“Allora sarai teso con lo stato.”

Professor Shane: Le crisi più importanti degli ultimi anni – il fallimento di Lehman, la crisi dell’euro e l’epidemia di Corona – vengono risolte dai paesi oppressi dal debito. Cosa ci impedisce di continuare così per sempre?

Non dura per sempre. Ogni prestito ha due fasi. In primo luogo, hai denaro a tua disposizione, che puoi spendere e affrontare le emergenze. Poi arriva la fase in cui devi pagare. Questa è una fase di carestia. Se non può essere rimborsato, o almeno gli interessi possono essere pagati, porterà al fallimento.

Questo vale anche per i paesi?

Il mondo ha assistito a più di 180 bancarotte statali o svalutazioni del debito che sembrano fallimenti dopo la guerra. Piuttosto, due eventi si sono verificati nella zona euro, nel 2012 e nel 2015 in Grecia. Nel 2012, il fallimento è costato ai creditori privati ​​105 miliardi di euro e ai creditori generali più di 40 miliardi di euro se si spostano i differimenti e si tagliano i tassi di interesse. Nel 2015, ESM ha dichiarato ufficialmente il suo fallimento. Il paese è stato salvato perché altri paesi hanno sostenuto, anche attraverso misure della Banca centrale europea.

Ha calcolato che i fondi delle banche centrali nell’area dell’euro saliranno a più di seimila miliardi di euro, più di 6.000 miliardi di euro, entro il 2022. Circa 3300 miliardi di euro sono stati sostenuti come misure della Bce nella sola crisi della Corona. Quali sono i rischi di questo sviluppo?

Ci sono due rischi. La prima è quella che è nota come economia “zombi”. Le aziende che non sono più effettivamente produttive, a tassi di interesse zero, possono fallire piuttosto che fare spazio a nuove startup. L’economia degli zombi sta perdendo dinamismo, non cresce più. L’abbiamo visto in Giappone: il paese ha perso tutto il suo dinamismo a causa di un alto livello di debito unito a una drammatica espansione dell’offerta di moneta.

Il Giappone lo è invece di Vecchio paese, hai bisogno di dinamismo lì?

La popolazione anziana, in particolare, necessita di un’economia dinamica. Deve essere più produttivo perché non ci sono abbastanza giovani lavoratori.

Immagini Imago

Hans Werner Sen

L’economista Ha insegnato all’Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera ed è stato presidente dell’Istituto Ifo per la ricerca economica dal 1999 al 2016.

Shane è Keynes Adotta l’opinione che lo Stato debba entrare nell’economia per organizzarla. Tuttavia, lo Stato non dovrebbe esagerare la sua missione. Sheen critica la politica del debito della zona euro.

Qual è il secondo pericolo?

Inflazione. Oggi il denaro viene accumulato da banche, aziende e famiglie. Questi fondi creano una cosiddetta trappola della liquidità: possono essere identificati dal fatto che l’ammontare dei fondi della banca centrale è aumentato eccessivamente e continua a crescere, mentre gli aggregati monetari espansi, che includono i fondi di deposito creati dalle banche, continuano a svilupparsi naturalmente, quindi non all’inizio. Con la stessa forza. Sta crescendo come la moneta della banca centrale. Ma tutto questo può cambiare.

READ  Eluminator è il motore elettrico della Ford

dov’è il problema?

Se l’economia dovesse riprendersi dopo la crisi, la BCE non sarà in grado di impedire che questo denaro fluisca dalle casse nel ciclo dell’economia reale. Con l’offerta di moneta che aumenta da sei a sette volte, si può immaginare che questo processo non possa più essere rallentato dalle banche centrali, soprattutto perché il nuovo denaro è stato utilizzato per acquistare circa 3.500 miliardi di euro di titoli di Stato che è difficile rivendere senza gli stati del mare. Il bianco medio è nei guai. È come guidare un’auto con i freni rotti. Potrebbe andare bene per un po ‘. Finché la corsia aumenta, è possibile regolare la velocità utilizzando l’acceleratore. Ma non sai mai quando sarà in discesa. Ma poi non si poteva più interagire. Questa è la situazione in cui si è gestita la Banca centrale europea.

Quali sono le conseguenze se il denaro entra nel ciclo senza sorveglianza?

Poi i prezzi salgono. Quando le persone lo vedono, spendono i loro soldi più velocemente ei prezzi aumentano ancora di più.

Tuttavia, siamo ancora lontani dall’inflazione, poiché la Banca centrale europea non sta raggiungendo il suo obiettivo del 2%.

Questo è vero, perché il denaro si accumula in tempi di crisi. La gente non lo spende. Questo va ben oltre le banche. Ma questo porta la Banca centrale europea a presumere erroneamente che il centro di assistenza dopo la scuola possa essere ampliato a piacimento.

Qual è la dimensione dei centri di assistenza doposcuola?

Dipende da quanto durerà la crisi. Nessuno può dire quando la terra scenderà. In ogni caso è negligente intraprendere un viaggio senza freni.

I freni sono stati utilizzati dall’introduzione dell’euro?

No, non è vero. Ma prima del 2008 avrebbe potuto almeno essere utilizzato, perché l’offerta di moneta non era fuori controllo in quel momento. Quindi iniziò la fase durante la quale gli stati alla fine vivevano della stampa.

L’inflazione è inevitabile? Ci si può aspettare?

No. La rampa probabilmente non arriva dove servono i freni. Ma non puoi costruire su questo. Neanche una pandemia può essere prevista con certezza. Dopo che il Bundestag è stato ufficialmente informato dei rischi in un rapporto scientifico nel 2012, avrebbe dovuto agire, ma non è stato così. I politici tendono ad aspettare finché non è troppo tardi per agire. Questo è il caso dell’accumulo di denaro e dell’inflazione. A proposito, non sarei sorpreso se un giorno avessimo entrambi: inflazione e zombi. Stiamo parlando di stagflazione.

READ  La miniera di rame nella Columbia Britannica sospende le operazioni a causa degli incendi

Se tu fossi il capo della Banca centrale europea adesso, come prenderesti le contromisure?

Supponendo che i vaccini abbiano successo, proverò a vendere di nuovo molti titoli gradualmente per ridurre gradualmente l’offerta di moneta in modo che i tassi di interesse tornino di nuovo e i freni funzionino di nuovo. In questo modo si garantiranno risparmi e sviluppo di strutture economiche sane in Europa.

Perché la Banca centrale europea non lo fa in questo modo?

Non lo so. L’anno scorso ex alti funzionari della banca centrale di vari paesi hanno pubblicato un promemoria contro le politiche della Banca centrale europea in cui sospettavano che la Banca centrale europea volesse proteggere i paesi europei indebitati dall’aumento dei tassi di interesse. Per una ragione simile, si può presumere che la paura dell’inflazione della Banca centrale europea non sia così evidente come in Germania, perché il debito viene eroso dall’inflazione.

L’eurozona potrebbe svegliarsi dal debito?

In teoria sì, ma in pratica. L’Europa meridionale e la Francia hanno a lungo affermato di utilizzare il debito per guidare la crescita e quindi uscire dal debito. Sfortunatamente, questo non è mai stato vero. Hanno scavato sempre più a fondo nel bacino del debito. Non vedo inversione di tendenza. Ciò continuerà sempre finché la BCE non sarà ristrutturata. La Germania oggi ha tanto da dire lì quanto Malta.

Hai detto prima che se lo Stato non può pagare i suoi debiti, il fallimento è a rischio. Quando inizia questo processo?

Inizia quando i mercati dei capitali perdono fiducia e non sono più disposti a prestare denaro allo Stato. L’abbiamo visto in Grecia nel 2012 e nel 2015. Ma ancora: il rischio di fallimento nella zona euro è stato soppresso dalla responsabilità solidale e dalla monetizzazione del debito nazionale. Questo è stato sostituito dagli zombi e dal rischio di inflazione. La Germania non si svilupperà nell’Argentina europea, ma non possiamo mantenere la sua salute come vogliamo, che ha violato in maniera massiccia le regole sul debito del Trattato di Maastricht. Il debito nazionale della Germania è aumentato e punta all’80% del PIL. Ma è troppo lontano dalla Francia al 120% in prospettiva, dall’Italia al 160% o persino dalla Grecia di oltre il 200%. Tuttavia, la Germania deve stare attenta a non assumersi le proprie garanzie e anche a finire in un pantano dei debiti.

READ  TIM acquisisce selezionate unità aziendali BT in Italia

Il cambiamento sarà ancora possibile in Germania?

Naturalmente. Lo abbiamo fatto anche dopo il 2010. Dopo aver salvato le banche, avevamo un rapporto debito / PIL dell’80%. Ma poi siamo tornati allo zero nero. Fortunatamente, abbiamo il freno all’indebitamento che ci obbliga. Altrimenti non staremmo bene.

Tuttavia, in caso di pandemia, è vero che gli stati hanno investito soldi dal bilancio in circolazione?

Ovviamente. Nessuna azienda redditizia dovrebbe fallire a causa della pandemia. I pacchetti di salvataggio sono importanti per le aziende che possono ricominciare dopo una crisi. Tuttavia, è stato un errore lanciare programmi di stimolo per stimolare la domanda prima dell’estate. Attira le persone nei negozi. Di conseguenza, il numero di casi è nuovamente aumentato. Ora i negozi sono di nuovo chiusi ei programmi di stimolo economico vanno a beneficio solo delle società di vaglia, che comunque hanno abbastanza da fare.

Quali soluzioni vede per la zona euro una volta che la crisi Corona sarà finita?

Non ci sono soluzioni facili ai pericoli a lungo termine che ho descritto. Penso che prima o poi dovremmo pensare di ristrutturare la zona euro e di concordare regole per un’uscita ordinata ma volontaria dalla zona euro. Il primo ministro Papandreou voleva che la Grecia lasciasse la zona euro nel 2012 dopo che il referendum era stato respinto. Altri lo notarono e gli negarono il referendum e quindi l’uscita. Ma sostiene ancora oggi che avrebbe potuto essere migliore per il suo paese. I politici non vogliono soluzioni del genere in alcun modo. Si vuole raggruppare la zona euro così come il denaro e il debito sociale.

Perché indebitarsi è un problema per il futuro?

Puoi stampare denaro come preferisci, ma non puoi stampare oggetti di uso quotidiano. Non viviamo in una terra di latte e miele. Ogni generazione deve assumersi la responsabilità di come tratta le risorse economiche. L’aumento del debito pubblico interesserà anche le pensioni dei cinquantacinquenni. Se i cosiddetti baby boomer chiederanno una pensione ai bambini che non avranno dieci anni da adesso, lo Stato sarà stretto. Maggiore è il debito pubblico che devono sopportare i pochi nipoti, più compatto diventa. Oggi, dobbiamo adottare politiche sostenibili che impediscano alle generazioni future di gravare su di loro con oneri che non possono più sopportare, tra cui l’accumulo di meno debiti e il ritorno al sistema dei tassi di interesse naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *