La colorata isola di Procida vince la Capitale Italiana della Cultura nel 2022

L’isola di Procida, situata nel Golfo di Napoli, festeggia la sua vittoria nel titolo di Capitale Italiana della Cultura 2022, dopo aver gareggiato contro altri nove concorrenti.

Impressionato dalla sua architettura vibrante e dalle vivaci case colorate, la piccola isola è stata classificata al primo posto grazie alla sua presentazione. La cultura non isola, Oppure la cultura non isola (giocando sulla parola “isola” in italiano).

Il 18 gennaio il Ministero della Cultura italiano ha annunciato il titolo, confermando la vittoria di Procida su Ancona, Bari, Cerviteri, L’Aquila, Pieve di Soligo, Taranto, Trapani, Verbania e Volterra. A seguito dell’annuncio del Ministro per i Beni, le Attività e il Turismo, Dario Franceschini, quotidiano italiano La Repubblica È stato riferito che una festa era esplosa sull’isola e “un grido di gioia è scoppiato tra il comitato organizzatore dell’isola”.

“Viva Procida, che ci accompagnerà nell’anno del Natale. Il progetto culturale presenta elementi attrattivi di ottima qualità. Il movente parla da solo”, ha detto Franceschini durante il bando.

Il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, è intervenuto poco dopo l’annuncio, definendolo una “straordinaria opportunità” e ha detto: “Siamo orgogliosi, grazie per questa storica opportunità che sicuramente coglieremo con il duro lavoro per rendere l’Italia orgogliosa di questa splendida scelta”.

Il titolo di Capitale Italiana della Cultura viene solitamente assegnato a luoghi più grandi, come l’attuale campione in carica Parma, quindi il successo di Procida è particolarmente emblematico.

Il sindaco dell’isola ha spiegato che “questa gioia tremenda rappresenta il sentimento di tanti piccoli borghi in Italia. Penso che Procida possa essere vista come metafora di tanti luoghi, tanti dipartimenti, tante società che hanno riscoperto l’entusiasmo e l’orgoglio delle proprie terre e che, con questo titolo, vogliono costruire un importante riscatto. Alle loro terre. “

Il direttore delle nomine di Procida, Agostino Riitano, ha fatto eco al sindaco dicendo: “In questo momento, il Paese aveva bisogno di un progetto lungimirante che potesse dare un’indicazione che l’Italia non è solo fatta di grandi città d’arte, ma i migliori depositi sono proprio in quei luoghi che sono stati considerati minori da anni. Con questa vittoria dimostriamo che ciò che è piccolo è anche profetico “.

Franceschini ha detto che Procida è stata coronata dal suo “modello di sviluppo sostenibile basato sulla cultura e sulle coste dell’isola”. “Il progetto è anche in grado di trasmettere un messaggio poetico, una visione culturale, che si estende dalla realtà della piccola isola come un desiderio per tutti noi nei prossimi mesi”.

Situata tra Capo Miseno e Ischia, Procida è una delle Isole Flegree al largo di Napoli. Fodor Travel La guida turistica Procida dice: “In termini di panorami mozzafiato, questo è il posto giusto per godersi quella che gli italiani chiamano” architettura spontanea “o folclore mediterraneo”.

Consigliano ai visitatori di “cercare i lunghi archi al piano terra, che denotano i luoghi in cui le barche possono essere riposte in inverno, le scale esterne che forniscono l’accesso ai piani superiori senza restringere lo spazio abitativo interno e i tenui colori pastello delle facciate contrastano con i colori più profondi e audaci del mare”. Uno scenario bellissimo, non sorprende che Procida abbia una forte tradizione artistica ed è ampiamente considerata l’isola dei pittori per eccellenza. “

La scena poetica di Procida è stata l’ambientazione di una serie di film tra cui Postino (Postino) E il Il talentuoso Mr. Ripley.

READ  Ex calciatore della Roma, residente a Timisoara, sta riparando strade in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *