La natura oggi | Il forte legame tra scienza e pratica può nuovamente aumentare l’impatto

Nelle aree di riavvolgimento viene riportato allo stato selvaggio. In questo modo gli ecosistemi interessati possono riprendersi. Paul Gibson ha detto: “Com’è meraviglioso essere giovani adesso e poter dare forma a questa nuova storia per il 21 ° secolo”. Simposio, Che si è tenuto in onore Il ricercatore NIOO Liesbeth Bakker è stato nominato professore presso WUR. Secondo Jepson – uno zoologo e geografo britannico con oltre 35 anni di esperienza – i giovani si sentono più coinvolti attraverso la ricostruzione che attraverso le forme tradizionali di protezione, come il programma Natura 2000 dell’Unione Europea. Secondo Gibson, questo è in ritardo di mezzo secolo: “Non conosco nessun altro settore della società in cui ci lasciamo guidare da leggi e idee degli anni ’70”.

Raggiungere

Gli studenti sono particolarmente importanti, secondo Gibson, perché possono mettere in relazione la ricostruzione con altre reti della nostra comunità di cui fanno parte. “Portano l’atmosfera culturale.” Ma quanto spazio c’è per sostenere nuovamente l’esame nei propri studi? Il co-organizzatore del simposio, Lisbeth Packer, ha avvertito che “la scienza è in ritardo nel far rivivere praticamente le iniziative”. Ciò non significa che non siano disponibili informazioni utili. C’è, dice Packer, ma non sempre nel mondo accademico.

France Schippers di Rebuild Europe afferma che la scienza non dovrebbe quindi voler descrivere la pratica della ricostruzione secondo la legge. “La ricostruzione è già una realtà. La scienza deve tenere il passo”. Ma la scienza è anche necessaria per garantire che l’effetto del riavvolgimento sia maggiore in futuro e che il suo potenziale sia realizzato. “Il nostro lavoro come scienziati è tradurre ciò che vediamo in numeri”, ha riassunto Packer nella sua presentazione. Vari esempi di questo sono stati discussi durante il seminario.

READ  L'interno di Marte è stato decodificato dagli scienziati

Vacanze a Lubiana

France Schippers, ad esempio, parla di misurare la qualità della natura. La più alta “sicurezza ambientale” secondo questa scala scientifica ha paesaggi indivisi, in cui l’uomo ha poca influenza e dove ci sono abbastanza specie di megafauna – grandi pastori e carnivori – per garantire varie funzioni ambientali. Jens-Christian Svenning dell’Università danese di Aarhus ha risposto dicendo che si può solo dire se la ricarica porta al risultato desiderato anche se gli standard di sicurezza ambientale sono chiari. Perché questo risultato desiderato non è solo più deserto, ma anche una natura più sana e più biodiversità.

“Se vuoi pianificare in anticipo la tua prima vacanza dopo Corona, la cosa migliore da fare è andare a Lubiana”, ha detto Shippers. La Slovenia ottiene un punteggio elevato. “Quando vai a Bruxelles diventa più difficile”. Ma anche lì, e in altre città densamente popolate, ci sono opportunità, dice. “C’è natura nel quartiere ovunque. Lo trasformiamo in giardini perché la gente la ama. È sbagliato.”

Spedizionieri in Francia

Gli animali selvaggi sono proprio dietro l’angolo

In definitiva, Schippers ha detto in risposta a “Zimbrol” – il film sul ritorno del bisonte europeo mostrato al simposio – che lavorare con la natura è facile: si riprenderà se gli darai l’opportunità. Ancora più difficile sono le persone che devono abituarsi all’idea che animali selvatici vivano vicino all’angolo per la prima volta da secoli.

“La perdita della megafauna ha provocato una mancanza di comprensione”, ha detto Jens-Christian Svenning. Ma secondo un altro oratore al simposio, Nestor Fernandez (iDiv), si sta lavorando seriamente per creare una convivenza armoniosa tra gli esseri umani e la fauna selvatica e ridurre i rischi di conflitto. Secondo lui, ci sono molte opportunità per raccogliere dati scientifici su come si è evoluto, anche grazie ad aerei e droni di cui ce ne sono di più “ogni giorno”. “Dobbiamo solo scegliere gli strumenti giusti”, ha affermato Patrick Jansen dell’Università di Wageningen.

READ  Il campo magnetico terrestre è capovolto 42.000 anni fa, seguito da estinzioni e turbolenze: Study- Technology News, Firstpost

Marker Wadden

Un altro esempio positivo del legame tra scienza e pratica è venuto dalla ricreazione della stessa professor Lisbeth Packer, che sta conducendo ricerche NIOO sull’ecologia acquatica. Il suo esempio è Marker Wadden, l’arcipelago artificiale di Markermeer. Natuurmomenten vuole creare lì un collegamento tra terra e acqua, che di solito sono strettamente separate l’una dall’altra da muri di pietra e argini.

“Attraverso la nostra ricerca, vogliamo fornire una” prova di concetto “, afferma Packer.” Vedere i momenti della natura è corretto? Possiamo provarlo? “Se guardiamo indietro al simposio, è soddisfatta.” All’inizio ho posto la domanda: possiamo rendere il mondo ancora più brutale? Se guardi tutto l’interesse e il feedback positivo, la risposta è “SÌ!”

Lisbeth Packer

maggiori informazioni

testo: NIOO-KNAW a Ricostruire l’Europa
Immagini: Ian Gregg (Leadfoto: bizons); Ricostruire l’Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *