Hong Kong sta approvando regole elettorali a favore di Pechino e sta riducendo la capacità di voto del pubblico

Giovedì il legislatore di Hong Kong ha approvato un disegno di legge che modifica le leggi elettorali che riduce in modo significativo la capacità del pubblico di votare e aumenta il numero di legislatori pro-Pechino che prendono decisioni sulla città.

La nuova legge autorizza il Dipartimento per la sicurezza nazionale della città a controllare i precedenti dei potenziali candidati a cariche pubbliche e formare un nuovo comitato per garantire che i candidati siano “patrioti”.

Il numero dei seggi nella legislatura di Hong Kong sarà aumentato a 90, 40 dei quali saranno eletti da una commissione elettorale in gran parte pro-Pechino. Il numero di legislatori eletti direttamente dagli elettori di Hong Kong sarà ridotto a 20 dai 35 precedenti.

Il disegno di legge, passato da 40 a 2, ha incontrato poca opposizione, poiché la maggior parte dei legislatori è in gran parte a favore di Pechino. I loro colleghi pro-democrazia si sono dimessi in massa lo scorso anno per protestare contro il licenziamento di quattro legislatori ritenuti non sufficientemente fedeli a Pechino.

I legislatori pro-Pechino hanno elogiato il disegno di legge durante il dibattito di mercoledì e giovedì, dicendo che le riforme impedirebbero a coloro che non sono fedeli a Hong Kong di candidarsi alle elezioni.

Alcuni hanno sottolineato che molti dei progetti di legge che riguardano i mezzi di sussistenza delle persone sono stati approvati più facilmente quest’anno rispetto al 2020, quando i legislatori pro-democrazia a volte hanno ostacolato o agito in modo fastidioso durante le riunioni per bloccare l’approvazione di progetti di legge con cui non erano d’accordo.

Lu Kin Hee, presidente del più grande partito pro-democrazia di Hong Kong, ha detto che il partito è “scontento” della decisione di approvare il disegno di legge.

READ  Donald Trump afferma che le feste di Natale della Casa Bianca possono continuare perché vede persone che indossano maschere

“Siamo delusi dal modo in cui il governo sta cambiando il sistema elettorale, perché possiamo vedere che la rappresentanza delle persone di Hong Kong nel Consiglio legislativo o nell’istituzione nel suo insieme è molto inferiore rispetto a prima, quindi non lo è”. Luo ha detto, “una buona cosa per Hong Kong”.

Ha detto che il suo Partito Democratico deve ancora decidere se partecipare alle imminenti elezioni legislative di dicembre.

Il Segretario di Stato americano condanna il recente cambiamento a Hong Kong:

Attivisti e legislatori a favore della democrazia si arrestano o si imbavagliano

I cambiamenti nelle elezioni di Hong Kong arrivano mentre Pechino rafforza il suo controllo sulla città semiautonoma che ha visto mesi di proteste antigovernative e conflitti politici nel 2019.

Le autorità hanno arrestato e accusato la maggior parte dei sostenitori della democrazia della città, come Joshua Wong, che era uno studente leader delle proteste del 2014, così come il magnate dei media Jimmy Lai, che ha fondato l’Apple Daily.

Ascolta | Dall’8 aprile: la fine di Hong Kong?

Torcia frontale30:11La fine di Hong Kong?

Dagli arresti di legislatori pro-democrazia, alle modifiche alla legge elettorale – Hong Kong ha subito cambiamenti straordinari dopo l’attuazione della legge sulla sicurezza nazionale a Pechino. Due attivisti pro-democrazia che sono recentemente fuggiti in Canada riflettono sulla presa della Cina sulla città-stato. 30:11

READ  La peste dei topi costringe la prigione australiana a evacuare personale e detenuti

Il parlamento cinese ratificato a marzo ha approvato le modifiche al sistema elettorale della città, che hanno poi portato alle proposte di Hong Kong.

È l’ultima di una serie di mosse per garantire che le persone elette in carica o in servizio cittadino siano fedeli a Pechino. L’emendamento approvato dal legislatore all’inizio di questo mese richiede agli oltre 400 consiglieri comunali – che si occupano principalmente di affari municipali – di prestare giuramento di fedeltà a Hong Kong e di sostenere la sua mini-costituzione.

In precedenza il giuramento era richiesto solo ai legislatori e ai funzionari governativi come l’amministratore delegato.

Il presidente del Partito Democratico Lu Ken Hee ha parlato ai media giovedì al di fuori della legislatura di Hong Kong. (Anthony Wallace / AFP / Getty Images)

Nel frattempo, per un secondo anno, le autorità di Hong Kong hanno vietato una protesta a lume di candela il 4 giugno per commemorare la sanguinosa repressione delle proteste a favore della democrazia in Piazza Tiananmen a Pechino, hanno detto gli organizzatori giovedì.

L’Hong Kong Alliance in Support of National Democratic Movements in Cina, che organizza annualmente la veglia a lume di candela, ha dichiarato in un comunicato che la polizia si è opposta all’evento alla luce delle restrizioni di allontanamento sociale, che vietano i grandi raduni.

Per anni Hong Kong e Macao sono state le uniche due città in Cina in cui alle persone è stato permesso di commemorare l’anniversario del 1989 dello schiacciamento da parte di Pechino del movimento democratico cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *