La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi incontra Zelensky a Kiev

Alcune donne e bambini sono stati evacuati da un’acciaieria che è l’ultima roccaforte difensiva tra le rovine della devastata città ucraina di Mariupol, mentre il presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato il presidente dell’Ucraina nella capitale del paese per mostrare il sostegno degli Stati Uniti.

L’offensiva russa sulla costa meridionale dell’Ucraina costiera e nel cuore industriale nell’est del paese ha inviato le forze ucraine a combattere villaggio dopo villaggio e più civili sono fuggiti dagli attacchi aerei e dai bombardamenti di artiglieria mentre la guerra si avvicinava alle loro porte.

Si ritiene che migliaia di residenti rimangano intrappolati con poco cibo, acqua o medicine nell’assedio di Mariupol. Le Nazioni Unite hanno mediato l’evacuazione di un massimo di 1.000 civili che sono rimasti intrappolati con circa 2.000 combattenti ucraini sotto una tentacolare acciaieria di epoca sovietica che è l’unica parte della città non occupata dai russi.

Il filmato rilasciato dall’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’inizio di domenica ha mostrato Pelosi a Kiev con una delegazione del Congresso che includeva rappresentanti Jason Crowe, Jim McGovern, Gregory Mix e Adam Schiff. La visita non era stata annunciata in precedenza.

“La tua lotta è una lotta per tutti.”

Pelosi, che è al secondo posto nella presidenza degli Stati Uniti dopo il vicepresidente e il più alto leader degli Stati Uniti, ha dichiarato di essere stata in Ucraina dall’inizio della guerra.

“Siamo sulla frontiera della libertà e la tua lotta è una lotta per tutti. Il nostro impegno è di esserci per te fino alla fine della battaglia”, ha aggiunto Pelosi.

READ  Trump appare per la prima volta dopo la presidenza al prossimo raduno conservatore in Florida

L’ufficio di Pelosi non ha detto quando si è svolto l’incontro, ma la luce nel video e altri dettagli indicano che l’incontro si è svolto sabato. Nella delegazione erano inclusi anche i membri del Congresso Barbara Lee e Bill Keating, sebbene non fosse chiaro se si trovassero a Kiev.

Una donna piange mentre i suoi parenti e attivisti prendono parte a una manifestazione che chiede ai leader internazionali di organizzare un corridoio umanitario per evacuare l’esercito e i civili ucraini da Mariupol, durante l’invasione russa dell’Ucraina, nel centro di Kiev, in Ucraina, sabato. (Ephram Lukatsky/Associated Press)

La delegazione avrebbe dovuto tenere una conferenza stampa nella città polacca di Rzeszow domenica.

Le forze russe hanno intrapreso un’importante operazione militare per impadronirsi di gran parte dell’Ucraina meridionale e orientale dopo aver fallito nel catturare la capitale. Mariupol è un obiettivo importante grazie alla sua posizione strategica vicino alla Crimea, che la Russia ha catturato dall’Ucraina nel 2014.

Sabato, l’agenzia di stampa russa RIA Novosti ha riferito che 19 adulti e sei bambini sono stati rimossi dalle acciaierie Azovstal, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Queste sono le donne e i bambini

Un alto funzionario del battaglione Azov, l’unità ucraina che difende l’impianto, ha detto che 20 civili sono stati evacuati durante il cessate il fuoco, anche se non è chiaro se si riferisse allo stesso gruppo. Nessuna conferma da parte delle Nazioni Unite

“Queste sono donne e bambini”, ha detto Svyatoslav Balamar in un video trasmesso sul canale Telegram del reggimento. Ha anche chiesto l’evacuazione dei feriti: “Non sappiamo perché non siano stati presi ed evacuati nel territorio controllato dall’Ucraina”.

L’Ucraina ha attribuito il fallimento di diversi precedenti tentativi di evacuazione ai continui bombardamenti russi.

Il portavoce umanitario delle Nazioni Unite Saviano Abreu ha affermato che l’organismo mondiale sta negoziando con le autorità di Mosca e Kiev sull’evacuazione di Mariupol, ma non può fornire dettagli sugli sforzi in corso “a causa della complessità e della fluidità dell’operazione”.

Abreu non ha confermato la registrazione di un video pubblicato sui social media che pretende di mostrare veicoli contrassegnati dalle Nazioni Unite a Mariupol.

Nella città di Lyman nella regione di Donetsk, dove almeno la metà della popolazione è fuggita dai bombardamenti russi, una ventina di anziani e bambini che trasportavano borse con cani e gatti sono saliti a bordo di un minibus con un cartello che in ucraino recita “Evacuazione dei bambini”. Ho guidato verso la città di Dnipro mentre si sentivano esplosioni in lontananza.

Ci ha liberato da cosa? La nostra vita?’

“I liberatori sono venuti e ci hanno liberato da cosa? Le nostre vite?” Ha detto Nina Mihailenko, professoressa di lingua e letteratura russa, riferendosi alle truppe russe.

Immagini e video dall’interno della fabbrica, condivisi da due donne ucraine con l’Associated Press, che hanno affermato che i loro mariti erano tra i combattenti che si rifiutavano di arrendersi lì, mostravano uomini non identificati che indossavano bende imbrattate; Altri avevano ferite aperte o avevano gli arti amputati.

Le donne, che hanno identificato i loro mariti come membri del reggimento Azov della Guardia nazionale ucraina, hanno affermato che uno staff medico scheletrico stava curando almeno 600 feriti. Dissero che alcune ferite stavano marcendo per la cancrena.

Sabato le case distrutte sono state fotografate a Irbin, alla periferia di Kiev, in Ucraina. (Emilio Morenati/Associated Press)

Gli uomini nel video hanno detto che mangiano solo una volta al giorno e condividono almeno 1,5 litri di acqua al giorno tra quattro persone e che le scorte all’interno della struttura assediata sono esaurite.

L’AP non è stato in grado di verificare in modo indipendente la data e il luogo del video, che secondo le donne è stato girato la scorsa settimana nel labirinto di corridoi e bunker sotto la fabbrica.

Ha esortato le donne a evacuare i combattenti ucraini insieme ai civili, avvertendo che potrebbero essere torturati e giustiziati se catturati. “Anche le vite dei soldati sono importanti”, ha detto Yulia Fedosyuk all’Associated Press a Roma.

Zelensky lancia il titolo in parte in russo

Nel suo discorso video notturno di sabato sera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è rivolto alla Russia per esortare le forze russe a non combattere in Ucraina, dicendo che i loro generali si aspettano che altre migliaia di loro muoiano.

Il presidente ha accusato Mosca di reclutare nuovi soldati “con poca motivazione e poca esperienza di combattimento” in modo che le unità distrutte all’inizio della guerra possano essere rimesse in battaglia.

“Ogni soldato russo può ancora salvarsi la vita”, ha detto Zelensky. “È meglio per te sopravvivere in Russia che morire sulla nostra terra.”

In altri sviluppi:

  • Il viceministro dell’agricoltura ucraino Taras Vysotsky ha dichiarato in dichiarazioni televisive che le forze russe hanno confiscato centinaia di migliaia di tonnellate di grano nei territori sotto il loro controllo. L’Ucraina è uno dei principali produttori di grano e l’invasione ha fatto salire i prezzi mondiali e sollevato preoccupazioni per la carenza.
  • L’esercito ucraino ha affermato che un attacco missilistico russo ha distrutto la pista dell’aeroporto di Odessa, la terza città più popolosa dell’Ucraina e un importante porto sul Mar Nero.

Ottenere un quadro completo della battaglia in corso nell’Ucraina orientale è stato difficile perché gli attacchi aerei e i bombardamenti di artiglieria rendevano il movimento dei giornalisti così pericoloso. Inoltre, sia l’Ucraina che i ribelli sostenuti da Mosca hanno imposto severe restrizioni alla copertura dalla zona di combattimento.

La manodopera russa supera di gran lunga la manodopera ucraina

Ma gli analisti militari occidentali hanno notato che l’offensiva nella regione del Donbass, che include Mariupol, è stata molto più lenta del previsto. Finora, sembra che le forze russe e i separatisti abbiano ottenuto solo lievi guadagni nel mese da quando Mosca ha detto che avrebbe concentrato il suo potere militare a est.

Numericamente, la forza lavoro militare russa supera di gran lunga la forza lavoro in Ucraina. Nei giorni precedenti l’inizio della guerra, l’intelligence occidentale stimava che la Russia fosse di stanza vicino al confine con ben 190.000 soldati. Il numero delle forze militari permanenti dell’Ucraina è di circa 200.000, sparse in tutto il paese.

La star di Hollywood e l’ambasciatrice di buona volontà dell’UNHCR Angelina Jolie posa per una foto con i bambini a Leopoli, in Ucraina, sabato. (Maxim Kozutsky/Municipio di Leopoli/Stampa associata)

Con molta potenza di fuoco ancora in riserva, l’offensiva russa potrebbe ancora intensificarsi e aggirare gli ucraini. Complessivamente, l’esercito russo conta circa 900.000 dipendenti in servizio attivo. La Russia ha anche una potenza aerea e marittima molto più grande.

Centinaia di milioni di dollari in aiuti militari sono confluiti in Ucraina dall’inizio della guerra, ma gli enormi magazzini della Russia significano che l’Ucraina continuerà a richiedere enormi quantità di sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.