Nations League, Spagna e Germania 6-0. Un gol per Murata

Nell’ultima partita del Gruppo A4, la squadra locale di Luis Enrique, Low: 6-0, ha umiliato una tripletta di Ferran Torres e gol di Morata, Rodry e Ayarzabal. Gli spagnoli vincono il girone e raggiungono la Francia in semifinale

Ritmo, aggressivo, tecnico. La Spagna, guidata da Luis Enrique, ha dominato la Germania e si è imposta con un pesante 6-0 che le ha permesso di vincere il Gruppo 4 della Nations League e qualificarsi così per il quarto turno, in programma per ottobre 2021. Decisivi i gol di Morata (tutti 17 ‘), Ferrán Torres (al 33’, 55 ‘e 72’), Rudri (a 38 ‘) e Oyarzabal (a 89’). La Germania ha subito 16 gol in 8 partite giocate nel 2020. In tre occasioni ha subito 3 gol dalla vetta (anche prima di oggi, contro Turchia e Svizzera). Oltre ai problemi difensivi, i tedeschi sono apparsi confusi e impossibilitati a giocare se pressavano troppo in alto.

La Spagna non è mai riuscita a segnare 4 gol contro la Germania e lo scontro diretto tra spagnoli e tedeschi prima di quel giorno ha visto solo più di 3 gol. Prima della fine del primo tempo, Luis Enrique è stato costretto ad abbandonare sia Canales che Sergio Ramos, entrambi sostituiti per problemi fisici. Dal 24 maggio 1931 la Germania non ha perso 6-0 contro l’Austria.

Gara

In Spagna, per vincere il girone, devono vincere e Luis Enrique schiera la sua squadra 4-2-3-1 con Torres, Coco e Olmo dietro all’unica punta Morata. Löw si concentra invece sul tridente di Gnabry, Sané e Werner. La prima occasione di Ramos, al 6 ‘, è con Neuer che però reagisce e su punizione gira giù. Morata prova a tirarlo da solo al 15 ‘, ma, dai 20 metri, non riesce a inquadrare il gol. Le cose andarono meglio in 17 minuti quando, su un calcio d’angolo di Fabian Ruiz, batté Gnabry nell’angolo più lontano e batté Neuer. La Germania non ha reagito e al 22 ‘Torres ha mancato la prima occasione della sua serata, knock out da buona posizione. Al 25 ‘Morata viene cancellato 2-0 (fuorigioco), al 31’ Torres manda Olmo mettendo in difficoltà Neuer, ma bravo a salvarsi in corner. Al 33 ‘, però, il talento del City trova il gol: su cross di Koke è Olmo a colpire la traversa, e Torres va a segno e getta in rete. Al 38 ‘il punteggio arriva 3-0: altro calcio d’angolo di Fabian Ruiz, che Rodri supera Gundogan e sconfigge nuovamente Neuer. La Germania non è riuscita a creare occasioni, ed è chiaro che il centrocampo spagnolo è superiore e non lascia respirare l’avversario (figuriamoci pensare …). La trama della partita, infatti, non cambia nemmeno nel secondo tempo.

READ  Mkhitaryan è ancora il protagonista. Gelorossi inarrestabile

Recupero

Dopo l’intervallo, la Germania sembra pronta a mettere pressione sugli avversari già in campo di trincea, ma la Spagna approfitta del contropiede: Koch perde palla a centrocampo e contropiede di Olmo, che fa bene a Neuer. In contraccolpo arriva Koke, che Koch ha rifiutato il suo colpo. Al 55 ‘il punteggio arriva sul 4-0, sempre in contropiede: Gaia sfonda dalla fascia sinistra e manda Torres, che aveva ancora due passi di vantaggio su Neuer. Al 72 ‘5-0: terzo assist di giornata di Fabian Ruiz, bravo a servire Torres che ancora oscilla dal limite. L’unico tra i tedeschi a provarci è stato Gnabry, che al 78 ‘ha colpito la traversa da oltre 20 metri. All’89’ sono arrivato 6-0: con un tiro di Rudri, Gaia è sceso e ha servito Uyarzabal, che non ha fatto altro che mettere la palla dentro L’obiettivo. il gol. Finisce così, come un tennis di gruppo. È stata, infatti, una delle più grandi umiliazioni della storia tedesca. Con Luis Enrique che gongola e si gode la Spagna. Forte, molto forte e spietato.

Curiosità

Morata è il 18 ° gol della Spagna. L’attaccante bianconero non segna per la Nazionale da un anno esatto (15 novembre 2019, contro Malta), e gli spagnoli non perdono contro la Germania (nella partita ufficiale) dal 17 giugno 1988, quando i tedeschi erano alla prima tappa del Campionato Europeo. Ha vinto 2-0 con due gol di Rudi Fuller. Con la partita di oggi, Neuer diventa il portiere tedesco più apparso in nazionale: con il suo codice 96 che infrange Sepp Mayer. Non è la notte migliore per festeggiare però. Ferran Torres è il primo spagnolo a segnare una tripletta contro la Germania.

READ  28.352 feriti e 827 morti. Terapia intensiva in calo (-64)
More from Ernesto Pirozzi

La nuova ondata durerà più a lungo dell’onda precedente. Serve la responsabilità »- Corriere.it

Ranieri Guerra, vicedirettore dell’Organizzazione mondiale della sanità, perLe curve sembrano salire a...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *