Il piano di pace di Biden per Gaza è importante? Hamas e Israele sono d'accordo? | Notizie di politica

Il piano di pace di Biden per Gaza è importante?  Hamas e Israele sono d'accordo?  |  Notizie di politica

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato quello che secondo lui era un piano di pace israeliano per raggiungere un cessate il fuoco a Gaza.

Secondo i giornalisti invitati a partecipare alla conferenza stampa venerdì, il nuovo piano è quasi indistinguibile dai precedenti piani approvati da Hamas.

Se avesse successo, porterebbe a un cessate il fuoco nel conflitto che è costato la vita a più di 36.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, e ha fatto arrabbiare le comunità di tutto il mondo.

Cosa suggerisce il piano?

Il piano prevede tre fasi.

La prima fase propone un cessate il fuoco di sei settimane durante il quale l’esercito israeliano si ritirerà dalle aree popolate di Gaza. Gli ostaggi, compresi anziani e donne, verranno scambiati con centinaia di prigionieri palestinesi. Biden ha affermato che anche i civili torneranno nell’intera Striscia di Gaza, poiché ogni giorno nella Striscia affluiscono 600 camion carichi di aiuti umanitari.

La seconda fase vedrà Hamas e Israele negoziare i termini di una cessazione permanente delle ostilità. Il presidente ha dichiarato: “Il cessate il fuoco continuerà finché proseguiranno i negoziati”.

Nella terza fase seguirà un cessate il fuoco permanente, che faciliterà la ricostruzione della Striscia, compreso il 60% delle cliniche, delle scuole, delle università e degli edifici religiosi danneggiati o distrutti dalle forze israeliane.

A chi piace?

Venerdì Hamas ha dichiarato di considerare le proposte “positivamente”, senza entrare in ulteriori dettagli.

Altrove, il sostegno al piano è arrivato da alcuni politici israeliani e dalle famiglie dei prigionieri, nonché dalla comunità internazionale.

Benny Gantz, il principale rivale del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha parlato favorevolmente della proposta e ha chiesto ai suoi due colleghi del gabinetto di guerra – Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Galant – di incontrarsi per discutere i “prossimi passi”.

READ  La Turchia sospende il processo a 26 sospetti sauditi per l'omicidio di Jamal Khashoggi

Gantz aveva precedentemente minacciato di lasciare il governo entro l’8 giugno se non fosse stato concordato un piano postbellico per Gaza.

Anche il leader dell’opposizione Yair Lapid ha promesso di sostenere il piano, impegnandosi a sostenere il suo partito Yesh Atid (C’è un futuro) se i partiti nazionalisti estremi e di estrema destra ritireranno il loro sostegno.

Anche il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha sostenuto il piano, così come molti alleati di Israele, tra cui Regno Unito e Germania.

Chi non lo fa?

La maggior parte dell’opposizione al piano di pace proveniva dall’interno del governo israeliano.

Netanyahu ha affermato sabato che qualsiasi iniziativa che non includa “l’eliminazione” della capacità di Hamas di governare e condurre la guerra sarà “infruttuosa”.

L'interpretazione di Netanyahu della situazione a Gaza contraddice le interpretazioni dell'amministrazione Biden.

Nel suo annuncio di venerdì, Biden ha dichiarato di considerare la presenza di Hamas nella Striscia ridotta al punto da rendere impossibile una ripetizione dell'attacco del 7 ottobre.

Come previsto, i membri ultranazionalisti e di estrema destra della coalizione di destra di Netanyahu – Itamar Ben Gvir e Bezalel Smotrich – hanno minacciato di ritirarsi dal governo e di provocarne il collasso se le proposte fossero state accettate.

Gran parte del risultato potrebbe dipendere dai calcoli parlamentari.

I partiti di estrema destra e ultranazionalisti detengono 14 seggi, mentre il blocco Gantz ne ha solo otto, il che significa che l’estrema destra ha più influenza sul primo ministro che vuole rimanere al potere.

Quanto a Lapid, i suoi 17 seggi sono offerti solo come sostegno alle proposte di pace.

Ciò rende Netanyahu dipendente dal blocco di estrema destra.

READ  La Svezia aderirà finalmente alla NATO: anteprima Europa 2024
I calcoli parlamentari di Netanyahu potrebbero portarlo ad essere prevenuto contro le proposte di pace [File: Ronen Zvulun/Pool via Reuters]

Verrà accettato allora?

Questo non è ancora chiaro.

Le famiglie dei prigionieri prelevati da Israele e trattenuti a Gaza, così come parte della classe politica israeliana, stanno esercitando pressioni sul governo affinché accetti l'accordo.

Tuttavia, le pressioni per respingere l’accordo sono altrettanto forti, e resta da vedere se Netanyahu sceglierà di restare in vita o restituire i prigionieri.

Da parte di Hamas non è chiaro se la luce “positiva” con cui vede la proposta porterà alla sua accettazione.

Osama Hamdan, portavoce del movimento in Libano, afferma che Hamas non ha ancora ricevuto una proposta scritta dagli Stati Uniti.

Ulteriori rapporti dicono che il gruppo dovrà aspettare di sentire la sua leadership all'interno di Gaza, compreso Yahya Sinwar, prima di poter decidere se accettarlo o meno.

Probabilmente esiteranno ad esprimere la loro approvazione prima di vedere se Israele è aperto a un accordo.

Da dove sono arrivate le proposte?

Le origini del piano rimangono poco chiare.

Biden desiderava inquadrare l’annuncio come un’iniziativa israeliana.

Tuttavia, pochi all’interno del governo israeliano sembravano essere a conoscenza della questione prima di venerdì.

È anche molto simile a una precedente proposta israeliana accettata da Hamas alla fine di aprile, che ha portato alcuni osservatori a suggerire che si trattasse di un segnale degli Stati Uniti a Israele che l'amministrazione stava cercando di fermare il conflitto.

Ha importanza se il piano non viene attuato?

La situazione umanitaria a Gaza rimane tragica.

Più di un milione di persone sono fuggite dalla città di Rafah mentre Israele continua il suo attacco mortale, che in due distinti incidenti la scorsa settimana ha portato alla morte di 66 sfollati.

READ  Notizie sul ponte di Baltimora: le squadre conducono una demolizione controllata

Le Nazioni Unite hanno affermato che qualsiasi fornitura sanitaria rimanente si trova ad affrontare difficoltà a causa della persistente carenza di carburante e di altre forniture e attrezzature vitali.

Prima di quest’ultima proposta, i negoziati per porre fine alla guerra, che erano in corso durante la maggior parte dei combattimenti, sembravano in fase di stallo.

I negoziatori israeliani e americani si incontreranno domenica al Cairo per discutere della riapertura del valico di Rafah e della possibile risoluzione di una delle principali cause della crisi umanitaria nel sud di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *