Le forze russe soffrono di malattie da radiazioni dopo aver scavato trincee e cacciato a Chernobyl

Le forze russe soffrono di malattie da radiazioni dopo aver scavato trincee e cacciato a Chernobyl

Le truppe russe hanno scavato trincee Chernobyl Le autorità hanno confermato che una foresta è stata infettata da malattia da radiazioni durante l’occupazione dell’area.

Ucraini che vivono vicino centrale nucleare che è esploso 37 anni fa e ha soffocato l’area circostante con inquinanti radioattivi, i russi vengono avvertiti al loro arrivo di accamparsi nei boschi.

Ma gli occupanti, come ha detto un residente volte, “Capendo i rischi” ma era “solo stupida”, si è avventurata nei boschi, secondo quanto riferito scavando trincee, pescando nel condotto di raffreddamento del reattore – pieno di pesci gatto – e sparando agli animali, lasciandoli morti sulle strade.

Il reattore n. 4 della centrale nucleare di Chernobyl è esploso il 26 aprile 1986. È comunemente indicato come il peggior incidente nucleare civile del mondo. Di conseguenza morirono dozzine e l’Unione Sovietica crollò meno di sei anni dopo.

La città di Pripyat e la zona di esclusione di 30 km che la circonda sono state svuotate dei suoi cittadini e la pulizia dovrebbe concludersi nel 2065.

Negli anni successivi all’incidente, squadre di uomini furono inviate a scavare il terriccio contaminato e seppellirlo sottoterra nella Foresta Rossa, dal nome del colore che gli alberi avevano assunto a seguito del disastro.

Il disastro di Chernobyl è riconosciuto come il peggior incidente nucleare civile al mondo (AP)

Il 24 febbraio 2022, le forze russe sono entrate a Chernobyl dalla Bielorussia, dove sono rimaste per cinque settimane.

“Ho iniziato a urlare contro di loro”, ha detto Papa Hana, un residente di Chernobyl di 90 anni. volteracconta di uno scontro con le forze d’invasione.

READ  È fuggita in Canada dopo che il marito legato ai talebani le ha sparato in faccia. Ora la sua famiglia ha bisogno di protezione

“Ho cercato di dare loro informazioni politiche, spiegare cosa stava succedendo nel loro paese… sono di lingua russa, e ho chiesto cosa ci facessero lì, chi pensavano di liberare”.

Secondo quanto riferito, gli uomini di Vladimir Putin si sarebbero accampati entro un raggio di sei miglia dal reattore n. 4, scavando posizioni difensive nella terra tossica sotto la superficie.

Il 1° aprile, quando le forze ucraine hanno lanciato i contrattacchi da Kiev, gli ultimi occupanti si sono ritirati, lasciando dietro di sé mucchi di immondizia.

I diplomatici hanno confermato che i soldati russi di stanza nella foresta avevano contratto la malattia da radiazioni. I sintomi possono iniziare entro un’ora dall’esposizione e possono durare per mesi, spesso provocando la morte.

“Non cercare di trovare una logica, è stupido”, ha detto al giornale Oksana Pichna, 30 anni, una guida turistica diventata dipendente del ministero di stato responsabile della zona di esclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *