Fonti hanno detto che l’ex segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha incontrato il gen

L’incontro è stato virtuale. McEnany, che ha lavorato alla Casa Bianca di Trump ed è stato un portavoce della campagna di rielezione di Trump nel 2020, era inizialmente convocato a novembre.

Mercoledì, McEnany era assente da “Outnumbered”, lo spettacolo dell’ora di pranzo in cui è solitamente presente su Fox.

Il comitato ha richiesto un gran numero di documenti di McEnany agli archivi nazionali, che sono ancora bloccati in tribunale a causa dell’ex presidente Donald Trump. Ho chiesto alla Corte Suprema di prevenire Accesso della Commissione ai suoi archivi alla Casa Bianca.

Secondo una divulgazione degli Archivi nazionali in tribunale a ottobre, il comitato sta cercando “629 pagine in più volumi contenenti proposte di spunti di discussione per l’addetto stampa, intervallate da un numero relativamente piccolo di dichiarazioni e documenti pertinenti, principalmente relativi alle accuse di elettore frode, sicurezza elettorale e altri argomenti relativi alle elezioni del 2020.

L’originale citazione di McEnany della commissione mostra un interesse speciale per le sue dichiarazioni pubbliche sulla diffusione di disinformazione sui risultati delle elezioni del 2020. In qualità di addetto stampa, McEnany ha ricoperto uno dei ruoli più visibili nell’amministrazione Trump. Ho parlato non solo dal pulpito della Casa Bianca, ma anche dal quartier generale della campagna elettorale come portavoce.

La commissione ha fatto riferimento in particolare a molte delle sue dichiarazioni pubbliche come un contributo alla convinzione che qualcosa non andasse nelle elezioni.

“Dobbiamo sapere in particolare quale ruolo hanno svolto l’ex presidente e i suoi assistenti nel tentativo di fermare il conteggio dei voti”, ha dichiarato il rappresentante Benny Thompson del Mississippi, che presiede il comitato, in una dichiarazione al momento del rilascio della citazione McEnany. insieme ad altri ex funzionari della Casa Bianca, ha detto. E se comunicano con qualcuno al di fuori della Casa Bianca, sta cercando di ribaltare l’esito delle elezioni”.

READ  Donald Trump afferma di "favorire" i comunicati stampa che ha rilasciato dopo la Casa Bianca dopo il divieto di Twitter

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *