L’ex primo ministro Stephen Harper afferma che il Canada è caduto in una nuova guerra fredda tra Stati Uniti e Cina

L’ex primo ministro Stephen Harper afferma che l’ordine mondiale è tornato in una sorta di guerra fredda tra due superpotenze, questa volta tra Stati Uniti e Cina.

E mentre le nazioni di media potenza come il Canada fanno parte della rivalità, Harper ha detto venerdì a una conferenza sulla difesa che non hanno il potere economico e di sicurezza per fare molto da sole per plasmare il risultato.

“Sì, le potenze medie come il Canada possono svolgere un ruolo e devono svolgere un ruolo”, ha detto. “Ma non credo che dovremmo pensare che, soprattutto per un paese come il nostro, possiamo definire i tornei in modo completamente indipendente dai Big Two”.

L’ex primo ministro conservatore ha presentato la sua visione del nuovo ordine mondiale durante una sessione di domande e risposte su larga scala in un incontro virtuale che ha ospitato la conferenza dell’Institute of Defense Societies.

All’indomani della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti ei loro alleati si impegnarono in una prolungata guerra fredda con l’Unione Sovietica, i suoi alleati comunisti e i suoi stati satelliti.

La Russia ora è “giù”

Mentre la Russia rimane “strategicamente importante”, Harper ha detto che la sua economia relativamente piccola oggi la colloca fuori dalla stessa lega della Cina e degli Stati Uniti. E la Corea del Nord.

Disse: “È un pirata, è un disastro, è un mercenario”.

Il presidente cinese Xi Jinping, a destra, stringe la mano all’allora vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden mentre scatta foto nella Sala Grande del Popolo a Pechino il 4 dicembre 2013. Biden, il presidente in carica, dovrà affrontare la verità che l’ex Il primo ministro Stephen Harper afferma che la Cina è più forte e più aggressiva. (Lentao Zhang / Associated Press)

Mentre gli Stati Uniti rimangono il “potere superiore”, ha detto Harper, “penso che abbiamo superato il giorno in cui è il potere egemonico o tirannico”.

“La Cina è ora un concorrente competitivo degli Stati Uniti in una vasta gamma di aree: sistemi economici, di sicurezza e di concorrenza diretta (governativa)”.

Harper ha detto che i blocchi attorno a ogni superpotenza non sono così ben definiti come lo erano quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano i principali concorrenti del mondo.

Ha detto che c’è un altro sviluppo: “La competizione, nonostante la sua intensità e il suo aumento, comporta anche un grado di dipendenza reciproca che non esisteva tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti”.

Gli Stati Uniti si stanno ritirando dal loro ruolo di leadership

Il “grande cambiamento” da quando ha lasciato l’incarico nel 2015 è il grado in cui gli Stati Uniti si sono ritirati dal loro tradizionale ruolo di leadership – che Harper ha attribuito alle politiche isolazioniste dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ma generalmente ritenuto una “tendenza”. nella politica americana “.

Nel frattempo, ha affermato che l’Europa “non è solo un attore nelle questioni internazionali di pace e sicurezza”.

Allo stesso tempo, ha detto Harper, la Cina sta diventando più sfacciatamente aggressiva ed “egemonica” – e probabilmente rimarrà tale per il prossimo futuro, indipendentemente dal suo leader.

Questa potrebbe diventare una sfida più grande se il tenore di vita in Cina raggiungesse l’equivalente di quello dei paesi occidentali sviluppati, ha detto Harper.

“Ciò significa che la Cina, per le sue dimensioni, sarà tre volte il potere (economico) degli Stati Uniti al suo apice, con un regime non solo di autoritarismo, ma con il desiderio di diffondere questo tipo di ordine in tutto il mondo.

“Questo non è qualcosa da prendere alla leggera.”

Harper ha detto che altri paesi della regione, come l’India, stanno cercando di aggirare la recinzione in mezzo alla rivalità tra grandi potenze, rafforzando i legami economici con la Cina e proteggendosi dalle sue ambizioni egemoniche cercando di rafforzare allo stesso tempo i loro legami di sicurezza con gli Stati Uniti. tempo.

In Canada, Harper ha affermato che una delle sfide è impedire alle società statali cinesi di controllare il nostro settore delle risorse, poiché il suo governo ha adottato misure per impedirlo.

Harper afferma che il Canada non dovrebbe consentire a Huawei di co-creare l’infrastruttura wireless 5G del paese. (Andy Wong / Associated Press)

Ha detto che non c’era modo per il Canada di consentire ai giganti della tecnologia cinese come Huawei o ZTE di condividere dati di base e servizi tecnologici, incluso lo sviluppo di reti wireless 5G.

L’attuale governo liberale ha rinviato una decisione sulla partecipazione di Huawei al 5G qui, sebbene gli alleati del Canada nella cosiddetta alleanza Information Five for the Eyes abbiano impedito alla società di partecipare.

Harper ha detto di credere che la “biforcazione tecnologica” tra Cina e Occidente sia inevitabile perché le due società hanno approcci alla tecnologia completamente diversi.

Ha detto che le persone nei paesi occidentali sono preoccupate per “la privacy, la sorveglianza e l’uso dei dati personali” da parte delle principali società tecnologiche. Nel frattempo, “l’intero sistema tecnologico cinese è progettato per questo”.

READ  Come un mortale blackout in Texas potrebbe cambiare la conversazione sul clima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *