalle case. Investighiamo e verifichiamo chi è legato ad Hamas e chi non lo è, e noi arrestarli e trattenerli”. Interrogateli tutti.”

Non ha parlato direttamente delle foto ma ha detto che finora sono stati interrogati centinaia di sospettati e che molti di loro si sono arresi nelle ultime 24 ore.

L’Euro-Mediterranean Human Rights Monitor ha affermato che gli uomini sono stati “arrestati arbitrariamente” nel nord della Striscia di Gaza dopo che le forze israeliane hanno circondato per diversi giorni due rifugi nella città di Beit Lahia.

L’organizzazione ha affermato in un comunicato che è stato prelevato dalle scuole Khalifa Bin Zayed e Nuova Aleppo, che sono affiliate all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA).

Ahmed Badir, presidente del gruppo di impegno civico United Voice for America, ha descritto le immagini come “orribili”.

Ha detto ad Al Jazeera: “Questo è un modo di umiliazione, è una guerra psicologica volta a spezzare il popolo palestinese e a dirgli che non esiste un posto sicuro, compresi i rifugi”.

Il canale di notizie Al-Arabi Al-Jadeed, noto anche come Al-Arabi Al-Jadeed, ha detto che il suo corrispondente Diaa Al-Kahlot era tra le persone detenute ed è stato trasferito in un luogo sconosciuto.

READ  La figlia di Malcolm X sta facendo causa alle agenzie per il suo presunto ruolo nell'omicidio Notizie sui diritti civili

Il quotidiano Al-Arabi Al-Jadeed ha affermato in una dichiarazione sul suo sito web che lui, i suoi fratelli e altri parenti erano tra le dozzine di uomini arrestati, aggiungendo che i detenuti sono stati costretti a togliersi i vestiti e sono stati perquisiti prima di essere trasferiti al una destinazione sconosciuta.

L’agenzia ha invitato “la comunità internazionale, i difensori dei diritti dei giornalisti, le organizzazioni di controllo e gli organismi per i diritti umani a condannare questo continuo attacco commesso dall’esercito di occupazione israeliano contro i giornalisti dal… [October 7] E compiere sforzi per garantire la loro liberazione dalla detenzione e la loro protezione”.

Violazione del diritto internazionale

Venerdì il movimento armato palestinese Hamas ha condannato lo spogliamento degli uomini e ha invitato i gruppi internazionali per i diritti umani a indagare sull’incidente.

Izzat Al-Rishq, leader del movimento Hamas: “Spogliarli dei loro vestiti in modo umiliante è un palese crimine sionista come ritorsione contro i nostri cittadini indifesi a seguito degli attacchi a cui sono stati sottoposti i suoi soldati e ufficiali per mano degli uomini della resistenza palestinese”. Lo ha detto il funzionario in una nota.

La dichiarazione afferma: “Riteniamo l’occupazione responsabile della loro vita e della loro sicurezza e chiediamo a tutte le istituzioni e organizzazioni umanitarie e per i diritti umani di intervenire”.

“Naturalmente, sarebbe una violazione del diritto internazionale se i prigionieri di guerra fossero trattati in questo modo e venissero scattate fotografie e poi pubblicate”, ha detto Fischer.

Ha aggiunto che ciò che è più preoccupante per i gruppi umanitari internazionali e le organizzazioni per i diritti umani è che “non è del tutto chiaro dove siano stati portati questi uomini o cosa potrebbe realmente accadere loro”.

Le foto e i video sono stati presi dal sito delle forze israeliane e uno dei filmati mostra dozzine di uomini seduti a gambe incrociate in file di tre e quattro con la testa chinata nel mezzo di un’ampia strada.

READ  Il segretario alla Difesa Lloyd Austin si scusa per il ricovero segreto in ospedale

Una foto mostra soldati armati di fucili d’assalto a guardia di dozzine di uomini inginocchiati in fila accanto al muro di un edificio. Un’altra foto mostra i detenuti in fila in un campo vuoto.

L’ultimo video sembra mostrare i detenuti ammassati nel retro di camion militari in movimento.

Israele ha affermato di aver arrestato e interrogato centinaia di palestinesi nella Striscia di Gaza e nella Cisgiordania occupata dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele.

A seguito di questi attacchi, Israele ha avviato un attacco aereo e terrestre su larga scala sulla Striscia.

Secondo le autorità della Striscia, dal 7 ottobre sono stati uccisi a Gaza più di 17.100 palestinesi.

Israele ha affermato che il bilancio delle vittime è stato di circa 1.150.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *