La polizia del Bangladesh arresta 8 persone dopo l’incendio fatale della fabbrica

Un alto funzionario di polizia in Bangladesh ha affermato che sabato la polizia ha arrestato otto persone con l’accusa di omicidio in relazione a un incendio in una fabbrica che ha ucciso almeno 52 persone, molte delle quali sono rimaste intrappolate all’interno di una porta chiusa a chiave illegalmente.

L’incendio è divampato giovedì sera Presso Hashim Food Factory Ltd. a Robjang, fuori dalla capitale, Dacca, inviando enormi nuvole di fumo nero nel cielo. La polizia ha trovato mucchi di corpi venerdì pomeriggio dopo che l’incendio è stato spento.

“Li abbiamo arrestati per l’omicidio”, ha detto al telefono Gidol Alam, il capo della polizia del distretto di Narayangang, all’Associated Press. “Sono sotto la nostra custodia ora.”

Il ministro dell’Interno Asaduzzaman Khan ha detto che tra gli arrestati c’era l’amministratore delegato del gruppo Sajeeb, che possiede la fabbrica.

Il ministro non ha fornito ulteriori dettagli ma ha detto che i responsabili sarebbero stati puniti.

“È un omicidio”, ha detto Khan ai giornalisti mentre visitava il sito della fabbrica sabato.

Guarda | Incendio in fabbrica uccide almeno 52 persone:

I vigili del fuoco hanno detto che un incendio è scoppiato in una fabbrica di cibo e bevande fuori dalla capitale del Bangladesh, uccidendo almeno 52 persone, molte delle quali sono rimaste intrappolate all’interno di una porta chiusa illegalmente. 2:45

Mettere in custodia i sospetti

Sabato sera, un tribunale di Dhaka aveva permesso a tutti e otto i sospetti di rimanere in custodia di polizia per quattro giorni per essere interrogati.

Il Bangladesh ha una tragica storia di disastri industriali, inclusi incendi di fabbriche con lavoratori rinchiusi all’interno.

READ  Donald Trump afferma che le feste di Natale della Casa Bianca possono continuare perché vede persone che indossano maschere

I principali marchi globali, che impiegano decine di migliaia di lavoratori a basso salario in Bangladesh, sono stati sottoposti a forti pressioni per migliorare le condizioni delle fabbriche.

In casi simili, i proprietari delle fabbriche sono stati accusati di omicidio colposo ed è illegale per una fabbrica chiudere le uscite quando i lavoratori sono all’interno durante l’orario di produzione.

Le famiglie cercano di conoscere i propri cari

Un funzionario dei vigili del fuoco e della protezione civile ha affermato che l’uscita principale della fabbrica, che ha preso fuoco giovedì, è stata chiusa dall’interno. Molti di coloro che sono morti sono rimasti intrappolati.

Uno di loro era la 23enne Rima Akter, che ha fatto telefonate disperate alla sua famiglia mentre la fabbrica era devastata da un incendio.

Sabato, sua madre e altri membri della famiglia hanno lottato per identificare i resti della giovane donna nell’obitorio dell’ospedale.

La polizia del Bangladesh ha riferito che otto persone sono state arrestate in relazione all’incendio fatale della fabbrica Hashim Foods Limited a Roupganj, in Bangladesh. (Mahmoud Hussein Obo/The Associated Press)

“Abbiamo esaminato 36 sacchi per cadaveri, ma è molto difficile identificarli”, ha detto suo cognato, Arafat al-Rahman.

La madre di Akter, Josna Begum, ha pianto mentre i funzionari cercavano di rassicurare diverse famiglie in attesa fuori dall’ospedale che i corpi dei loro cari sarebbero stati restituiti una volta completati i test del DNA.

“Mia figlia ha lavorato per risparmiare sulle spese scolastiche. Frequentava lezioni ed esami online. Non ho nessun altro al mondo… Cosa mi resta adesso?” Iniziato ha detto.

Prova Barman, padre di Kumba Rani Barman, morto nell’incendio, ha parlato sabato con i giornalisti davanti alla fabbrica.

Ha detto: “Il corpo di mia figlia è stato trovato qui. Era al terzo piano. Il supervisore ha bloccato lì diverse ragazze, inclusa mia figlia, durante l’incendio”. “Molte ragazze non sono riuscite a scappare dopo aver chiuso il cancello”.

Altri lavoratori sono saltati dai piani superiori e almeno altri 26 sono rimasti feriti, ha riferito venerdì l’agenzia di stampa United del Bangladesh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *