Iniziano i funerali del senatore Bob Dole nella cattedrale nazionale di Washington

Durante la corsa per la presidenza nel 1996, Bob Dole ha partecipato a una manifestazione elettorale a Freeland, nel Michigan. (Reuters)

Bambola BobÈ morto domenica, un aspirante repubblicano e presidenziale che ha sposato un tipo conservatore schietto come una delle figure politiche più iconiche di Washington durante la seconda metà del 20 ° secolo.

Una dichiarazione della sua famiglia ha detto: “Il senatore Robert Joseph Dole è morto questa mattina presto nel sonno. Alla sua morte all’età di 98 anni, ha servito fedelmente gli Stati Uniti d’America per 79 anni”.

È stato annunciato a febbraio che Era in cura per un cancro ai polmoni avanzato. Presidente Biden Visita presto i paesi Dopo aver saputo la diagnosi.

Domenica, Biden ha rilasciato una dichiarazione di lutto per Dole.

“Bob era uno statista americano come pochi nella nostra storia. Un eroe di guerra e tra i più grandi di una generazione. E per me, era anche un amico a cui potevo guardare per una guida affidabile, o una battuta divertente per calmare un momento. nervi”, ha detto Biden. Ma sono grato per i momenti che abbiamo condiviso e per l’amicizia che Jill, io e la nostra famiglia abbiamo costruito con Lydia e l’intera famiglia Dole”.

Dole è diventato senatore degli Stati Uniti nel 1969 e ha ricoperto la carica fino al 1996. Qui, ha unito le forze con il presidente Gerald Ford, che si trovava a Wichita, nel Kansas, per dare una spinta alla sua rielezione nel 1974. Le elezioni presidenziali del 1976.
Dole è diventato senatore degli Stati Uniti nel 1969 e ha ricoperto la carica fino al 1996. Qui, ha unito le forze con il presidente Gerald Ford, che si trovava a Wichita, nel Kansas, per dare una spinta alla sua rielezione nel 1974. Le elezioni presidenziali del 1976. (Archivio Bettmann/Getty Images)

Arrivato a Washington agli albori dell’amministrazione Kennedy, Dole ha servito 27 anni come senatore degli Stati Uniti dal Kansas, inclusi due mandati come leader della maggioranza al Senato, anche se potrebbe essere meglio conosciuto per la sua fallita corsa come candidato presidenziale repubblicano contro Bill Clinton nel 1996 Il suo terzo tentativo alla Casa Bianca. Ha anche ricoperto la carica di vicepresidente Gerald Ford nel 1976 dopo che Nelson Rockefeller si rifiutò di rimanere come vicepresidente.

All’inizio della sua carriera al Senato, i suoi critici lo chiamarono un “uomo d’ascia” e attirarono l’attenzione nazionale per la sua strenua difesa del presidente Richard Nixon durante lo scandalo Watergate. Considerava Nixon un amico e un mentore, poi fece eco a Nixon al suo funerale nel 1994 come “la figura pubblica più duratura del nostro tempo”. In un marcato allontanamento dalla sua povera immagine pubblica, egli Si è soffocato alla fine del suo discorso.

Dole e sua moglie Elizabeth si sono divertiti a fare una cavalcata di carnevale alla Maryland State Fair del 1976.
Dole e sua moglie Elizabeth si godono una giostra di carnevale alla Maryland State Fair del 1976. (Charles Harrity/AP)

Ma dopo aver assunto la carica di leader repubblicano al Senato, la reputazione di Dole è diventata quella di un legislatore intelligente e di un duro negoziatore disposto a lavorare insieme ai Democratici su questioni come la riforma della sicurezza sociale, l’American with Disabilities Act e la nutrizione storica. legislazione.

READ  Un membro dei Beatles affiliati all'ISIS è stato condannato a otto ergastoli per il suo ruolo nella presa di ostaggi e nell'uccisione di americani

“A tutti gli effetti, avrebbe dovuto avere un cattivo rapporto”, ha detto l’ex senatore democratico Tom Daschle, che era il massimo democratico al Senato durante il secondo mandato di Dole come leader della maggioranza. Ha detto in un discorso nel 2000. “Il fatto che non l’abbiamo fatto è dovuto a Bob Dole, alla sua novità, al suo pragmatismo, alla sua arguzia e senso dell’umorismo, e al suo amore per questo paese e per questo Senato degli Stati Uniti. La decenza è lo standard a cui ogni persona dovrebbe mirare nella vita pubblica».

Dole lavora ai telefoni dal suo balcone nel Campidoglio degli Stati Uniti del 1996.
Dole lavora sui telefoni dal suo balcone nel Campidoglio degli Stati Uniti del 1996 (Mike Teller/Reuters)

Nel suo libro What It Takes about the 1988 Election, il giornalista Richard Ben Cramer ha descritto Dole come un leader del Senato che era sempre pronto con una battuta e un saluto e non era mai “più allegro e più pacifico di quanto non fosse stato nella prima settimana di ore, quando l’accordo era che tu sei sulla strada giusta e lui sta aspettando che qualcuno si lasci, mentre beve un frappè e racconta vecchie storie nella sala da pranzo del Senato”.

Leggi la storia completa qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.