L’Irlanda dice addio al cantautore Shane MacGowan | Notizie sulla musica

L’Irlanda dice addio al cantautore Shane MacGowan |  Notizie sulla musica

Migliaia di persone a Dublino stanno rendendo omaggio al musicista conosciuto come il cantante dei Pogues.

Migliaia di persone hanno affollato le strade di Dublino per dire addio a Shane MacGowan, il cantante punk londinese-irlandese che ha trasformato la musica tradizionale irlandese con i Pogues.

Venerdì una band ha guidato il corteo funebre attraverso il centro di Dublino mentre la folla cantava canzoni amate come Dirty Old Town, il classico folk MacGowan e The Pogues che hanno contribuito a guadagnare popolarità.

Il funerale dovrebbe svolgersi presso la chiesa di St Mary of the Rosary nella città di Nenagh, a ovest di Dublino, alle 15:30 GMT, dopodiché si svolgerà un’altra processione attraverso la contea di Tipperary.

MacGowan ha trasformato la musica folk irlandese dandole un atteggiamento e uno stile punk, come si vede nella popolare canzone di Natale del 1988 Fairytale of New York. [Charles McQuillan/Getty Images]

McGowan ha scritto alcune delle storie più dolorose degli anni ’80. È morto il 30 novembre all’età di 65 anni dopo essere entrato e uscito dall’ospedale da luglio.

Alcuni colleghi musicisti la scorsa settimana hanno tenuto un tributo a McGowan, divenuto noto anche per la sua pronuncia biascicata, la perdita dei denti e i crolli sul palco dovuti all’abuso di droga e alcol che lo ha colpito sin dagli anni ’90.

“Shane MacGowan, amico, significava tutto per me”, ha detto il musicista Roland Conroy all’agenzia di stampa Reuters. “Cantante rock irlandese, incarnava tutto: James Joyce, Oscar Wilde, William Butler Yeats. Un poeta. Appena [brings] Una lacrima agli occhi. È un giorno triste. È un giorno tragico in Irlanda. “Il mondo piange.”

Il primo ministro Leo Varadkar ha descritto McGowan come un “musicista e artista meraviglioso” le cui canzoni “catturano magnificamente l’esperienza irlandese, in particolare l’esperienza di essere irlandese all’estero”.

READ  "La noiosa TV non funziona", dice la star di "Traitors Canada", ex VJ di MuchMusic Rick Campanelli.
McGowan, ex cantante dei Pogues, nel 1995 [File: Stringer/Reuters]

MacGowan ha co-formato i The Pogues, che fondevano il punk con la musica folk irlandese, nel 1982. È nato in Inghilterra ma ha trascorso gran parte della sua infanzia in Irlanda con la famiglia di sua madre.

L’apice del suo successo arrivò nel 1987 con “Fairytale of New York”, che MacGowan cantò in duetto con Kirsty MacColl per creare un classico natalizio istantaneo in cui una coppia estranea si scambia insulti.

La canzone, che è tornata nella Top 40 dei singoli del Regno Unito ogni anno dal 2005 ma non ha mai raggiunto il numero 1, è salita al numero 3 nelle classifiche negli ultimi giorni, una settimana prima di raggiungere il numero uno questo Natale.

Il pubblico al corteo funebre ha cantato canzoni amate come Dirty Old Town, il classico folk MacGowan e The Pogues, contribuendo a guadagnare popolarità [Charles McQuillan/Getty Images]

I Pogue sono diventati un simbolo globale dell’irlandese, sia in patria che nella vasta diaspora del paese, con il contributo di McGowan riconosciuto in una serie di tributi da parte di leader politici.

La canzone dei Pogues del 1988 Streets of Sorrow/Birmingham Six, che raccontava la difficile situazione di sei irlandesi ingiustamente imprigionati a causa di attentati mortali nei pub di Birmingham, è stata bandita dalle onde radio britanniche.

Mary Lou McDonald, presidente del partito politico repubblicano Sinn Féin, ha descritto McGowan come un “poeta, sognatore e campione della giustizia sociale”.

“Nessuno ha raccontato la storia irlandese come Shane. Ci ha cantato sogni e storie di immigrazione”, ha detto.

MacGowan dei The Pogues si esibisce sul palco del British Summer Festival di Londra nel 2014 [File: Tristan Fewings/Getty Images]

Michael Martin, il vice di Varadkar, ha detto di essere “devastato” dalla morte di McGowan.

“La sua morte è particolarmente toccante in questo periodo dell’anno mentre ascoltiamo” Fairytale of New York “, una canzone che risuona con tutti noi”, ha scritto.

READ  Joe Godis in Talks for His Reality Show in Italy: Report

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *