Studio: le zone umide globali e le barriere coralline “appese a un filo” a causa dell’innalzamento del livello del mare

Studio: le zone umide globali e le barriere coralline “appese a un filo” a causa dell’innalzamento del livello del mare
Uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature afferma che le zone umide costiere e le barriere coralline sono “appese a un filo” con il riscaldamento globale in aumento dal livello del mare. Nella foto è raffigurata la Grande Barriera Corallina australiana vista dallo spazio. Immagine gentilmente concessa dalla NASA | Copia della licenza

30 agosto (UPI) — Uno studio pubblicato mercoledì mostra che l’innalzamento del livello del mare sta mettendo in pericolo gli ecosistemi delle zone umide costiere e della barriera corallina che difficilmente riusciranno a tenere il passo con gli effetti di “affondamento” dell’innalzamento del livello del mare.

“Collessivamente, questi sono tra gli ecosistemi più preziosi del pianeta”, ha affermato Torbjorn Tornqvist, professore di geologia all’Università di Tulane e coautore dello studio. “Ad esempio, la pesca mondiale dipende in larga misura dalla salute delle zone umide costiere e barriere coralline.” IL Lo studio è sulla rivista Nature.

Queste zone umide costiere e le barriere coralline dipendono fortemente dalla possibilità di contenere il riscaldamento globale a meno di 3,6 gradi Fahrenheit (2 gradi Celsius), afferma lo studio.

“Ciò dimostra l’importanza dell’accordo di Parigi, che mira a mantenere l’aumento della temperatura entro 2 gradi Celsius, idealmente 1,5 gradi Celsius”, ha affermato Tornqvist. “Ovviamente, questo farebbe un’enorme differenza per gli ecosistemi costieri.

“Tuttavia, siamo ora sulla buona strada per un riscaldamento di 2,4-3,5°C entro la fine di questo secolo, quindi è urgentemente necessario un cambio di rotta. Questo deve avvenire molto rapidamente.”

I ricercatori hanno scoperto che se il riscaldamento è inferiore a questa temperatura, è probabile che questi ecosistemi costieri sopravvivano entro il 2100. Ma se il riscaldamento è superiore a 3,6 gradi Fahrenheit, è più probabile un collasso diffuso.

READ  Il Perù ha dichiarato un’emergenza sanitaria nella maggior parte delle sue province a causa dell’aumento dei casi di dengue

Lo studio ha rilevato che è improbabile che le paludi costiere, le mangrovie e le isole della barriera corallina “riescano a tenere il passo con i tassi di innalzamento del livello del mare superiori a circa un quarto di pollice (7 millimetri) all’anno. La maggior parte di essi probabilmente si verificherà entro il 2100. ” parti del mondo in assenza di sforzi significativi per ridurre le emissioni di gas serra”.

Lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti è stato osservato un aumento del livello del mare di oltre un quarto di pollice.

Le precedenti ricerche di Tulane hanno dimostrato che al ritmo attuale, l’innalzamento del livello del mare potrebbe “sprofondare” le paludi della Louisiana, e forse altre aree lungo la costa del Golfo, in circa 50 anni.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale guidato da Neil Santillan della Macquarie University, con ricercatori di altre università australiane e coautori provenienti da Singapore, Hong Kong, Regno Unito e Stati Uniti.

Tornqvist si è concentrato principalmente sullo sviluppo di nuovi metodi per determinare la vulnerabilità delle zone umide all’innalzamento del livello del mare nel passato geologico, con il finanziamento della National Science Foundation.

Un subacqueo sottolinea il cambiamento di colore del corallo cerebrale in difficoltà poiché le temperature del mare più calde del normale influiscono sulla salute generale del sistema di barriera corallina al largo di Boynton Beach, Florida, il 5 agosto 2023. Foto di Joe Marino/UPI | Copia della licenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *