“Non vogliono venire al nostro servizio? È la loro opinione!” Cosa succede agli atleti rumeni dall’Italia

  • League 1: UTA – University of Craiova, Lunedì, 19:00, Digi Sport 1

  • Campionato europeo di pallamano femminile: Ungheria – Romania, Lunedì, 21:30, Digi Sport 1

Il gruppo, che è dovuto tornare a casa quattro settimane fa, verrà quindi messo in quarantena a Snagov Hanno anche temuto Base del personale. Gli atleti affermano di non aver avuto problemi, visto che erano lontani dalle zone colpite.

Florin Popescu: “Veniamo da una regione che non è colpita dal Coronavirus”

Dopo che un giornalista gli ha detto che proveniva da una regione infetta dal Coronavirus, l’allenatore Florin Popescu ha risposto: “Forse è un’informazione fuorviante, veniamo da una regione in cui non è stata colpita (non interessata). È interessata l’Italia, ma è in un altro luogo, è la Lombardia. Eravamo a circa 7-800 chilometri (La – Sapodia, regione Lazio) nella zona in cui eravamo In esso, le persone si comportavano normalmente. All’aeroporto nessuno era in preda al panico. Indossiamo una maschera per precauzione, questo non è un problema, perché tutti la indossano sull’aereo e in aeroporto. Non è la prima volta che è successo, e due mesi fa indossavo una maschera.

Domenica mattina (no, abbiamo deciso di tornare a casa). Ho detto per il bene della nostra protezione e degli atleti, soprattutto perché i Giochi Olimpici ci aspettano, abbiamo deciso di venire nel Paese. Non avevamo paura dell’influenza in nessuna circostanza, avevamo paura che si diffondesse e in qualche modo saremmo rimasti isolati lì. Ma quello che posso dire è che domenica a Sapodia c’era anche il carnevale, quindi va tutto bene. Penso che il panico sia maggiore qui. In Italia, a Roma, era davvero facile, nessuno si turbava, nessuno portava nemmeno una maschera. La formazione non è influenzata. Dalle informazioni che abbiamo ottenuto, fa caldo nel paese e possiamo fare un normale allenamento. Solo domani mattina (no – oggi) alle nove senza un quarto, entriamo in allenamento “.

READ  Juventus 3-2 Genoa | La vittoria della squadra di Pirlo all'andata come inizio per Dragosin! Forte prestazione del cannone romano!

Florin Popescu ha anche parlato del fatto che i dipendenti della CNS Snagov non hanno voluto contattare i membri della delegazione del gommone: “Non vogliono venire al nostro servizio? È la loro opinione o è una loro decisione. Andiamo al campo e facciamo il nostro lavoro, perché abbiamo le Olimpiadi. Quarantena?” Da quello di cui abbiamo parlato al telefono, le stanze sono pronte (no – a Snagov), ci aspettiamo “.

Complesso sportivo nazionale di Snagov / Foto: csnsnagov.ro

Dipendenti di CSN Snagov, minacciati di licenziamento

I dipendenti di CSN Snagov, preoccupati per i rischi che stanno correndo, affermano di essere stati minacciati di licenziamento dalla direzione della base sportiva se dovessero essere assenti dal lavoro nel prossimo periodo.

“Questa sera è rientrato dall’Italia in aereo, gli atleti saranno trasportati con bus diretto al Complesso Sportivo Nazionale Snagov. Durante la giornata, 25 febbraio, gli atleti del Gruppo Sollevamento Pesi Complesso Izvorani e altri che sono stati trasportati al CSN Nicolae Navasart sono stati rilasciati a quelli del CSN Snagov. Il resto degli atleti che erano nel campo oggi sono fuggiti qui dalla base per conoscere la notizia.

L’incontro con i dipendenti è stato teso e, a causa della paura delle persone per i rischi a cui erano esposti, sono stati minacciati di licenziamento e chiunque è stato costretto a non essere assente nel prossimo periodo. Il ministro Yunoy Straw e il direttore del CSN Snagov obbligano i dipendenti a servire gli atleti che verranno dall’Italia, anche se il rischio di contrarre il Coronavirus è alto. Le regole applicate ai rimpatriati dall’Italia che vengono rimandati a casa in quarantena non sono state osservate e il personale in servizio alla base sportiva non è tutelato.

READ  Paulo Odojo: La star del calabrone è sottosopra per convocare l'Italia al Sei Nazioni

È inaccettabile costringere le persone a lavorare nel centro di quarantena. Se la decisione è di isolare gli atleti sulla base sportiva, è necessario portare gli specialisti e i materiali necessari. Il materiale viene inviato su richiesta dei nostri membri che richiedono il nostro supporto. Informeremo l’Unità di supporto all’implementazione, la Gendarmeria e il DSP in merito alla mancata osservanza delle procedure in queste situazioni e all’esposizione del personale a rischi., In una dichiarazione, secondo news.ro.

L’Italia è diventata in pochi giorni il Paese europeo più colpito per numero di casi di coronavirus. Da venerdì ad oggi ne sono state registrate altre in Italia 320 casi Malattia da coronavirus e 11 morti.

Tag: Italia E il Romania E il Florin Popescu E il Corona virus E il Complesso sportivo nazionale di Snagov E il Lotto di canoe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *