L’agenzia delle Nazioni Unite conferma che la temperatura di 38 gradi Celsius in Siberia ha battuto il record per la temperatura nell’Artico

L’Agenzia meteorologica delle Nazioni Unite ha dichiarato martedì di aver ratificato una lettura di 38 gradi Celsius (100,4 Fahrenheit) nella città russa di Verkhoyansk l’anno scorso come la temperatura più alta mai registrata nell’Artico, l’ultima di una serie di “campanelli d’allarme sul nostro cambiamento clima.”

L’Organizzazione meteorologica mondiale ha affermato che la temperatura “si adatta al Mediterraneo più che all’Artico” è stata registrata il 20 giugno 2020, durante un’ondata di caldo che ha attraversato la Siberia e si è estesa a nord del Circolo Polare Artico.

Le temperature medie erano fino a 10°C più alte del normale nell’Artico siberiano, giocando un ruolo importante negli incendi, nella perdita di ghiaccio marino e nell’aumento delle temperature globali che hanno reso il 2020 uno dei tre anni più caldi mai registrati.

“Questo nuovo record nell’Artico fa parte di una serie di osservazioni riportate agli Archivi del clima e del clima estremo dell’OMM, che sollevano l’allarme sul nostro clima che cambia”, ha affermato il segretario generale dell’OMM Petteri Taalas in una nota.

L’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) sta esaminando una serie di potenziali record di calore, tra cui i 54,4 ° C (129,9 ° F) registrati quest’anno e l’ultimo nella Death Valley in California, che potrebbe essere una lettura record delle temperature globali. (David Baker/Reuters)

Temperatura senza precedenti nell’Artico

Verkhoyansk si trova a circa 115 chilometri a nord del circolo polare artico e c’è stata una stazione meteorologica che monitora le temperature dal 1885, ha affermato l’Organizzazione meteorologica mondiale.

La lettura del record è la prima di una nuova classe per il monitoraggio della temperatura artica, quindi non c’erano precedenti record con cui confrontarla, ha detto la portavoce Claire Nullis. Ha aggiunto che 38 gradi non erano mai stati visti prima nell’Artico.

L’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) sta esaminando una serie di potenziali record di calore, tra cui i 54,4 ° C di quest’anno e l’ultimo nella Death Valley, in California, che potrebbe essere un record mondiale per le alte temperature, 48,8 ° C. (119,8 F) nell’isola meridionale italiana della Sicilia questa estate, che potrebbe essere la temperatura più alta mai registrata in Europa.

Taalas ha affermato che il WMO non ha mai condotto molte indagini su potenziali record di calore contemporaneamente e che ci vuole tempo per verificarlo.

L’agenzia afferma che l’Artico è tra le regioni con il riscaldamento più rapido al mondo e si sta riscaldando a un ritmo doppio rispetto alla media globale.

READ  Il leader repubblicano al Senato statunitense vuole che il processo a Trump venga rinviato a febbraio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.