Gli archeologi hanno scoperto un antico panificio nella città italiana di Pompei che serviva a schiavizzare i lavoratori

Gli archeologi hanno scoperto un antico panificio nella città italiana di Pompei che serviva a schiavizzare i lavoratori

Gli archeologi in Italia hanno scoperto una prigione per panetteria a Pompei che schiavizzava i lavoratori sfruttati nella produzione del pane. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Reuters venerdì (8 dicembre), il panificio è stato scoperto durante gli scavi tra le rovine di Pompei.

Il Ministero dei Beni Culturali italiano ha spiegato in un comunicato che la scoperta è stata rinvenuta nella nona zona, l’Insula 10, dove erano in corso gli scavi nell’ambito di un progetto più ampio per mettere in sicurezza e rinforzare le scogliere che delimitano le aree non scavate della città.

Una panetteria senza vista sul mondo esterno

In una piccola stanza, senza vista sul mondo esterno, e con piccole finestre alte nel muro con sbarre di ferro per far entrare la luce, schiavi e asini dovevano girovagare per ore macinando il grano per fare il pane.

Gabriel Zotztriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, ha detto alla Reuters: “Siamo nel panificio di casa e dietro di me c’è un grande forno. La stalla era qui, e gli asini vivevano tra questi due luoghi, e come potete vedere , ci sono molti mulini.

“Anche le pietre del selciato erano un po’ scivolose, quindi qui abbiamo qualcosa che esiste in altre parti della città ma che qui è particolarmente evidente, che ci ha aiutato a capire questo fenomeno. Ci sono delle sculture”, ha aggiunto Zochtregel.

Immagine: la panetteria non aveva vista sul mondo esterno e aveva piccole finestre in alto nel muro con sbarre di ferro per far entrare la luce.

L’archeologo ha anche affermato che il panificio evidenzia le condizioni di vita estremamente precarie delle persone schiavizzate e degli animali sfruttati in questo duro lavoro.

READ  La Comunità Italo-Canadese riceverà a maggio le scuse ufficiali per gli errori della Seconda Guerra Mondiale - RCI

Pompei, riscoperta nel XVIII secolo, è una delle attrazioni turistiche più popolari d’Italia. La città è stata recentemente testimone di un’ondata di attività archeologica.

Ad agosto, gli archeologi hanno scoperto una piccola camera da letto in una villa romana vicino alla città che quasi certamente veniva utilizzata dagli schiavi, facendo luce sulla loro condizione nel mondo antico.

(Con input delle agenzie)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *