Morto a 82 anni l’ex leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Harry Reid

È morto Harry Reid, ex leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti e membro del Congresso più longevo del Nevada. Aveva 82 anni.

In una dichiarazione, Landra Reed ha affermato che Reed è morta martedì “pacificamente” tra i suoi amici “dopo una coraggiosa battaglia di quattro anni contro il cancro al pancreas”.

“Harry era un devoto padre di famiglia e un amico molto leale”, ha detto. “Apprezziamo molto l’effusione di sostegno da parte di così tanti negli ultimi anni. Siamo particolarmente grati ai medici e agli infermieri che si sono presi cura di lui. Spero che tu sappia che questo significa il mondo per lui”.

Ha detto che le modalità del funerale saranno annunciate nei prossimi giorni.

L’ex pugile diventato avvocato è stato ampiamente riconosciuto come uno degli affaristi più difficili del Congresso, un democratico conservatore in una camera sempre più polarizzata che ha scosso i legislatori di entrambe le parti in modo schietto e questo mantra: “Io” Preferisco ballare che combattere, ma so come combatto?

Reed, visto qui nel 2016, è ampiamente considerato come uno dei più difficili negoziatori al Congresso. (Evan Fauci/The Associated Press)

Durante i suoi 34 anni di lavoro a Washington, Reade ha prosperato grazie a controversie dietro le quinte che hanno mantenuto il Senato nel controllo del suo partito attraverso due presidenti, il repubblicano George W. Bush e il democratico Barack Obama, una stagnazione paralizzante e l’acquisizione repubblicana della Camera dei Rappresentanti dopo le elezioni del 2010.

Nonostante la rabbia dell’opposizione repubblicana, nel 2010 Reed ha contribuito a ottenere l’approvazione del Congresso del disegno di legge Obamacare noto come Obamacare.

“Era il mio leader, il mio mentore e uno dei miei cari amici”, ha dichiarato il senatore Chuck Schumer in una nota. “Se n’è andato, ma ogni giorno camminerà al fianco di molti di noi al Senato”.

READ  I paesi europei espellono i diplomatici russi e gli ufficiali dell'intelligence

relazioni difficili

Nel 2012, Mitch McConnell, allora il massimo repubblicano del Senato, ha definito Reid “il peggior leader del Senato di sempre”, mentre Reed ha accusato McConnell di “infrangere la fede” in un caso importante. Nello stesso anno, Reed accusò il repubblicano John Boehner di gestire una “dittatura” come presidente della Camera.

Durante il mandato di Reid come leader della maggioranza, la legislazione chiave si indebolì perché democratici e repubblicani non potevano scendere a compromessi e ciascuna parte incolpava l’altra. Il suo rapporto con McConnell era così teso che il leader repubblicano evitò Reade durante i colloqui cruciali sulla politica fiscale degli Stati Uniti e trattò direttamente con l’allora vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, un democratico ed ex senatore con cui si confidò McConnell.

Nel 2013, Reid, stufo delle mosse procedurali repubblicane che escludono i candidati Obama dalla magistratura e dall’esecutivo, ha promosso al Senato una modifica epocale per bloccare le regole del Senato, impedendo al partito di minoranza di bloccare le nomine presidenziali ad eccezione delle nomine alla Corte Suprema.

“Ci sono stati ostacoli incredibili e senza precedenti”, ha detto Reid ai colleghi senatori, riferendosi ai repubblicani. “Il Senato è una cosa viva e per sopravvivere deve cambiare come ha fatto nella storia di questo grande Paese”.

I repubblicani hanno affermato che la mossa è stata solo una presa di potere.

Reed si è ritirato nel 2016 dopo un incidente che lo ha lasciato cieco da un occhio.

Nel maggio 2018, ha rivelato di avere un cancro al pancreas ed era in cura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *