Inflazione: nel 2021, ma quali prezzi stanno aumentando?

Frank Rampenhurst Alliance / Immagine tramite Getty Images

Alcuni esperti finanziari prevedono un ritorno dell’inflazione nel 2021, dopo che il tasso di inflazione della Germania è stato nuovamente negativo a novembre.

In un’intervista a Business Insider, l’economista Cyrus de la Rubia ha spiegato che prevede che i prezzi aumenteranno nel prossimo anno, soprattutto nel settore del turismo e degli eventi, ma solo temporaneamente.

Dice che potrebbe volerci fino al 2023 perché l’inflazione rimanga più alta. Ma altri esperti si aspettano che i prezzi aumentino più rapidamente prima.

La questione dell’inflazione gioca un ruolo nelle aspettative del mercato dei capitali di molti istituti. Dopo che è stato recentemente annunciato alla Germania che anche il tasso di inflazione è stato negativo a novembre a -0,3%, gli esperti prevedono che il tasso di inflazione tornerà l’anno prossimo.

Uno dei motivi principali alla base dei prezzi bassi in Germania sono gli effetti rari come un calo dell’imposta sul valore aggiunto fino alla fine dell’anno e, in particolare, i prezzi più bassi dell’energia. Il gasolio da riscaldamento costava circa il 35% in meno rispetto all’anno precedente. I consumatori hanno dovuto pagare il 13% in meno per il carburante rispetto a novembre 2019. Con la recessione economica associata a Corona, i prezzi del petrolio sono diminuiti drasticamente. Senza prendere in considerazione i prezzi dell’energia, il tasso di inflazione annuo è stato superiore allo 0,6%, secondo gli statistici.

Ma esperti come l’investitore statunitense Blackrock avvertono che i rischi di inflazione sono maggiori quando si ritiene che il tasso di inflazione rimanga basso. Cyrus de la Robia, capo economista della Hamburg Commercial Bank, ha dichiarato a Business Insider che presume anche che l’inflazione tornerà nel 2021, ma non desterà preoccupazione.

Un economista si aspetta un boom di recupero in alcuni settori

“L’inflazione in Germania tornerà in territorio positivo nel 2021, ma non all’obiettivo del 2% che la Banca centrale europea punta per la zona euro”, afferma. “In alcune regioni, potrebbero esserci aumenti di prezzo significativi per alcuni mesi sulla scia del boom di recupero, ad esempio per viaggi o eventi come concerti”, aggiunge. Potrebbero esserci picchi in queste aree, ma secondo l’economista saranno solo temporanei.

Inoltre, il prossimo anno i prezzi del carburante saranno più alti. Nel 2021, le emissioni di carburante inizieranno a scambiare a un tasso di CO2 fisso di 25 € per tonnellata. Di conseguenza, un litro di benzina aumenterà di sette centesimi e un litro di diesel di otto centesimi, In attesa di ADAC. Se il costo della vita aumenta, i sindacati potrebbero presto chiedere salari più alti, prevede Thomas Mayer, ex capo economista della Deutsche Bank e oggi presidente del Flussbach von Storch Research Institute. Sostiene che più denaro significa più consumo e quindi più prezzi.

Cyrus de la Rubia offre un altro motivo per spingere l’inflazione. “In futuro, sembra che molte aziende non stiano più globalizzando la loro catena del valore fino all’ultimo centesimo, ma per prestare maggiore attenzione ai fornitori regionali e più attività di magazzino. Di conseguenza, i prezzi per i consumatori tenderanno ad aumentare nel lungo periodo”. Sarebbe uno sviluppo inquietante.

I mercati azionari e immobiliari stanno già risentendo dell’inflazione

Ci vorrà fino all’anno successivo prima che l’inflazione diventi un’altra questione di preoccupazione per le banche centrali o gli economisti, secondo il capo economista della Hamburg Commercial Bank. La domanda non sarà sufficiente fino al 2022 per sfruttare le capacità. Solo nel 2023, quando la capacità produttiva verrà nuovamente utilizzata completamente, l’inflazione diventerà un problema, che potrebbe riflettersi anche in tassi di interesse a lungo termine più elevati, afferma.

Ma anche se il tasso di inflazione della Germania è negativo, c’è già inflazione, anche se non è nei prezzi al consumo. Sui mercati finanziari, soprattutto negli Stati Uniti, i prezzi stanno aumentando rapidamente. Un’evoluzione che potrebbe continuare nel prossimo anno. “I mercati azionari probabilmente andranno bene nella prima metà del 2021, poiché devono essere guidati dalla speranza di una vaccinazione legata al vaccino e alle banche centrali”, afferma de la Robia.

Nella seconda metà del prossimo anno, non era più sicuro di sé. “Nella seconda metà dell’anno, quando l’economia reale tornerà a crescere e le banche centrali non adottano ulteriori misure di assistenza, potrebbe essere più difficile”, afferma. Non sta parlando di banche centrali che cambiano completamente rotta. Rimarrai nell’acceleratore ma non accelererai ulteriormente, ma questo fatto da solo può causare problemi ai mercati azionari.

I mercati immobiliari hanno anche assistito a rapidi aumenti dei prezzi nel corso degli anni e le misure Corona e in particolare l’aumento delle attività di home office hanno aumentato l’importanza dello spazio nelle vostre quattro mura. In termini di tassi di interesse costantemente bassi, gli esperti prevedono anche un aumento dei prezzi degli immobili nel prossimo anno.

“L’Eurozona riesce ancora a uscire dai debiti”

Avvisi di tassi di inflazione a due cifre, Esperti come il direttore del fondo Actis Hendrik LieberNon iscriverti a de la Rubia. “Il debito in Germania e nella zona euro è legato al PIL a un livello che potrebbe ancora essere superato – anche se ci fossero singoli paesi in cui le cose sarebbero difficili, ad esempio in Italia”.

Altri esperti non sono d’accordo. L’economista Thomas Mayer ha dichiarato di recente a Business Insider: “Nessuno può prevedere esattamente questo, ma a un certo punto la situazione cambierà”. Attualmente, i consumatori spendono meno nonostante l’IVA inferiore. I requisiti Corona, come gli esercizi di ristorazione chiusi e la situazione generalmente insicura, assicurano che i tassi di risparmio aumentino in tutto il mondo.

Leggi anche

“Ad un certo punto la situazione andrà in tilt”: L’inflazione non è mai scomparsa e potrebbe danneggiare i consumatori molto presto

Se i consumatori spendono i loro soldi dopo questo periodo, la domanda può superare l’offerta e quindi portare a un aumento dei prezzi. Anche per JP Morgan Asset Management, l’inflazione è uno dei maggiori rischi per i mercati finanziari nel prossimo anno. Le proiezioni del mercato dei capitali indicano che: “Il rischio al ribasso che ci preoccupa di più è che l’inflazione ritorni più forte della crescita. In questo caso, le banche centrali dovranno sviluppare una strategia di uscita dalla loro posizione attuale molto più velocemente di quanto il mercato si aspetti. Questo getterà un’ombra sulla Prospettive economiche, ma creerà problemi maggiori per i mercati.

READ  Lavora da zero. Miss Muratura, il marchio dietro Dana Văcaru, ha raggiunto 1,2 milioni di euro di vendite nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *