Le Nazioni Unite completano la rimozione del petrolio da una petroliera in disintegrazione al largo dello Yemen

Le Nazioni Unite completano la rimozione del petrolio da una petroliera in disintegrazione al largo dello Yemen

DUBAI, 11 agosto (Reuters) – Le Nazioni Unite hanno dichiarato venerdì di aver completato la rimozione di oltre un milione di barili di petrolio da una superpetroliera in decomposizione al largo della costa yemenita del Mar Rosso, scongiurando un potenziale disastro ambientale.

Funzionari e attivisti delle Nazioni Unite avevano avvertito per anni che l’intera costa del Mar Rosso era in pericolo, poiché la petroliera arrugginita poteva esplodere o esplodere, versando quattro volte più petrolio del disastro della Exxon Valdez del 1989 al largo dell’Alaska.

La guerra nello Yemen ha causato la sospensione delle operazioni di manutenzione della Safer nel 2015. La nave è utilizzata per il rimessaggio ed è ormeggiata al largo dello Yemen da oltre 30 anni.

“È un momento chiave per evitare un potenziale disastro”, ha affermato Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, che ha coordinato il complesso sforzo per rimuovere il petrolio dalla nave.

Gli equipaggi di salvataggio hanno lavorato per 18 giorni in una zona costiera contesa disseminata di mine marine, tra alte temperature estive e forti correnti, per scaricare petrolio dalla nave.

I tecnici lavorano sul ponte di una nave sostitutiva mentre il petrolio inizia a essere trasportato dalla decadente petroliera FSO Safer al largo dello Yemen il 25 luglio 2023. UN/David Gressly/Handout via REUTERS/File Foto

Le Nazioni Unite hanno raccolto più di 120 milioni di dollari per l’operazione, ha affermato Steiner, che ha richiesto l’acquisto di una seconda petroliera per il greggio scaricato, un aereo in attesa di rilasciare sostanze chimiche per dissipare il petrolio in caso di fuoriuscita e politiche con più di una dozzina di compagnie di assicurazione per scrivere l’operazione.

READ  Le persone nella Columbia Britannica avranno la migliore visione dell'imminente eclissi solare

“In realtà abbiamo considerato questo processo fino all’ultimo minuto come un’operazione che dovrebbe garantire il massimo grado di preparazione per mitigare i rischi”, ha affermato Steiner.

“Il miglior finale della storia sarebbe quando questo petrolio sarà effettivamente esaurito e lascerà completamente la regione”.

Non c’è accordo su come procedere con tale accordo e i funzionari delle Nazioni Unite nello Yemen inizieranno presto i negoziati con i gruppi in guerra del paese nel tentativo di concordare come i proventi della vendita di petrolio, di cui lo stato yemenita detiene la maggioranza, sarà condiviso. Società SEPOC.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha dichiarato in un post sui social media che è stata evitata una “catastrofe ambientale e umanitaria” e ha esortato i donatori ad aiutare a portare a termine il progetto.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha elogiato le Nazioni Unite e le parti yemenite che “si sono unite per evitare una catastrofe ambientale, economica e umanitaria”, affermando che il lavoro è stato un modello per la cooperazione nel campo della prevenzione internazionale dei disastri.

Segnalazioni aggiuntive di Andrew Mills, Emad Kreidi e Michelle Nichols; Scritto da Andrew Mills; Montaggio di Ismail Shakil, Sharon Singleton, Cynthia Osterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *