Fernando Alonso ritiene che i nuovi regolamenti non abbiano ancora confuso il sistema

Fernando Alonso non ha ancora visto il cambio di griglia come previsto dai nuovi regolamenti per il 2022.

Ci sono alcuni esempi di squadre che cambiano posizione, con ad esempio la Ferrari ora in testa al gruppo con la Red Bull, mentre mercedes È caduto in cima al centrocampo.

Nel frattempo, in quel pacchetto di centrocampo, Alfa Romeo e Haas ora sembrano più competitive regolarmente Segnare punti Dopo aver lottato per farlo la scorsa stagione, con Haas che non è riuscito a segnare un punto nel 2021.

La squadra alpina di Alonso si batte anche in attacco a centrocampo, ma il due volte iridato vede ancora la classifica “squadra per squadra” nei playoff.

La battaglia per le vittorie si è svolta esclusivamente tra Ferrari e Red Bull durante i primi quattro round.

I nuovi regolamenti, lavorando in tandem con il limite di budget, sono progettati per mettere ancora una volta al centro l’abilità del pilota, creando il potenziale per una serie di vincitori di gare diverse.

“Le nuove auto da punteggio avrebbero dovuto avvicinare tutte le auto e più squadre e piloti avrebbero potuto vincere le gare”, ha detto Alonso, citando Alonso. GPfans.

“La classifica delle qualifiche è ancora squadra per squadra e non pilota per pilota, quindi nel complesso lo sport deve continuare a guardarlo e migliorarlo”.

Le nuove vetture sono state create per promuovere gare più ravvicinate riducendo la quantità di aria sporca che viene prodotta, consentendo così al pilota di seguirne un’altra più a lungo senza subire un calo significativo del carico aerodinamico.

In generale, la convinzione comune è che le auto stiano facendo con successo la loro parte in questo obiettivo, ma molti piloti hanno individuato nelle gomme Pirelli un problema che permane.

READ  Euro 2022: una guida per l'Italia

Il produttore italiano ha aggiornato i suoi pneumatici da 13 pollici a pneumatici da 18 pollici di nuova concezione per la stagione 2022.

Alonso può anche essere annoverato tra i piloti che sentono il bisogno di fare di più con le gomme, dicendo che stanno ancora soffrendo “molto” seguendo un’altra macchina.

“Le vetture sono facili da seguire, non perdiamo tanto aerodinamicamente come prima, ma le gomme sono ancora un problema”, ha detto Alonso.

“Per inseguire le auto, distruggiamo ancora molto le gomme”.

Questi regolamenti aggiornati nonostante siano vecchi di sole quattro gare, con Alonso che afferma che i team non possono ancora scendere in pista con la loro auto nella finestra di lavoro “perfetta” come una volta.

“Le auto di quest’anno non sono come la precedente generazione di auto che conoscevamo così bene che potevano scendere in pista e l’auto funzionava quasi in modo ottimale. Quest’anno, hai bisogno di tempo per mettere a punto tutto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.