L’elevata circonferenza della vita e i livelli di lipidi predicono esiti sfavorevoli per la gotta

L’elevata circonferenza della vita e i livelli di lipidi predicono esiti sfavorevoli per la gotta

Fino a Olig, MD

Credito: LinkedIn

Nel corso di un periodo di due anni, i pazienti affetti da gotta in trattamento hanno riportato livelli lipidici più bassi e misurazioni antropometriche relativamente invariate. I risultati hanno rivelato che i fattori predittivi di esiti sfavorevoli della gotta erano l’alta circonferenza della vita e alti livelli di grasso, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Malattie reumatiche e muscolo-scheletriche.1

Precedenti ricerche hanno collegato la gotta a fattori legati allo stile di vita, al sovrappeso, a comorbilità, come la dislipidemia, e a misure antropometriche tra cui il rapporto vita/altezza (WHR), l’indice di massa corporea (BMI) e la circonferenza della vita. Di questi fattori, il BMI può essere il miglior predittore del rischio di gotta negli uomini e della circonferenza della vita nelle donne.2

“Alcune prove supportano la perdita di peso per migliorare gli esiti della gotta”, hanno scritto Till Olig, MD, professore di reumatologia presso l’Università di Oslo, Norvegia e reumatologo consulente presso l’ospedale Diakongemt, e colleghi. “Pochissime ricerche provenienti da studi longitudinali esaminano se le raccomandazioni relative ai cambiamenti dello stile di vita e alla terapia per ridurre i livelli di urato (ULT) portano a migliori esiti della gotta, vale a dire assenza di riacutizzazioni e raggiungimento con successo del target di urato sierico (sUA).”

Nello studio osservazionale prospettico NOR-Gout (Gotta in Norvegia), i ricercatori hanno analizzato come l’antropometria e i livelli lipidici sono cambiati in un periodo di due anni e se hanno previsto gli esiti della gotta. I pazienti con UA ​​elevata e recenti attacchi di gotta hanno ricevuto consulenza educativa sulla gotta e terapia mirata per l’ULT nel corso di 1 anno. BMI, WHR, circonferenza vita e livelli di grasso sono stati raccolti annualmente per un periodo di 2 anni per determinare il loro effetto sulle riacutizzazioni e sul raggiungimento degli obiettivi sUA. Al basale sono stati raccolti fattori relativi allo stile di vita, come il fumo, il consumo di alcol, il consumo di bevande zuccherate e l’attività fisica.

READ  La missione di perseveranza della NASA è fantastica

I pazienti eleggibili soddisfacevano i criteri di classificazione per la gotta dell’American College of Rheumatology (ACR)/European Alliance of Societies for Rheumatology (EULAR) e avevano un aumento della sUA (>360 μmol/L) quando inclusi. I partecipanti sono stati arruolati durante un esame post-acuto presso una clinica ambulatoriale di reumatologia. Tutti i pazienti hanno iniziato una terapia ipouricemica con allopurinolo o febuxostat con l’obiettivo di raggiungere un livello <360 μmol/L (o <300 μmol/L se sono presenti calcoli clinici).

Lo studio ha incluso un totale di 211 pazienti, con un’età media di 56,4 anni e una durata media della malattia di circa 8 anni, e il 95% di essi erano maschi. Nel corso dello studio, le misurazioni antropometriche sono rimaste generalmente invariate, sebbene il colesterolo e il colesterolo legato alle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C) siano diminuiti dopo un anno.

La circonferenza della vita e alti livelli di lipidi erano associati a scarsi esiti della malattia, inclusi attacchi di gotta e mancato raggiungimento dell’obiettivo terapeutico. Una circonferenza della vita di base più elevata ha ridotto le probabilità di raggiungere l’obiettivo SUA nel secondo anno (odds ratio [OR]: 0,96 per cm, intervallo di confidenza al 95%. [CI]: 0,93 – 0,99), mentre livelli più elevati di colesterolo lipoproteico ad alta densità hanno aumentato queste probabilità (OR: 5,1 per mmol/L, IC 95%: 1,2 – 22,1). Inoltre, è stato dimostrato che livelli elevati di LDL-C predicono la probabilità di gotta durante il secondo anno (odds ratio: 1,8 per mmol/l, intervallo di confidenza al 95%: 1,2 – 2,6). Fattori come la durata della malattia, l’età avanzata, la creatinina più bassa, il tasso di filtrazione glomerulare stimato più basso (eGFR), il WHR e la circonferenza della vita sono stati associati alla presenza di calcoli. Il BMI e l’HR al basale erano più alti nei pazienti che non erano in grado di raggiungere un punteggio sUA al 2° anno.

READ  Una donna muore di cancro e fatica a ricevere cure per alleviare il suo dolore

I ricercatori hanno citato limitazioni tra cui la natura osservativa dello studio e la mancanza di un gruppo di controllo. Inoltre, i ricercatori hanno condotto lo studio in un reparto specializzato di reumatologia con terapia intensiva ULT, che non è il modello di cura abituale per la maggior parte dei pazienti affetti da gotta.

“Abbiamo scoperto che i fattori modificabili – variabili stereotassiche e lipidiche – predicevano gli esiti della gotta con il raggiungimento dell’obiettivo di sUA e riacutizzazioni”, hanno concluso i ricercatori. “I nostri risultati forniscono ulteriore supporto ai cambiamenti dello stile di vita raccomandati nei pazienti con gotta, ma sono necessarie ulteriori ricerche sul ruolo dei grassi nella gotta, ed è necessaria una migliore educazione per questi pazienti.”

Riferimenti

  1. Ohlig T, Karoliussen LF, Sexton J, Kveen TK, Havardsholm EA, Hammer HB. I fattori dello stile di vita predicono gli esiti della gotta: risultati dello studio longitudinale sul trattamento NOR-Gout della durata di 2 anni per raggiungere l’obiettivo. L’RMD è aperto. 2023;9(4):e003600. Pubblicato il 1 dicembre 2023. doi:10.1136/rmdopen-2023-003600
  2. Wandel B, Andersson A, Hagström H, et al. L’uso di misurazioni antropometriche nella previsione della gotta incidente: risultati di uno studio di coorte basato sulla comunità svedese. Scand J Rheumatol 2014;48:294–9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *