La Svezia aderirà finalmente alla NATO: anteprima Europa 2024

La Svezia aderirà finalmente alla NATO: anteprima Europa 2024

Guerra aerea, globale

20230502_bezmah01_AURORA23_Oskarshamn_akt23_326

Unità di difesa aerea svedesi e finlandesi si addestrano insieme per la prima volta durante l'esercitazione Aurora 23. (Forze armate svedesi)

Belfast – Dopo aver visto la sua vicina Finlandia aderire alla NATO in aprile, si prevede che la Svezia aggiungerà il suo nome all'alleanza e diventerà presto il 32esimo membro.

I due paesi scandinavi hanno presentato domanda di adesione insieme subito dopo l’invasione russa dell’Ucraina, poiché la sicurezza nell’Europa settentrionale era diventata altamente instabile. Sebbene alla Finlandia sia stato concesso un passaggio sicuro, le obiezioni della Turchia hanno ritardato l'ingresso della Svezia nella NATO.

[This article is one of many in a series in which Breaking Defense reporters look back on the most significant (and entertaining) news stories of 2023 and look forward to what 2024 may hold.]

Per sostenere questa offerta, la Turchia ha chiesto a Stoccolma di fare concessioni su leggi più severe sul terrorismo e di adottare un approccio più duro nei rapporti con i combattenti del PKK e del movimento Gulen. Ankara accusa il movimento Gulen di essere responsabile del colpo di stato del 2016 contro il presidente Recep Tayyip Erdogan. Anche Svezia e Finlandia hanno revocato l'embargo sulle armi imposto ad Ankara in cambio della cooperazione della Turchia nell'adesione alla NATO.

Una volta risolte tutte le controversie politiche, restano solo i voti parlamentari turco e ungherese per ratificare l'adesione della Svezia prima che la NATO accolga i suoi nuovi membri.

“Non vedo l’ora di accogliere la Svezia come alleato a pieno titolo della NATO in un futuro molto prossimo”, ha dichiarato in ottobre il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

READ  Gli incendi minacciano migliaia di case in California mentre combattono gli incendi negli Stati Uniti occidentali

La principale garanzia di sicurezza dell'adesione della Svezia alla NATO rientra nell'articolo 5, che vede qualsiasi attacco contro un alleato della NATO come motivo di misure di ritorsione da parte di tutti. Beneficerà inoltre delle capacità nucleari dell'Alleanza e del conseguente effetto deterrente sul processo decisionale strategico del nemico.

Dopo aver annunciato un aumento della spesa per la difesa di 27 miliardi di corone svedesi (2,4 miliardi di dollari) dal 2023 al 2024 – un aumento del 28% – la Svezia prevede di raggiungere l’obiettivo di spesa del PIL della NATO del 2% l’anno prossimo. Stoccolma ha raddoppiato la spesa militare dal 2022, con un totale di poco meno di 120 miliardi di corone svedesi (10,8 miliardi di dollari) disponibili per il 2024.

La Svezia è una nazione partner della NATO dal 1994, partecipa alle esercitazioni guidate dalla NATO, contribuisce alla missione Resolute Support dell'Alleanza in Afghanistan e ha partecipato a una serie di riunioni dell'Alleanza da quando ha ricevuto lo status di invitato.

Tuttavia, secondo il rapporto, il fatto di non essere un membro della NATO esclude il paese nordico da qualsiasi impegno di difesa collettiva o “pianificazione operativa congiunta”. Forze armate svedesi.

Una volta approvata l’adesione, si prevede che Stoccolma apporterà un significativo contributo militare alla NATO, soprattutto nei settori aereo e marittimo.

Carl Bildt, l'ex primo ministro svedese, stima che l'area del Mar Baltico potrebbe essere pattugliata da più di 250 aerei da combattimento Una volta che le flotte svedese e finlandese saranno attive nell'alleanza, l'isola di Gotland potrebbe diventare una base operativa avanzata della NATO. L'isola ha un'importanza strategica perché si trova nel cuore del Mar Baltico tra la Svezia e la provincia russa di Kaliningrad.

READ  Altri 2 monumenti di Tienanmen rimossi dai campus universitari di Hong Kong

La Svezia sembra pronta ad aderire alla NATO in un momento di grande incertezza riguardo al futuro degli aiuti militari all’Ucraina – con l’Europa che si trova di fronte alla prospettiva di finanziare lo sforzo bellico senza le vaste risorse degli Stati Uniti, nel caso in cui Donald Trump tornasse al potere e continuasse la sua campagna. . Minacciando di ridurre o ridurre il sostegno a Kiev.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *