La Corte Suprema degli Stati Uniti abbandona i casi di responsabilità sui social media | Notizie sui tribunali

La Corte Suprema degli Stati Uniti abbandona i casi di responsabilità sui social media |  Notizie sui tribunali

Due decisioni del tribunale rappresentano una vittoria per le società Internet che devono affrontare il controllo sui contenuti degli utenti sulle loro piattaforme.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha assegnato una serie di vittorie alle società di Internet e dei social media, pronunciandosi o ignorando le affermazioni secondo cui le società possono essere ritenute responsabili per i contenuti pubblicati sui loro siti.

Giovedì, il tribunale ha annullato all’unanimità la decisione di un tribunale di grado inferiore che consentiva il proseguimento di un caso riguardante le accuse secondo cui Twitter e altre piattaforme avrebbero aiutato e favorito il gruppo militante dello Stato islamico.

Sempre giovedì, il tribunale ha deferito un caso simile contro Google a un tribunale di grado inferiore, rifiutandosi di ascoltarlo.

Le sentenze del tribunale sono una vittoria per le società tecnologiche e di social media che hanno dovuto affrontare un controllo crescente – e, in alcuni casi, questioni di responsabilità – per il loro ruolo nel controllo dei contenuti generati dagli utenti.

La causa contro Twitter, intentata dai parenti di un uomo ucciso in un attacco a una discoteca dell’Isis in Turchia nel 2017, accusava il social di non aver impedito ai gruppi violenti di utilizzare la piattaforma.

In un’opinione a maggioranza 9-0, il giudice Clarence Thomas ha scritto che i querelanti nel caso potrebbero “indicare qualsiasi azione che incoraggi, solleciti o consigli” attacchi da parte del gigante dei social media.

Invece, ritraggono essenzialmente gli imputati come spettatori passivi che guardano come ISIS [ISIL] Ha realizzato i suoi piani nefasti. “Tali affermazioni non implicano una richiesta di assistenza o partecipazione del colpevole”.

READ  L'Iran accenna all'avvicinarsi della data dello scambio di prigionieri con gli Stati Uniti

L’amministrazione Biden aveva precedentemente espresso sostegno a Twitter sul caso. Ha affermato che l’Anti-Terrorism Act, la legge federale al centro del caso, non si applica alla “fornitura di assistenza pubblica a un’organizzazione terroristica straniera” non direttamente collegata a un attacco.

Tuttavia, i parenti di Nawras Al-Assaf, un uomo giordano ucciso durante un attacco di Capodanno in una discoteca di Istanbul nel 2017, hanno chiesto i danni, sostenendo che Twitter ha fornito “un’assistenza significativa” a un “atto di terrorismo internazionale”. L’attacco ha provocato la morte di Al-Assaf e altri 38.

Beatriz Gonzalez e Jose Hernandez, madre e marito di Nohemi Gonzalez, camminano fuori dalla Corte Suprema degli Stati Uniti [File: Tom Brenner/Reuters]

Il secondo caso di giovedì, che è stato rinviato a un tribunale di grado inferiore, ha affermato che anche il gigante tecnologico Google è stato coinvolto in un attacco dell’ISIS, questa volta a Parigi nel 2015.

Lì, la studentessa universitaria americana Nohemi Gonzalez, 23 anni, era tra le 130 persone uccise quando gli aggressori hanno preso di mira una serie di luoghi con bombe e armi da fuoco, tra cui il teatro Bataclan e lo stadio nazionale francese. Gonzalez è stato colpito mentre era seduto in un bistrot.

La famiglia Gonzales ha sostenuto che Google, attraverso la sua piattaforma di condivisione video YouTube, ha fornito aiuti illegali all’ISIS pubblicando il suo materiale.

Un tribunale di primo grado aveva precedentemente respinto il caso, che mirava a ridurre la portata delle protezioni offerte alle società Internet per i contenuti pubblicati dagli utenti, ai sensi di una legge nota come Sezione 230 del Communications Decency Act.

E in un parere non firmato giovedì, la Corte Suprema ha affermato che c’erano poche prove che collegassero Google all’attacco di Parigi.

READ  Caos meteorologico in Europa - un record freddo in Svizzera - una "piccola estate" in Grecia

“Pertanto, rifiutiamo di indirizzare un’applicazione della Sezione 230 a un reclamo che sembra fornire poche o nessuna ragionevole richiesta di risarcimento”, si legge nell’opinione.

La Corte Suprema aveva ascoltato le argomentazioni in entrambi i casi a febbraio, quando avevano espresso dubbi sulla loro fondatezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *