Stephen Hawking dice a un collaboratore che A Brief History of Time è un “errore”

Stephen Hawking dice a un collaboratore che A Brief History of Time è un “errore”

Thomas Hertog ha lavorato con un cosmologo a un nuovo libro dopo aver condiviso il suo scetticismo sul suo lavoro più venduto

  • Di Robin Mackie/The Guardian

Nel 2002, Thomas Hertog ha ricevuto un’e-mail che lo convocava nell’ufficio del suo mentore, Stephen Hawking. Il giovane ricercatore si precipitò nella stanza di Hawking a Cambridge. “I suoi occhi brillavano di eccitazione”, ha ricordato Hertog.

Hawking dichiarò, mentre digitava sul sistema vocale controllato dal computer che consentiva al cosmologo di comunicare: “Ho cambiato idea. Il mio libro, A Brief History of Time, è scritto dalla prospettiva sbagliata”.

Così, uno dei libri scientifici più venduti nella storia della pubblicazione, con un fatturato mondiale di oltre 10 milioni, è stato mandato nella spazzatura dal suo autore. Hawking e Hertog hanno quindi iniziato a lavorare su un nuovo modo per incapsulare le loro ultime idee sull’universo.

Foto: AP

Il prossimo mese, cinque anni dopo la morte di Hawking, questo libro – On the Origin of Time: Stephen Hawking’s Definitive Theory – sarà pubblicato nel Regno Unito. Hertog ne illustrerà le origini ei temi alla Cambridge Festival Lecture del 31 marzo.

“Il problema di Hawking era la sua lotta per capire come l’universo potesse creare condizioni perfettamente adatte alla vita”, afferma Hertog, cosmologo attualmente residente presso KU Leuven in Belgio.

Esempi di queste condizioni di supporto alla vita includono il delicato equilibrio esistente tra le forze delle particelle che consentono l’esistenza della chimica e delle molecole complesse. Inoltre, il fatto che esistano solo tre dimensioni di spazio consente ai sistemi solari stabili di evolversi e fornire case agli organismi viventi. Senza queste proprietà, l’universo potrebbe non aver prodotto la vita così come la conosciamo, sostengono alcuni cosmologi.

Hertog e Hawking sono pronti a formulare spiegazioni per questa incertezza stellare dopo che quest’ultimo decide che i suoi precedenti tentativi erano insufficienti.

“Stephen mi ha detto che ora pensava di aver sbagliato, e così abbiamo lavorato, fianco a fianco, per i successivi 20 anni per sviluppare una nuova teoria dell’universo, che potesse spiegare meglio l’emergere della vita”, ha detto Hertog. .

È stata una grande collaborazione, ma non è stato facile. Quando aveva 21 anni, a Hawking fu diagnosticata una forma precoce e lentamente progressiva di malattia dei motoneuroni che lo paralizzò gradualmente.

Quando iniziò a lavorare con Hertog, era stato nominato Professore di Matematica all’Università di Cambridge, uno dei posti accademici più prestigiosi al mondo (Isaac Newton ne era un ex titolare), e aveva prodotto una serie di affascinanti teorie su la relatività generale, i buchi neri e l’origine dell’universo, nonché il suo libro Bestseller A Brief History of Time. Tuttavia, le sue condizioni sono peggiorate. Era su una sedia a rotelle e poteva comunicare solo utilizzando un piccolo computer da cui selezionava le parole inviate da un sintetizzatore vocale.

“A metà della nostra collaborazione, ha perso la forza rimanente nella sua mano per premere il clicker che stava usando per parlare”, dice Hertog. Quindi Hawking si è rivolto a un sensore attaccato ai suoi occhiali che potrebbe essere attivato scuotendo un muscolo della guancia, ma alla fine diventa troppo difficile.

Hertog ha detto che è rallentato da poche parole al minuto a diversi minuti per parola. Alla fine, la connessione si è interrotta.

“Mi posizionavo di fronte a lui e facevo domande e lo guardavo negli occhi per vedere se era d’accordo o in disaccordo. Alla fine, potevo rilevare diversi livelli di ‘no’ e diversi livelli di ‘sì’ con un po’ di nel mezzo.”

READ  Vede il microscopio ordinario con grande precisione con materiale termoretraibile appositamente progettato

Da queste “conversazioni” è nata la teoria finale di Hawking che, in combinazione con l’analisi di Hertog, costituisce la base di The Origin of Time, un libro che prende il titolo da Sull’origine delle specie di Charles Darwin.

“Alla fine, siamo arrivati ​​a pensare alla fisica in un modo molto simile a quello che pensiamo alla biologia. Abbiamo messo la fisica e la biologia sullo stesso piano”.

Secondo Hertog, On the Origin of Time si occupa di domande sul nostro posto nell’universo e su ciò che rende il nostro universo adatto alla vita. Queste domande erano sempre in secondo piano nelle loro pubblicazioni scientifiche.

“Quello che ho fatto per questo libro è stato porre queste domande al centro e raccontare la nostra storia da questa prospettiva. Stephen e io abbiamo esplorato come la fisica stessa potrebbe scomparire nel Big Bang. Non sono le leggi in sé, ma la loro capacità di cambiare che hanno il l’ultima parola sulla nostra teoria. Questo getta nuova luce.” Su cos’è la cosmologia alla fine.”

Secondo Hertog, la nuova prospettiva che ha raggiunto con Hawking riflette la gerarchia tra leggi e realtà in fisica ed è “profondamente darwiniana” nello spirito.

“Conduce a una nuova filosofia della fisica che rifiuta l’idea che l’universo sia una macchina governata da leggi incondizionate di esistenza preesistente, e la sostituisce con una visione dell’universo come una sorta di entità auto-organizzante in cui tutti i tipi di entità emergenti emergono modelli, che generalmente chiamiamo le leggi della fisica.”

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all’articolo. Commenti contenenti linguaggio volgare o volgare, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozione verranno rimossi e l’utente bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

READ  Gli scienziati creano un progetto di citizen science per aiutare a trovare gli asteroidi terrestri nelle vicinanze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *