Sask. Il primo sceicco della nazione chiede scuse, condivide il cerchio dopo il trattamento al Regina Walmart

Un anziano della Muscowpetung First Nation, situata a circa 50 chilometri a nord-est di Regina, chiede più lavoro dopo un’esperienza che ha avuto a Walmart lo scorso autunno.

Joyce Keepness dice di essere andata alla sede di Prince of Wales Drive a East Regina il 21 ottobre 2021, per acquistare 10 carte regalo da $ 100 ciascuna, prima dell’incontro delle nonne che la sua comunità stava ospitando.

Tuttavia, la donna Saulteaux, 69 anni, dice che quando è andata a comprarlo, è stata affrontata da un venditore che l’ha accusata di averlo acquistato per scopi fraudolenti.

“Non potevo nemmeno rispondere perché ero scioccato”, ha detto Keepness durante una manifestazione fuori dal negozio venerdì.

Keepness ha detto di essere andata via senza acquistare le carte regalo, ma Emmalyn Olsen – una collega apparentemente bianca con cui lavora in un centro sanitario di Muscowpetung – è tornata più tardi quel giorno per acquistarle per conto di Keepness.

“Non mi hanno chiesto delle mie intenzioni con loro, me l’hanno semplicemente dato”, ha detto Olsen.

Olsen e Keepness affermano che quando la coppia ha portato le loro preoccupazioni al servizio clienti subito dopo, è stata negata loro una conversazione con il manager.

Emmalyn Olsen ha detto di aver acquistato la stessa quantità di buoni regalo da Walmart quando ha provato Joyce Keepness il 21 ottobre 2021, ma non ha avuto problemi. Crede che la differenza nel trattamento sia dovuta ai colori della loro pelle. (Corey Herberger/Radio Canada)

Dopo aver riflettuto sulla situazione per alcuni giorni, Keepness ha deciso di contattare la Saskatchewan Alliance Against Racism per segnalare l’incidente.

“Questa non è la prima volta che ho sperimentato un razzismo così orribile – ci ho convissuto per tutta la vita. Ma è tempo che io resista”, ha ricordato ciò che pensava.

Keepness ha affermato che l’alleanza è proseguita con il responsabile del negozio locale, che ha inviato l’ordine a Walmart in tutta l’azienda.

Discriminazione “non provata”: Walmart

A seguito di dichiarazioni scritte di Keepness e Olsen e di un’indagine interna di Walmart Canada, mesi dopo è arrivato in un’e-mail un dipendente del dipartimento delle risorse umane dell’azienda.

Ha affermato che sulla base di prove “considerate attentamente”, le affermazioni di Keepness “non sono state motivate” e che i dipendenti coinvolti non hanno fatto nulla contro la politica di molestie e discriminazione di Walmart.

“Questo è il valore delle carte regalo [at or over $1,000] Potrebbe destare preoccupazione il fatto che l’acquirente possa essere vittima di una frode”, ha scritto Janet Warner-Duncan, Case Manager di Walmart Canada Customer Experience, in una lettera del 16 marzo.

“In tali circostanze, il Partner può contattare un Manager per prendere le misure appropriate per aiutare a proteggere il Cliente. In tal caso, il Partner ha chiesto informazioni direttamente a te perché ha erroneamente capito che questo era il processo per transazioni di carte regalo specificamente di terze parti”.

Warner-Duncan ha scritto che da allora la direzione ha chiesto ai dipendenti di riferire a un manager a causa di “tutte le preoccupazioni che il cliente possa essere vittima di una frode” e che “non ci saranno ulteriori azioni in relazione a questa preoccupazione”.

Walmart Canada, in una dichiarazione a CBC News venerdì, ha affermato di prendere “sul serio preoccupazioni di questa natura e sta indagando sulla questione”.[s] con precisione. “

Un portavoce ha descritto l’incidente come un “malinteso” sulle operazioni della società relative all’ordinazione di grandi quantità di buoni regalo.

Chiede educazione e comprensione

Keepness ha detto di essere frustrata dalla risposta di Walmart, sottolineando che avrebbe preferito vedere delle scuse e un invito a incontrare i lavoratori coinvolti per un circuito di fidanzamento.

Ha offerto: “Alcuni degli anziani delle nostre prime nazioni possono venire a lavorare con il loro personale e informarli dei nostri trattati – educarli sull’esperienza del nostro popolo su base giornaliera”. “Non siamo tutti ladri. Facciamo affari e abbiamo soldi da spendere”.

Melissa Tavita, presidente di Muscowpetung, afferma di sperare che la storia di Joyce Keepness spingerà più rivenditori a fare formazione sulla sensibilità culturale con i propri dipendenti. (Corey Herberger/Radio Canada)

Dietro lo sceicco, Melissa Tavita, presidente di Muscowpetung, ha affermato di sperare che la storia di Keepness educhi altri lavoratori al dettaglio a essere consapevoli del trattamento riservato ai clienti indigeni.

“Se più persone parlano di questo tipo di procedura e trattamento, penso che sarà portata maggiore consapevolezza alle persone”, ha detto Tavita. “Mi rattrista che non solo i miei figli, ma anche i bambini della nostra società – tutti i bambini delle Prime Nazioni – debbano crescere in questo stile di vita, se non lo cambiamo oggi”.

READ  Elizabeth Holmes testimonia al suo stesso processo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.