La nave cargo Cygnus completa la missione sulla Stazione Spaziale Internazionale – Spaceflight Now

In questa vista dalla telecamera sul braccio robotico della stazione spaziale, la nave cargo Cygnus di Northrop Grumman parte dopo una permanenza di tre mesi nel complesso. Credito: NASA TV / Spaceflight Now

Una nave rifornimento Northrop Grumman Cygnus ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale sabato dopo un soggiorno di tre mesi, diretta alla fase finale della sua missione per dispiegare un carico utile di prova di tecnologia militare statunitense e rientrare nell’atmosfera per smaltire 7.500 libbre di spazzatura .

La nave da carico senza equipaggio è stata espulsa dal modulo del modulo della stazione spaziale sabato scorso utilizzando il braccio robotico di fabbricazione canadese del laboratorio. I controllori di terra ordinarono al braccio di posizionare la navicella spaziale Cygnus sotto la stazione, quindi inviarono il comando di rilasciare la nave da carico alle 11:01 EDT (1601 GMT).

Le trappole all’estremità del braccio furono aperte, permettendo alla navicella Cygnus di iniziare a fluttuare via. I lanciatori sono stati sparati contro la nave di rifornimento Cygnus per spingere il velivolo lontano dalla stazione spaziale. Nel giro di mezz’ora, Cygnus era su un percorso sicuro lontano dalla stazione, consentendo alle squadre di terra della Northrop Grumman in Virginia di iniziare una missione estesa della navicella.

La nave cargo Cygnus, chiamata SS Ellison Onizuka in onore di uno degli astronauti morti a bordo dello Space Shuttle Challenger, è arrivata alla stazione spaziale il 12 agosto con oltre 8.000 libbre di rifornimenti, attrezzature ed esperimenti. La nave da carico è stata lanciata il 10 agosto su un missile Antares da Wallops Island, in Virginia.

La missione è il sedicesimo volo di rifornimento di Northrop Grumman alla Stazione Spaziale Internazionale sotto contratto con la NASA.

Gli astronauti all’interno della stazione spaziale scaricano il carico utile consegnato dalla navicella spaziale Cygnus, quindi lo sostituiscono con rifiuti contrassegnati per lo smaltimento.

READ  L'eclissi solare di giugno ha causato questa incredibile macchia scura sul nostro pianeta

La missione estesa della nave cargo Cygnus proseguirà fino al 15 dicembre, quando il veicolo spaziale brucerà in orbita per rientrare nell’atmosfera e brucerà nel Pacifico meridionale.

Prima di essere distrutta, la navicella dispiegherà un piccolo carico sperimentale per l’Agenzia per lo sviluppo spaziale dell’esercito americano e l’Agenzia per la difesa missilistica.

L’Infrared Payload Prototype Experiment, o PIRPL, ha raccolto dati da un’unità di montaggio all’esterno della navicella spaziale Cygnus. Prima che la nave ritorni nell’atmosfera, Cygnus rilascerà un payload PIRPL per effettuare osservazioni autonome con il suo sensore a infrarossi.

I dati a infrarossi aiuteranno gli ingegneri a progettare la prossima generazione di satelliti per il tracciamento di razzi. La dimostrazione tecnologica aiuterà i futuri satelliti militari statunitensi a rilevare e tracciare missili ipersonici, come quelli testati di recente da Cina e Russia.

Northrop Grumman ha sviluppato e trasportato il carico utile PIRPL a bordo della navicella spaziale Cygnus nell’ambito di un contratto da 13,8 milioni di dollari della Space Development Agency.

Uno degli esperimenti finali della missione Cygnus sarà quello di testare la tecnologia dello scudo termico utilizzando tre piccole capsule conservate all’interno della navicella spaziale Cygnus.

Quando Cygnus si rompe durante il rientro, le capsule affonderanno più in profondità nell’atmosfera protette da scudi termici realizzati con diversi tipi di materiali.

Guidato da ingegneri dell’Università del Kentucky, l’esperimento raccoglierà dati dai sensori integrati nello scudo termico di ciascuna capsula. Le misurazioni verranno inviate al team scientifico tramite la rete satellitare Iridium.

Gli sviluppatori dell’esperimento di rientro affermano che i dati aiuteranno a convalidare i modelli informatici utilizzati per progettare veicoli spaziali.

“Il sistema Cygnus si è evoluto dall’essere un semplice servizio di consegna merci a una piattaforma scientifica ad alte prestazioni”, ha affermato Steve Keren, vicepresidente dello spazio civile e commerciale per la business unit Tactical Space System di Northrop Grumman. “Continuiamo a sviluppare queste capacità per includere l’installazione di sistemi di controllo ambientale e altri aggiornamenti per supportare il Lunar Orbital Housing and Logistics Outpost, o HALO (sulla stazione spaziale NASA Lunar Gateway).”

READ  Health Canada richiama il prodotto a base di cannabis BC a causa della contaminazione da oidio - Williams Lake Tribune

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *