I focolai di influenza aviaria tra il pollame sono in calo in Europa

I focolai di influenza aviaria tra il pollame sono in calo in Europa

I focolai di influenza aviaria, o influenza aviaria, si sono verificati meno frequentemente nel pollame a marzo e aprile di quest’anno rispetto al periodo di riferimento precedente, dal 3 dicembre 2022 al 1 marzo 2023, e anche quando i dati sono stati adeguati rispetto ai documenti della primavera 2022 , secondo A Rapporto sull’influenza aviariaDall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e dal Laboratorio di riferimento dell’Unione europea (EURL).

Focolai di influenza aviaria sono stati segnalati in Ungheria (60), Italia (10), Germania (6), Regno Unito (4), Repubblica Ceca (3), Danimarca (2), Francia (2), Polonia (2), Bulgaria ( 1), Svezia (1) e Svizzera (1). La maggior parte di questi casi è stata classificata come focolaio primario senza diffusione secondaria e alcuni sono stati associati a malattie atipiche, in particolare a un basso tasso di mortalità, hanno osservato gli autori.

Il rilevamento di casi di uccelli selvatici è diminuito a marzo e aprile rispetto al precedente periodo di riferimento, ma è aumentato rispetto alla primavera dello scorso anno.

Il virus HPAI continua ad espandersi nelle Americhe e dovrebbe raggiungere presto il Polo Sud, si legge nel rapporto.

L’infezione è stata rilevata per la prima volta in sei nuove specie di mammiferi, compresi i mammiferi marini. Sono stati segnalati anche due casi nei gatti negli Stati Uniti e uno in un cane in Canada. Come misura precauzionale, la FRA ha affermato di raccomandare di evitare che gli animali domestici vengano esposti ad animali morti o malati nelle aree colpite dall’influenza aviaria altamente patogena.

I record sono in calo

L’epidemia di influenza aviaria osservata nell’anno 2021-2022 è stata la più grande pandemia finora osservata in Europa, con un totale di 6.684 casi di virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità rilevati in 37 paesi europei, di cui 2.761 nei volatili domestici e 3.923 nei selvatici uccelli.

READ  HPPH inizia la sorveglianza annuale per il virus del Nilo occidentale

Nell’attuale anno epidemiologico 2022-2023, ad aprile 2023, sono stati segnalati in totale 3849 rilevamenti di virus HPAI in 31 paesi: 1175 negli uccelli domestici e 2674 negli uccelli selvatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *