La spesa per la difesa del Canada non l’ha reso un paria della NATO, ma le cose potrebbero cambiare, avverte un ex diplomatico

La spesa per la difesa del Canada non l’ha reso un paria della NATO, ma le cose potrebbero cambiare, avverte un ex diplomatico

Uno degli ex massimi diplomatici del paese ha recentemente dichiarato ai parlamentari che l’apparente riluttanza (o incapacità) del Canada a raggiungere l’obiettivo di spesa per la difesa della NATO non ha danneggiato la reputazione del paese tra i suoi alleati.

L’ex ambasciatore canadese alla NATO Kerry Buck ha affermato che più a lungo si trascina la guerra tra Russia e Ucraina, più è probabile che altri paesi perdano la pazienza.

Pack ha fatto le sue osservazioni davanti al Comitato per la Difesa della Camera dei Comuni venerdì – pochi giorni dopo che un rapporto del Washington Post, citando documenti di intelligence del Pentagono trapelati, ha detto che il primo ministro Justin Trudeau ha detto agli alleati che il Canada non avrebbe soddisfatto lo standard di spesa per la difesa della NATO di due ciascuno. per cento del prodotto interno lordo nazionale.

CBC News non ha visto i documenti e non ne ha verificato il contenuto. Né Trudeau né il segretario alla Difesa Anita Anand hanno smentito categoricamente il rapporto.

Parla ai giornalisti dopo un incontro di alleati in una base americana a Ramstein, in Germania, venerdì, e successivamente alla CBC Radio la casaAnand ha rifiutato di commentare quello che ha descritto come un “presunto documento trapelato”.

Il ministro della Difesa Anita Anand parla ai giornalisti durante un comunicato stampa in vista di una riunione del “Gruppo di contatto per la difesa dell’Ucraina” presso la base aerea di Ramstein, in Germania, il 21 aprile 2023. (Matthias Schrader / Associated Press)

Non ha chiarito cosa intendesse per “presumibilmente trapelato”, ma ha affermato che la spesa per la difesa del Canada è su una “traiettoria ascendente” e che il Canada sta assumendo impegni significativi.

Ha indicato di non provare alcun rancore tra gli alleati riuniti a Ramstein per discutere la prossima fase di supporto per l’equipaggiamento militare all’Ucraina.

READ  Più di 500 migranti salvati al largo delle Isole Canarie spagnole

“Ero in una stanza di cinquanta nazioni e il sentimento di unità, uno di energia, uno di ottimismo riguardo al nostro impegno collettivo nei confronti dell’Ucraina nel momento del bisogno”, ha detto Anand. la casa.

Terminato l’incontro di Anand in Germania, Pak stava testimoniando davanti al comitato di difesa. Ha detto al comitato dei parlamentari quadripartiti di non aver visto i documenti, “ma [from] Quello che capisco è in esso, e sono d’accordo con alcune delle critiche e sono davvero in disaccordo con alcune delle altre”.

Kerry Buck, ambasciatore del Canada presso la NATO, si rivolge a una conferenza stampa presso l'Halifax International Security Forum di Halifax venerdì 17 novembre 2017.
Kerry Buck, ex ambasciatore del Canada presso la NATO, ha affermato che lo standard del 2% della NATO è diventato uno “standard politico molto importante” a causa della guerra in Ucraina. (Andrew Vaughan / The Canadian Press)

A parte la questione della spesa per la difesa, il rapporto del Washington Post ha evidenziato le preoccupazioni degli alleati sulla capacità del Canada di rispettare gli impegni dell’alleanza, che includono l’impegno ad espandere un gruppo di battaglia della NATO in Lettonia a livello di brigata.

Buck non ha chiarito su quali punti era d’accordo e su quali non era d’accordo. È tra le 62 figure di spicco della sicurezza nazionale, dell’esercito e degli affari che hanno firmato una lettera redatta dalla conferenza dell’Istituto dell’Associazione per la Difesa, esortando il governo liberale a dare maggiore priorità alla spesa per la difesa nazionale.

Pak ha affermato che il dibattito sul raggiungimento dell’obiettivo della NATO è in gran parte politico.

“In realtà penso che la nostra reputazione nella NATO sia molto buona”, ha detto Buck ai deputati. “Ma l’obiettivo del 2%… era chiaro che il Canada era un obiettivo non vincolante, a due governi”.

Ha detto che lo standard del 2% è diventato “una misura politica molto importante. È una misura politica molto importante che è diventata più importante. È diventata più importante a causa della guerra”.

READ  L'Ucraina afferma di aver abbattuto aerei da combattimento e droni russi mentre il paese festeggia il Natale - World News

Altri alleati, in particolare la Germania, si sono impegnati a rispettare gli standard della NATO. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che i leader alleati probabilmente concorderanno al loro prossimo vertice sul fatto che il 2% del PIL dovrebbe essere il “minimo, non il tetto” per la spesa per la difesa.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg saluta le forze canadesi durante una visita alla base militare di Adazi a Kadaga, in Lettonia, l'8 marzo 2022.
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg saluta le forze canadesi durante una visita alla base militare di Adazi a Kadaga, in Lettonia, l’8 marzo 2022. (Roman Koksarov/Associated Press)

È qui che risiede il pericolo per il Canada, ha detto Buck, “perché tutti i nostri alleati salgono sempre più in alto e noi non ne facciamo parte”.

Ha notato che parte del motivo per cui il PIL del Canada non è aumentato è perché l’economia del Canada sta andando relativamente meglio di quella dei suoi alleati.

Il vice ammiraglio in pensione Mark Norman, ex comandante della Marina canadese, ha affermato che la politica ha minato la sicurezza nazionale del Canada.

“La mia opinione è che il problema con le questioni militari e di sicurezza in Canada è che sono, di fatto, politicizzate”, ha detto Norman a CBC Radio. la casa. “Forse è ingenuo da parte mia dirlo, ma la verità è”.

Ha detto che le questioni di sicurezza e difesa non dovrebbero essere usate come palloni politici o come problemi di cuneo.

I pubblici ministeri federali hanno archiviato l'accusa di abuso di fiducia contro il vice ammiraglio Mark Norman.
L’ex capo della Marina canadese Mark Norman afferma che le questioni di sicurezza nazionale dovrebbero essere separate dalla politica meschina. (Sean Kilpatrick/The Canadian Press)

“I canadesi non dovrebbero preoccuparsi della difesa e della sicurezza”, ha detto Norman.

“Là [is] Una vasta gamma di questioni che affrontano quotidianamente, e vedo come responsabilità del governo occuparsi di queste questioni e non trasformarle in questioni di opinione popolare o agenda politica. Perché la maggior parte dei canadesi non si preoccupa necessariamente della difesa e della sicurezza e non dovrebbe necessariamente farlo.

“Hanno bisogno di sapere di avere una difesa e sicurezza adeguate, non solo per la protezione fisica del Canada… ma soprattutto per la protezione degli interessi del Canada a livello internazionale”.

READ  Boko Haram chiede il rapimento di centinaia di studenti delle scuole superiori in Nigeria

In una certa misura, il governo liberale ha riconosciuto i pericoli della politicizzazione della sicurezza nazionale quando ha istituito il Comitato parlamentare per la sicurezza nazionale e l’intelligence (NSICOP) per monitorare i servizi di sicurezza.

I liberali hanno promesso di creare un’agenzia indipendente per gestire gli appalti militari, ma non hanno mai dato seguito. Quando questa promessa elettorale è stata fatta diversi anni fa, l’idea era di eliminare la politica dagli appalti della difesa.

Nel frattempo, l’incapacità del Canada di procurarsi l’equipaggiamento militare necessario in modo tempestivo influisce sulla quota di spesa per la difesa della NATO e porta gli alleati a chiedersi se questo paese abbia la capacità di rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *