L’esercito ucraino ammette una modesta perdita territoriale nella regione di Donetsk

Case distrutte dopo i bombardamenti russi nella regione di Solidar, in Ucraina, a Donetsk, martedì 24 maggio (Andriy Andriyenko/AP)

Le forze armate ucraine hanno riconosciuto che le forze russe avevano compiuto ulteriori progressi nella regione di Donetsk, conquistando un’area a 10 miglia (circa 16 chilometri) dall’importante città di Bakhmut.

In un aggiornamento operativo giovedì, lo stato maggiore delle forze armate ha affermato che mentre molti sforzi russi per avanzare sono stati vanificati, “nelle direzioni Pokrovsky e Klinov, il nemico ha ottenuto un successo parziale, catturando il villaggio di Medna Roda”.

Medina Rawda si trova a circa 10 miglia (circa 16 chilometri) a sud-est di Bakhmut, che la scorsa settimana è stata colpita da un pesante fuoco di artiglieria. Bakhmut è su un’importante rotta di rifornimento per le unità ucraine in prima linea, che sarà probabilmente interrotta da ulteriori avanzamenti russi.

“In direzione di Donetsk, il nemico sta bombardando le nostre forze, lanciando attacchi missilistici, conducendo la sorveglianza e aumentando il supporto aereo”, ha affermato lo stato maggiore.

Lo stato maggiore ha anche affermato che altri sforzi russi per avanzare verso ovest verso i confini della regione di Donetsk sono stati respinti. Ha aggiunto che i russi hanno continuato a bombardare le forze ucraine a sud della città di Liman, e molti di loro sono caduti nelle mani dei russi martedì. Un videoclip di mercoledì mostrava la bandiera russa che sventolava sugli uffici comunali della città.

Secondo gli ucraini, gli sforzi russi per avanzare a Donetsk da nord sono ancora frustranti. Le linee del fronte nella regione sono cambiate poco nelle ultime settimane. “Con il supporto dell’artiglieria, il nemico ha effettuato un attacco verso il villaggio di Bohorodishin, ma non ci è riuscito e si è ritirato nelle posizioni precedenti”, hanno detto i capi di stato maggiore congiunti.

READ  Steve Bannon è stato condannato a 4 mesi di carcere per aver sfidato una citazione del 6 gennaio

A est, mentre le forze ucraine si aggrappano a posizioni difensive intorno a Severodonetsk, lo stato maggiore ha affermato che le forze russe hanno avuto “un parziale successo” nel fare lievi avanzamenti sul terreno.

Intanto al sud: Lo stato maggiore ha affermato che le unità russe nella regione di Zaporizhzhya erano state rinforzate con carri armati T-62 dell’era sovietica, che sembravano essere usciti dalle scorte.

Separatamente, l’esercito ucraino ha pubblicato video e citazioni di soldati che operavano con gli obici americani M777. Ne elogiano la precisione e la portata, uno di loro dice: “Il nemico sente l’efficacia della nostra artiglieria ogni giorno e ogni ora. Facciamo tutto il possibile e impossibile per sopprimere ed eliminare il nemico e diamo alla nostra fanteria la possibilità di contrattaccare per liberare il nostro territorio.”

Oleksiy Aristovich, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha affermato che la città di Lyman nella regione di Donetsk era caduta nelle mani dei russi, “secondo rapporti non verificati”.

“L’esercito russo – e questo è qualcosa che deve essere verificato – è stato preso in consegna”, ha detto Aristovich alla televisione ucraina.

E in una rara ammissione, Aristovich ha anche affermato: “Il modo in cui l’hanno catturato mostra che c’è ancora un comandante di talento che ha organizzato correttamente l’operazione, il che indica il maggiore livello di controllo operativo e abilità tattiche dell’esercito russo”.

Kostan Nechyporenko della CNN ha contribuito a questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.