La Grecia accoglie il ritorno dell’arte antica tra le pressioni sul British Museum | Notizie di arte e cultura

La Grecia accoglie il ritorno dell’arte antica tra le pressioni sul British Museum |  Notizie di arte e cultura

La restituzione dei manufatti del Partenone dal Vaticano ha aumentato la pressione sul British Museum affinché risponda alla campagna lanciata da Atene 40 anni fa.

La Grecia ha accolto con favore il ritorno da parte del Vaticano di antichi manufatti dall’Acropoli, intensificando una campagna per fare pressione sul British Museum affinché restituisca una collezione di sculture prelevate dall’antico sito di Atene più di 200 anni fa.

Venerdì il ministro della Cultura greco Lina Mendoni ha guidato una cerimonia per la restituzione di tre sculture che erano state conservate nei Musei Vaticani.

I manufatti, che rappresentano un cavallo e due teste maschili, verranno aggiunti alla collezione del Museo dell’Acropoli, aperto nel 2009 ai piedi dell’antico sito nel centro della capitale greca, Atene.

Il vescovo Brian Farrell, segretario vaticano per la promozione dell’unità dei cristiani, ha guidato la delegazione in visita e ha affermato che il ritorno delle tre parti è stato discusso durante una visita ad Atene di Papa Francesco nel 2021.

“La dedicazione di parti del Partenone, custodita nei Musei Vaticani da più di due secoli, appare come un gesto culturale e sociale di amicizia e solidarietà con il popolo della Grecia”, ha affermato Farrell.

Ha aggiunto: “Vi assicuriamo la nostra intima gioia nell’esaudire il vostro legittimo desiderio che … i frammenti siano nella casa nella loro posizione originaria”.

Il gesto ha aumentato la pressione sul British Museum per raggiungere un accordo con la Grecia sulla scia della campagna lanciata da Atene 40 anni fa.

Mendoni ha detto: “Tali iniziative mostrano la via, come i pezzi del Partenone possono essere riuniti e le ferite inflitte molti anni fa da mani barbare possono essere guarite”.

READ  Erdogan descrive l'assedio e il bombardamento israeliano di Gaza come un “massacro” | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

“Questo ci porta alla giusta e morale richiesta dell’intero popolo greco, e di questo governo e del suo primo ministro, per la restituzione definitiva di tutte le sculture del Partenone”.

Mendoni ha affermato che la Grecia sarebbe disposta a prestare antichi manufatti greci al British Museum per l’esposizione per “colmare il vuoto” se i marmi fossero restituiti.

“La Grecia non può riconoscere il possesso e la proprietà del British Museum perché ritiene che le sculture siano lì a causa di un furto”, ha detto.

Il leader della Chiesa greco-ortodossa, l’arcivescovo Girolamo II, ha affermato che “l’azione di papa Francesco ha un significato storico e ha un impatto positivo a tutti i livelli. Speriamo che sia di esempio per gli altri”.

I funzionari del ministero della Cultura greco hanno minimizzato le osservazioni fatte il mese scorso dal capo del British Museum, George Osborne, che ha affermato che il Regno Unito sta lavorando con la Grecia su un accordo per i marmi del Partenone da esporre sia a Londra che ad Atene.

L’anno scorso, un altro frammento scultoreo di marmo del tempio del Partenone – raffigurante il piede dell’antica dea greca Artemide – è stato riportato ad Atena da un museo di Palermo, in Sicilia.

La Grecia sostiene che le sculture del Partenone siano il fulcro del suo antico patrimonio, mentre i sostenitori del British Museum affermano che il loro ritorno potrebbe minare le collezioni museali e la diversità culturale a livello globale.

Scolpite dal Partenone nel V secolo a.C., le incisioni furono prese dal diplomatico britannico Lord Elgin all’inizio del XIX secolo prima che la Grecia ottenesse l’indipendenza dall’Impero Ottomano.

READ  Zelensky ha detto che le forze russe hanno iniziato la battaglia del Donbass

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *