BP, Edison e Shell chiedono a Usa e Ue di intervenire nella disputa Venture Global LNG

BP, Edison e Shell chiedono a Usa e Ue di intervenire nella disputa Venture Global LNG

Gli impianti fiancheggiano la sala della multinazionale britannica del petrolio e del gas BP presso il suo stand durante la fiera energetica LNG 2023 a Vancouver, British Columbia, Canada, 13 luglio 2023. REUTERS/Chris Helgren/file Foto Ottenere i diritti di licenza

HOUSTON (Reuters) – BP, Edison e Shell hanno spinto un gruppo energetico statunitense-europeo a intervenire in una controversia con l’esportatore di GNL Venture Global LNG sul gas naturale liquefatto. Una società statunitense non è riuscita a consegnare le forniture di carburante contrattualizzate.

Il mese scorso le società hanno fatto appello alla Task Force congiunta USA-UE sulla sicurezza energetica e un dirigente della Shell le ha esortate a richiedere a Venture Global LNG di “iniziare immediatamente a operare” in base ai contratti firmati tra di loro.

I tre sono tra almeno quattro clienti della società di Arlington, Virginia, che porta avanti azioni arbitrali per la carenza di fornitura di gas. Venture Global LNG ha affermato che l’impianto della Louisiana non funziona a piena capacità a causa di apparecchiature elettriche difettose che sono in fase di riparazione.

I loro appelli cercavano di persuadere L’Aia e Washington a fare pressione su Venture Global LNG sui contratti. Nella sua lettera, Shell ha accusato Venture Global LNG di dirottare risorse per costruire un secondo impianto di esportazione di GNL invece di completare le riparazioni del suo primo impianto.

Carol Howell, amministratore delegato della BP, ha scritto in una lettera separata che questo comportamento “ha scosso la fiducia nella credibilità dei fornitori di GNL statunitensi”. Ha aggiunto che i funzionari valuteranno se alla fabbrica debba essere consentito di operare ed esportare secondo le norme che regolano la costruzione.

READ  Generali (GC&C) sta assumendo posizioni di sottoscrizione triple senior

Nessuna azione da parte della task force

Un portavoce di Venture Global LNG ha dichiarato sabato che funzionari dell’Unione Europea e degli Stati Uniti hanno indicato di considerare la controversia come una “questione contrattuale tra parti commerciali”. Non è stata intrapresa alcuna azione su richiesta della Shell durante la riunione del personale del 30 ottobre.

Un portavoce della Shell ha detto sabato che la società non si aspettava una reazione immediata da parte della forza lavoro e voleva attirare l’attenzione dei funzionari sulla potenziale perdita di fiducia nel gas naturale liquefatto degli Stati Uniti. La BP ha rifiutato di commentare oltre il suo messaggio. Il gigante dei servizi pubblici Edison non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento durante il fine settimana.

Venture Global LNG sta operando a pieno regime nel suo impianto di Calcasieu Pass, ha dichiarato alle autorità di regolamentazione statunitensi. Secondo un conteggio Reuters, finora ha venduto più di 200 spedizioni per un valore di circa 18,2 miliardi di dollari. Tali vendite hanno ottenuto prezzi più alti di quelli disponibili in base ai contratti a lungo termine con le quattro società.

Shell e altri sostengono che la società ha beneficiato della crescita dei mercati globali del gas trasformando al tempo stesso la sicurezza energetica in Europa. È stato detto loro che non riceveranno gli importi contrattuali fino alla fine del 2024.

BP e Shell hanno acquistato gas dall’impianto e lo hanno venduto fuori dall’Europa, ha affermato Venture Global LNG, citando la sicurezza energetica dell’Europa nelle lettere alla task force statunitense e all’Unione Europea. L’azienda sta “lavorando duramente per il pieno completamento”. Non è stato specificato quando inizierà la piena operatività commerciale.

READ  Agenzia stampa degli Emirati - Shams vince l'International Business Award in Italia

“La Shell ha acquistato 7 carichi operativi da Venture Global e 3 di essi sono stati scambiati fuori dall’Europa per profitti maggiori. Allo stesso modo, BP ha acquistato 6 carichi operativi, 2 dei quali sono stati scambiati con destinazioni fuori dall’Europa”, secondo una dichiarazione del 10 novembre. Lettera firmata dal co-presidente di Venture Global Michael Sabel e Robert Binder.

La lettera affermava che l’emittente era impegnata a rispettare i termini dei suoi contratti e che le critiche di BP e Shell rappresentavano un tentativo di “discutere la questione attraverso i nostri regolatori e nei media”.

L’appello alla task force congiunta Usa-Ue arriva anche sulla scia del tentativo di Repsol di convincere la Federal Energy Regulatory Commission, l’ente regolatore americano dell’energia, a riaprire l’approvazione dell’impianto di Calcasieu alla luce dei problemi di avvio. Questa richiesta è stata respinta.

Lo riferisce Gary McWilliams. A cura di Diane Craft

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *