Come la polizia italiana ha arrestato mio marito con accuse inventate | The Guardian Nigeria Notizie


Sig.: Ho deciso di uscire e raccontare anche io la mia storia dopo aver letto la storia di mia ‘sorella’ la signora Wendy Iguima, il cui marito è stato arrestato in Italia e imprigionato con false accuse. Il nostro calvario è iniziato il 28 ottobre 2020. Ci stavamo appena svegliando quella fatidica mattina quando abbiamo sentito bussare alla nostra porta. Dopo aver aperto, abbiamo visto nove agenti di polizia italiani. Li abbiamo sorpresi e abbiamo chiesto loro cosa volessero. Qualcuno ci ha detto che erano venuti per arrestare mio marito. Anch’io volevo seguire mio marito alla stazione di polizia di Valletti a Torino, in Italia. Hanno rifiutato e mi hanno dato il numero di telefono dell’avvocato Manuel Berga, il cui studio è in Piemonte, Torino.

Ho chiamato questo avvocato e mi ha chiesto di accompagnarlo al carcere dove era detenuto mio marito. L’avvocato ha chiesto ai funzionari della prigione del crimine commesso da mio marito, Stanley Chukwudi Amanchukwu, e hanno detto che era un membro di un gruppo mafioso. Questa affermazione non è corretta. Mio marito non è affiliato ad alcuna organizzazione mafiosa ma è un normanno. I normanni in Italia di solito svolgono attività di beneficenza e filantropia con individui e istituzioni meno privilegiati in Italia. Visitano gli orfanotrofi e cercano di dare loro un po’ di aiuto.

Una delle accuse che hanno fatto contro mio marito è che è un protettore che gestisce una banda illegale di trafficanti di esseri umani. Raccoglie almeno 500 euro al mese da ogni ragazza, e riceve 15.000 euro al mese dalle sue attività mafiose. Queste sono tutte bugie.

READ  Rugby a sei nazioni | Il nome della squadra italiana non è cambiato per affrontare l'Irlanda

Mio marito è un devoto cristiano e si guadagna da vivere in Italia per aiutare gli italiani nei loro negozi, aziende e stabilimenti. Se mio marito guadagna davvero fino a 15.000 euro al mese, come sostengono i poliziotti, non vivremo come viviamo. Se guadagna 15.000 euro al mese, perché fatica a sbarcare il lunario per soddisfare i bisogni della sua famiglia? Sto cercando di sostenere il piccolo reddito di mio marito con i proventi del mio negozio di parrucchieri a Torino.

Dal giugno dello scorso anno la causa è stata rinviata dal giudice. Abbiamo provato a contattare l’ambasciata nigeriana in Italia ma non ci siamo riusciti. La maggior parte delle federazioni nigeriane in Italia non ci ha contattato e siamo stati abbandonati.
Joy Amanchukwu vive a Torino, in Italia, da 16 anni.

Per molto tempo è stato molto difficile per me vedere mio marito, e solo di recente gli sforzi del nostro avvocato Manuel Bergas sono stati ripagati e ho potuto vederlo. Sembrava molto debole e tutti abbiamo iniziato a piangere vedendo quanto fosse emaciato.

Voglio cogliere l’occasione per chiedere il suo rilascio. Non è un criminale e un boss mafioso (come sostengono gli italiani). Finora, non ci sono prove contro di lui che abbia commesso il crimine che affermano di aver commesso. Tutta la nostra famiglia stava lottando duramente per sopravvivere. Senza alcun aiuto, ho dovuto lottare per mantenere tre bambini – portarli a scuola, dar loro da mangiare, comprare le loro medicine – tutto con i magri proventi del mio parrucchiere.
Joy Amanchukwu vive a Torino, in Italia, da 16 anni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *