Italia: i partiti di centrodestra vogliono Silvio Berlusconi presidente | notizie | DW

I partiti di centrodestra italiani hanno confermato venerdì il loro sostegno all’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per la presidenza.

Il nuovo capo dello Stato italiano, che sostituirà Sergio Mattarella uscente, sarà scelto da 1.000 legislatori che inizieranno a votare il 24 gennaio.

“I leader della coalizione hanno convenuto che Silvio Berlusconi è la persona giusta per ricoprire questo alto incarico in questi tempi difficili”, hanno affermato i leader dei partiti di centrodestra italiani in una dichiarazione congiunta dopo un incontro nella villa di Berlusconi a Roma.

Giovedì, il leader della Lega di destra Matteo Salvini ha affermato che la coalizione di centrodestra è stata “risoluta e unanime nel sostenere Berlusconi”.

Oltre alla Lega, la coalizione di centrodestra comprende i Fratelli italiani di estrema destra e Forza Italia di Berlusconi.

Nessuno dei due principali blocchi del parlamento italiano, il Movimento 5 Stelle anti-regime e il Partito Democratico (PD) di centrosinistra, hanno la maggioranza per far passare un candidato alla presidenza.

Sebbene la posizione sia in gran parte cerimoniale in Italia, il presidente gioca un ruolo chiave nella risoluzione di stalli politici, che è comune nel paese dell’Europa meridionale.

Chi è Silvio Berlusconi?

Annuncio a tutta pagina pubblicato giovedì sul quotidiano GiornaleUno dei giornali di proprietà di Berlusconi ha chiesto: “Chi è Silvio Berlusconi?” e “Chi altro?”

L’annuncio presenta una foto vecchia di decenni dell’ex primo ministro e l’annuncio elenca 22 proprietà e presunti risultati

L’annuncio, ufficialmente attribuito a una cerchia di attivisti di partito di età superiore ai 65 anni, continuava a descriverlo come una “persona buona e generosa”. Si è concluso con lui che è stato descritto come un “eroe della libertà” entrato in politica nel 1994 per salvare l’Italia da un “regime autoritario”.

READ  L'Italia avverte le organizzazioni di prepararsi per i prossimi attacchi DDoS

Ma data la sua carriera piena di scandali, pochi analisti politici vedono Berlusconi come un serio contendente.

L’85enne magnate dei media ha servito come Primo Ministro italiano in tre governi: dal 1994 al 1995, dal 2001 al 2006 e dal 2008 al 2011. Durante i suoi tre decenni in politica, Berlusconi ha dovuto affrontare problemi legali in corso, comprese azioni legali nel corso del suo “bunga bunga”.Le famigerate “feste sessuali”.

Manifestazione organizzata dal movimento Popolo Viola contro l'ipotesi della candidatura di Silvio Berlusconi

Berlusconi è visto come una figura divisiva nella politica italiana

Chi altro potrebbe essere il prossimo presidente dell’Italia?

Il Pd di centrosinistra ha espresso forte sostegno alla candidatura presidenziale del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Draghi ha dichiarato alla conferenza stampa di fine anno di aver realizzato ciò che aveva pianificato, indicando di essere pronto a trasferirsi al Palazzo Presidenziale del Quirinale.

Sotto Draghi, l’ex capo della Banca Centrale Europea, l’economia italiana ha preso una svolta. Ha guidato un governo notevolmente unificato, composto da quasi tutti i partiti politici italiani.

È visto come una figura politica in grado di inviare un segnale di stabilità e credibilità continua dell’Italia.

Interviene Mario Draghi in conferenza stampa

Draghi è stato scelto lo scorso anno per guidare un governo di unità nazionale

Il movimento populista Cinque Stelle, che comprende il maggior numero di deputati, si oppone fermamente a Berlusconi.

“Oggi è necessario mettere da parte l’appartenenza al partito, tutte le forze politiche devono convergere su una figura che possa rappresentare gli italiani e il Paese”, ha detto il vicepresidente a cinque stelle Mario Turco.

Sebbene i partiti alleati di destra sostengano Berlusconi, trarranno vantaggio anche se Draghi lascerà presto la premier poiché ciò porterà a elezioni anticipate.

READ  La comunità tibetana in Italia organizza una protesta contro le atrocità cinesi in Tibet

Ma Salvini in precedenza aveva ammesso che senza Draghi come primo ministro sarebbe stato difficile mantenere l’ampia coalizione di unità nazionale.

fb / sms (Reuters, Agence France-Presse)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.