La diaspora afghana organizza proteste contro i talebani



Ani |
aggiornato:
21 agosto 2021 20:44 lui è

Roma [Italy]21 agosto (ANI): in piazza Repubblica, nel cuore di Roma, si svolge una manifestazione antitalebana.
L’evento ha visto una folla di circa 100 persone tra cui espatriati afgani delle comunità pashtun, uzbeke e tagike.
Molti italiani e professionisti dei media hanno partecipato a questo evento come espressione di solidarietà con i cittadini afghani.
Molti afghani portavano con le loro famiglie striscioni anti-talebani e anti-pakistani. L’evento di quattro ore ha caratterizzato slogan e discorsi dei membri della comunità che invitano il mondo a non abbandonare gli afgani.
Intervenendo all’evento, Nader, professore di studi afgani in diverse università italiane, ha evidenziato l’illegittimità dell’emirato dichiarato dai talebani.

Ha affermato che i talebani hanno usurpato il potere con il tradimento e ingannato tutti fingendo fino all’ultimo di essere pronti a negoziare per la formazione di un governo ad interim che avrebbe portato il Paese a nuove elezioni.


“Pertanto, non ci dovrebbero essere dubbi che l’attuale talebano sia diverso dal loro precedente regime. E non lo sono affatto. A loro non interessa la Costituzione e le sue disposizioni, che, tra l’altro, stabiliscono che la forma dello Stato come una repubblica non può essere modificata e che diventa i diritti fondamentali le persone sono più efficaci ma non lo sminuiscono (articolo 149).

Ha detto che era responsabilità del mondo osservare e chiedere spiegazioni ai talebani. “Tra quei criminali che i talebani hanno liberato dalle carceri mantenendo gli innocenti sotto il terrore, quanti pakistani, arabi e altri? E degli afghani nelle loro file, quanti giovani reclutati con la forza, che non condividono affatto la loro ideologia e le loro pratiche ?”
“I paesi democratici, sempre pronti a criticare le violazioni dei diritti umani in qualsiasi altro paese, realizzeranno il riconoscimento di questo regime illegale e incostituzionale instaurato in Afghanistan contro i principi del diritto internazionale e contro la costituzione come espressione della volontà del suo popolo? “chiese il professore.
“Dopo aver lasciato l’Afghanistan prima del previsto mentre il paese era in pericolo chiamando migliaia di soldati solo per proteggere la loro fuga, con ciò che gli occidentali affrontano potranno tornare indietro e guardare negli occhi milioni di donne, bambini, uomini anziani e abbandonati?”
Ha anche citato Ahmad Shah Massoudward dicendo: “Quello che non capisci è che combattendo i talebani, sto combattendo per la tua libertà”.
Ha sottolineato che l’obbligo morale e legale spetta alle potenze mondiali non solo per garantire la loro sicurezza, ma per tutti gli individui, compresi gli afgani. Ha sottolineato che “il mondo non dovrebbe riconoscere i talebani e normalizzare le sue relazioni”.
Il professore ha aggiunto: “Nessun afghano dalla mentalità libera vuole vivere sotto il regime dei talebani. I talebani non sono una scelta pubblica; è loro imposta e il mondo è complice della loro situazione di impotenza”. (Ani)

READ  Il miglior nuovo ristorante italiano in America è a St. Louis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *