La Corte internazionale di giustizia esamina il caso di genocidio intentato dal Sudafrica contro Israele durante la guerra di Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

La Corte internazionale di giustizia esamina il caso di genocidio intentato dal Sudafrica contro Israele durante la guerra di Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Israele si trova ad affrontare l’accusa di aver sottoposto i palestinesi di Gaza ad atti di genocidio, mentre la Corte internazionale di giustizia ha avviato giovedì un’udienza sul caso di genocidio intentato contro di essa dal Sud Africa.

Nel bel mezzo della guerra israeliana a Gaza, durata tre mesi, sono stati uccisi più di 23.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, hanno detto gli avvocati alla Corte Suprema delle Nazioni Unite. La maggior parte dei 2,3 milioni di persone di Gaza sono state sfollate e il blocco israeliano che limita gravemente cibo, carburante e medicine ha causato, secondo le Nazioni Unite, una “catastrofe” umanitaria.

Il caso del Sudafrica all'Aia sostiene che Israele ha violato la Convenzione sul genocidio del 1948, redatta all'indomani dell'Olocausto, che impone a tutti i paesi di prevenire il ripetersi di tali crimini. Un documento di 84 pagine è stato presentato alla corte che descrive dettagliatamente le azioni che secondo lui equivalgono a un genocidio a Gaza.

Adila Hashem, un avvocato che rappresenta il Sudafrica, ha dichiarato alla Corte internazionale di giustizia che Israele ha violato l’articolo 2 della Convenzione sul genocidio, che prevedeva l’“uccisione di massa” dei palestinesi a Gaza.

“Israele ha schierato 6.000 bombe a settimana… e nessuno è stato risparmiato. Nemmeno i neonati. “I capi delle Nazioni Unite lo hanno descritto come un cimitero di bambini”.

Ha aggiunto: “Niente fermerà la sofferenza se non con un ordine di questo tribunale”. Il Sudafrica ha chiesto alla Corte internazionale di giustizia di ordinare a Israele di sospendere la sua campagna militare.

Un manifestante filo-palestinese tiene uno striscione durante una protesta vicino alla Corte internazionale di giustizia [Thilo Schmuelgen/Reuters]

Chiamata anche Corte Mondiale, la Corte Internazionale di Giustizia è il massimo organo giuridico delle Nazioni Unite che può decidere sui casi tra Stati membri.

READ  Il complesso del parlamento sudafricano a Cape Town in fiamme

Alana O'Malley, professoressa delle Nazioni Unite e di storia internazionale, ha detto ad Al Jazeera che il caso sudafricano è “storico”.

“Dal ricorso ai vari articoli della Convenzione sul genocidio da parte del team legale sudafricano vediamo il modo in cui presenteranno strutturalmente questo caso”, ha detto fuori dal tribunale dell'Aia, descrivendolo come “molto convincente”.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che il suo Paese sta seguendo la questione di quello che ha definito “il massacro in corso del popolo di Gaza”.

Venerdì Israele risponderà alle accuse mosse dal Sud Africa.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che ipocrisia e menzogne ​​sono state portate davanti alla Corte Suprema delle Nazioni Unite, aggiungendo che l'accusa del Sud Africa contro Israele di genocidio a Gaza potrebbe verificarsi solo in un mondo capovolto.

“Stiamo combattendo i terroristi, stiamo combattendo le bugie”, ha detto Netanyahu. “Oggi abbiamo visto un mondo capovolto. Israele è accusato di aver commesso un genocidio mentre combatte il genocidio.”

Ha detto: “Israele sta combattendo terroristi assassini che hanno commesso crimini contro l’umanità: hanno massacrato, violentato, bruciato, smembrato e decapitato bambini, donne, anziani, giovani uomini e donne”. “L’ipocrisia del Sudafrica urla al cielo”.

“intento genocida”

Tembeka Ngcukaitobi, un altro avvocato sudafricano, ha affrontato la questione dell'”intento genocida” di Israele contro i palestinesi di Gaza, che di solito è la cosa più difficile da dimostrare in un caso di questo tipo.

Ha aggiunto: “I leader politici, i leader militari e le persone che ricoprono posizioni ufficiali in Israele hanno sistematicamente ed in termini espliciti dichiarati la loro intenzione di compiere un genocidio”.

READ  Il missionario di Springdale dice che l'Haiti che amava non c'è più dopo i rapimenti

Ha aggiunto: “Queste dichiarazioni vengono ripetute dai soldati sul terreno a Gaza mentre partecipano alla distruzione dei palestinesi e delle infrastrutture fisiche a Gaza”.

Ngcukaitobi ha attirato l'attenzione della corte sui commenti del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu del 28 ottobre 2023, in cui esortava le forze di terra che si preparavano ad entrare a Gaza a “ricordare cosa vi ha fatto Amalek”.

“Ciò si riferisce al comando biblico di Dio a Saulo di distruggere in modo vendicativo un intero gruppo di persone”, ha detto l’avvocato.

Ha aggiunto: “Le prove dell'intento genocida non sono solo spaventose, ma anche schiaccianti e indiscutibili”.

Israele ha respinto le accuse di genocidio come infondate e il presidente Isaac Herzog ha descritto il caso come “assurdo” e ha affermato che costituiva un “periodo sanguinoso”.

Giovedì, il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Lior Hayat ha descritto il caso come “ipocrisia” e ha accusato il Sud Africa di essere il “braccio legale” di Hamas.

“Fermate il genocidio”

Aya Dalloul, residente a Gaza, ha detto che spera che venga emessa una decisione positiva e che la Corte internazionale di giustizia aiuti a “fermare il genocidio israeliano contro i palestinesi”.

“La guerra deve finire. Dobbiamo tornare a casa e vivere in libertà e pace”, ha detto ad Al Jazeera.

Davanti alla Corte internazionale di giustizia, un gran numero di manifestanti si sono radunati per esprimere la loro solidarietà ai palestinesi e chiedere la fine della guerra israeliana, con persone che portavano bandiere palestinesi e di tanto in tanto cantavano: “Stop, stop al genocidio”, “Siamo tutti Palestinesi” e “Boicottare Israele”. “.

“Sono qui perché non possiamo sostenere questo genocidio ogni giorno sui social media e non fare nulla”, ha detto Kim Waters, un manifestante originario di Bruxelles.

READ  Almeno 32 persone sono state uccise e decine ferite in un incidente stradale in Egitto Notizie sui trasporti

Nel frattempo, i sudafricani si sentono “molto orgogliosi” dell'azione legale intrapresa dal loro Paese, ha detto da Pretoria Fehmida Miller di Al Jazeera.

“Ciò che sta accadendo a Gaza ha una profonda risonanza con molti sudafricani a causa della loro storia di apartheid, sottomissione, oppressione e razzismo istituzionale e delle sfide che i sudafricani hanno dovuto superare”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *