La polizia russa arresta quasi 400 manifestanti contro la guerra in diverse città

Con i file di Bryer Stewart e Corin Semenov della CBC a Rostov-on-Don, in Russia

La polizia russa ha arrestato almeno 389 persone durante le proteste contro la guerra organizzate in 39 città russe dopo l’attacco all’Ucraina di giovedì mattina, secondo quanto riferito dall’osservatorio OVD-Info.

OVD-Info documenta da anni la repressione dell’opposizione russa.

L’attivista dell’opposizione con sede a Mosca Marina Litvinovich è stata una delle persone arrestate dopo aver chiesto proteste contro la guerra nel paese.

“Sono stato arrestato mentre uscivo di casa”, ha scritto Litvinovich su Telegram.

Ha confermato la sua detenzione separatamente in una lettera alla Reuters.

Un agente di polizia arresta un manifestante con in mano un cartello “No alla guerra” durante una protesta contro l’invasione dell’Ucraina a Mosca. In centinaia si sono radunati nel centro della città per protestare contro l’attacco della Russia all’Ucraina. (Denis Kamenev/Associated Press)

Giovedì il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato di non avere altra scelta che ordinare quella che ha definito un’operazione speciale contro l’Ucraina, affermando che tutti i precedenti tentativi di Mosca di alterare la situazione della sicurezza non hanno prodotto alcun risultato.

Proteste contro l’invasione sono scoppiate anche in città di tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Canada, Germania, Italia, Turchia, Grecia, Israele e altrove.


A Rostov sul Don, alcuni dicono alla CBC di sostenere la mossa di Putin

A Rostov sul Don, a circa 120 chilometri dal confine della Russia con l’Ucraina, alcuni residenti hanno detto alla CBC di sostenere la decisione di Putin di invadere, mentre altri erano riluttanti a influenzarla.

La città di oltre un milione di abitanti è uno dei trampolini di lancio in cui le forze russe si sono ammassate in vista dell’offensiva di giovedì ed è una delle aree in cui i civili sono stati evacuati da Donetsk, una delle due regioni separatiste nell’Ucraina orientale. dall’invasione.

La guerra tra le forze ucraine e i separatisti sostenuti dalla Russia a Donetsk e Luhansk, un’altra regione controllata dai separatisti, è in corso dal 2014 e ha causato circa 14.000 vittime, secondo le stime del governo ucraino.

La regione del Donbass nell’Ucraina orientale è attualmente divisa in una regione controllata dal governo contrassegnata in giallo e quella controllata dai separatisti sostenuti dalla Russia in arancione. Le parti in guerra combattono dal 2014. (CBC)

Natalia Mikheevich, residente a Rostov sul Don, ritiene che un’invasione sia necessaria per controllare questo conflitto in corso.

“Le persone soffrono lì da otto anni”, ha detto. “Abbiamo molti parenti lì. Immagina: bambini di otto anni sono nati sotto i bombardamenti e sono andati a scuola sotto i bombardamenti. Una situazione del genere sarebbe dovuta finire molto tempo fa. Sono molto dispiaciuto per le persone e per il fatto che molto tempo è stato perso e le infrastrutture sono state distrutte”.

Lei, i suoi amici e conoscenti supportano la decisione di Putin.

“Guarda come fa tutto diplomaticamente”, ha detto di Putin. “Spiega tutto in dettaglio. Hai mai visto un presidente americano spiegare qualcosa a qualcuno prima di bombardare qualcuno? Ma ha spiegato tutto, anche alla parte ucraina. Ha detto che non avrebbe mai bombardato i civili”.

Una giovane coppia di Donetsk, la regione dell’Ucraina orientale controllata dal governo separatista filorusso, compila i documenti dopo essere stata evacuata nella regione di Rostov sul Don, vicino al confine con l’Ucraina, domenica prima dell’invasione. (L’Associated Press)

Mikheevich ha detto che i russi non avevano inimicizia nei confronti degli ucraini.

“Gli ucraini non devono aver paura della Russia”, ha detto. “Vivevamo insieme. Eravamo come fratelli e sorelle … ed eravamo separati l’uno dall’altro. I paesi capitalisti ci hanno diviso e si rallegrano. Ma noi siamo le persone più vicine: Bielorussia e Ucraina, abbiamo molti parenti entrambi lì e qui, la mia anima soffre per tutti.

Un altro residente di Rostov sul Don non voleva parlare dell’invasione quando l’equipaggio della CBC lo ha chiamato giovedì,

“Non ho tempo per pensare a questa situazione. Sto lavorando”, ha detto Roman, 36 anni, che ha rifiutato di fornire il suo cognome. “Non ho voce in capitolo. Le persone al potere lo risolveranno.”

Mercoledì le auto blindate russe sono state caricate sui binari di una stazione ferroviaria nella regione di Rostov-sul-Don. (L’Associated Press)

Ha detto di aver parlato con i membri della famiglia in Ucraina giovedì e, sebbene fossero scioccati dall’inizio dell’attentato, “stanno bene”.

“Ho dei parenti in Ucraina, li trattiamo normalmente e loro ci trattano normalmente”, ha detto a proposito delle relazioni tra i due paesi. “Tutto ciò che accade è politica. La gente comune, amici e parenti non subiscono alcuna aggressione reciproca. L’atteggiamento degli ucraini nei confronti dei russi non cambierà”.

Guarda | I giornalisti della CBC su entrambe le parti del conflitto hanno riferito:

Notizie CBC sul campo in Ucraina e Russia

All’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, Margaret Evans della CBC riferisce dalle strade di Kiev, mentre Bryer Stewart spiega la situazione in Russia da Rostov sul Don. 9:17

Vedere l’incredulità dalla Crimea

Più a sud, in Crimea, una penisola del Mar Nero che Putin ha sequestrato all’Ucraina nel 2014 sulla scia della cacciata del presidente filo-russo Viktor Yanukovich, c’erano paura e incredulità.

Rustam Aslanov, che è nato in Crimea e gestisce la sua pizzeria nella località di Yevpatoria, ha detto di essere rimasto senza parole quando si è svegliato. newsletter

“Tutti [piece of] Le informazioni dell’epicentro di oggi sono come un coltello nel mio cuore”.

“Dalla mattina alla sera, queste esplosioni, il panico. Questa è una vera guerra. Diverse settimane fa, era difficile da credere… non settimane, anche ieri. E ora è una vera invasione qui… e i miei amici e i parenti sono lì in Ucraina ora e non possono nemmeno scappare”.

Guarda | Come appare nelle parti dell’Ucraina colpite dai missili russi:

La scena nelle strade di Kiev mentre l’attacco continua

La giornalista freelance Jessica Guluhir descrive com’era giovedì per le strade di Kiev, mentre l’offensiva russa sull’Ucraina continuava e le persone fuggivano dalla capitale. 1:59

Ha detto che sua nonna in Ucraina non può partire perché si prende cura dello zio paralizzato di Aslanov.

“Non c’è nessun posto dove correre per loro”, ha detto. “Stai seduto lì, prega e aspetta che i missili la mancheranno. E sai, è una ragazzina della seconda guerra mondiale e immagina quanto deve essere difficile per lei vedere cosa succede di nuovo.”

Aslanov ha detto che i suoi amici russi, nel frattempo, stanno guardando frustrati e stanno cercando di fare tutto il possibile per parlare contro l’invasione.

“So che molti cittadini russi e i miei amici ora stanno lottando e molti stanno postando le loro scuse sui social network”, ha detto.

“Non vedo alcun motivo per farlo perché non è colpa loro. Dopotutto, non possono cambiare nulla. Ma so che stanno provando e provando ora in manifestazioni pacifiche. Ma lo sappiamo tutti per il governo russo … Fanno quello che vogliono, e l’opinione dei cittadini non è la loro. Cosa”.


Putin cerca di placare i timori sul lavoro

In Russia, Putin ha cercato di rassicurare la comunità imprenditoriale di fronte alle ampie sanzioni punitive annunciate dai paesi del G7.

In un incontro televisivo con dirigenti d’azienda, Putin ha detto ad Alexander Shukhin, capo della Federazione russa degli industriali e degli imprenditori, che Mosca doveva prendere misure e sapeva che sarebbero seguite sanzioni.

“Comprendiamo tutti il ​​mondo in cui viviamo ed eravamo in qualche modo preparati per ciò che sta accadendo ora dal punto di vista della politica delle sanzioni”, ha detto Putin. La Russia resta parte dell’economia globale.

Guarda | Giovedì scorso, la vita è andata avanti come al solito a Mosca:

I moscoviti vanno a lavorare sulla scia dell’invasione dell’Ucraina

Ore dopo che il loro paese ha invaso l’Ucraina giovedì, alcune persone nella capitale russa, Mosca, stavano svolgendo la loro giornata in un modo apparentemente normale. 0:40

La Russia dovrebbe stimolare una domanda aggiuntiva di titoli di Stato da parte degli investitori privati, date le nuove sanzioni occidentali sui titoli di Stato russi, ha affermato Shukhin, avvertendo che le nuove sanzioni sarebbero più dure delle precedenti e potrebbero interrompere la logistica e le catene di approvvigionamento.

Ha anche esortato i paesi occidentali a non applicare sanzioni ai progetti sul clima.

“Vorrei ringraziarvi per ciò che è stato realizzato finora in condizioni piuttosto difficili”, ha detto Putin a Shchukin.

Immagini | Città di tutto il mondo assistono alle proteste contro l’invasione russa:

READ  Un canadese è morto in un incidente aereo nella contea di Hendry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.