Ineos Grenadiers DS: Tom Pidcock vince la Strade Bianche ‘in discesa’

Ineos Grenadiers DS: Tom Pidcock vince la Strade Bianche ‘in discesa’

],”filter”:{“nextExceptions”:”img,blockquote,div”,”nextContainsExceptions”:”img,blockquote,a.btn,ao-button”}}”>

Non perdere mai un momento dalla Parigi-Roubaix e Unbound Gravel, al Giro d’Italia, al Tour de France, alla Vuelta a España e tutto il resto quando > “,” name “:” in-content-cta “,” type”: “link”}}”> partecipa +.

Matteo Tosatto si è seduto in soggezione dal suo posto in prima fila alla splendida vittoria di Tom Pidcock sabato alla Strade Bianche.

Il direttore sportivo italiano di Ineos Grenadiers ha affermato che le capacità di guida della bici e l’agilità di Pidcock sotto pressione mentre l’intero gruppo gli respirava sul collo hanno suggellato la straordinaria vittoria individuale.

“Tom ha vinto lo Stradi Bianch in pista”, ha detto Tosatto. VeloNews. “Poteva riprendersi dalla discesa e stava impiegando quattro, cinque, otto secondi sulla ghiaia. Alla fine, Tom aveva delle gambe fantastiche”.

Le impressionanti capacità di gestione della bici di Pidcock sui circuiti di mountain bike e ciclocross hanno dato i loro frutti sabato quando è scivolato via dall’intero gruppo.

Leggi anche:

Aprendo costantemente i varchi in discesa, Pidcock stava facendo due cose, ha detto Tosato durante una chiamata lunedì.

In primo luogo, il Pidcock potrebbe recuperare e poi guidare in salita in modo più conservativo. E in secondo luogo, gli ha permesso di salvare entrambe le gambe per le cruciali miglia finali quando l’inseguimento è giunto al culmine.

Questo account si è aggiunto alla più grande vittoria su strada di un giorno di Pidcock in una delle sue giovani e promettenti carriere.

“Sabato è stata una gara speciale. A un certo punto il distacco era solo di nove o 10 secondi – ha detto Tosato – Gli ho detto alla radio che nessuno dietro di lui aveva gambe super e questo gli ha dato molte motivazioni per il traguardo . Può volerci un po’ per scendere, e poi continuare fino alla fine.

READ  Isotta LMH completa il primo Shakedown in assoluto a Vallelunga - Sportscar365

Tom non ha mai fatto pressioni.

Pidcock celebra la più grande gara di un giorno della sua carriera su strada. (Foto: Sarah Cavallini/Getty Images)

Pidcock in sella a pneumatici tubeless, unito alle sue doti di discesa fluida, stava mettendo l’intero gruppo sul bordo del grasso e irregolare Stirati sulle colline toscane.

“Tom non ha mai veramente spinto in discesa, tranne forse una o due curve pericolose”, ha detto Tosatto in una telefonata pre-Tirreno-Adriatico. “Queste abilità di ciclocross e mountain bike sono molto importanti per Tom sulle piste.

“Possono essere necessari sei o sette secondi in un chilometro su un pendio”, ha detto. “Le Strade Bianche sono una gara perfetta per lui. Con discese strette e ghiaia, era fatto per questo”.

Anche la decisione alquanto controversa di Pidcock di saltare i mondi del ciclocross a Hoogerheide a febbraio ha dato i suoi frutti. Mathieu van der Pol ha ammesso di non aver avuto il tempo di riprendersi dopo aver vinto i nastri nella partita importante di sabato.

Il nuovo, spronato Pidcock aveva quella scintilla in più nelle gambe sulle verdi colline toscane.

“Abbiamo preso questa decisione che era meglio per Tom non correre i Mondiali”, ha detto Tosatto. “Si è allenato in quota e si vedeva che era fresco e si era completamente ripreso prima della Strade Bianche.

“Tom aveva molta fiducia prima della gara. Nonostante la sua giovane età, ha esperienza nell’affrontare gare importanti come la Strade Bianche. Ci è abituato dalle corse mondiali e dalle Olimpiadi”.

All’interno del pullman della squadra, Tosatto ha esaminato vari scenari per Pidcock e la squadra. Hanno giocato tattiche su come gestire la situazione se Pidcock faceva parte di un gruppo numeroso, di un piccolo gruppo o con i suoi compagni di squadra.

READ  Controlla le partite complete e i tempi di tutte le partite

Uno scenario inaspettato: andare in solitaria per 50 km.

“La tattica prima della partenza era quella di evitare qualsiasi problema all’inizio, stare con i suoi compagni di squadra e non farsi prendere da eventuali spaccature nel gruppo”, ha detto Tosato. “L’arrampicata su Santa Marie è stata la mia prima grande macchia rossa.”

Pidcock ha coperto una mossa iniziata da Alberto Petiol di EF Education-Easy Post, poi è scivolato fuori dalla discesa tecnica.

Tom non ha mai guardato indietro.

Pidcock è scivolato via e non ha mai guardato la Strade Bianche. (Foto: DIRK WAEM/BELGA MAG/AFP via Getty Images)

E con questo, Pidcock ha fatto il suo gioco.

È allora che si è aperto il divario iniziale sul gruppo principale. Tosatto ha potuto vedere la disorganizzazione e l’incertezza nel gruppo principale e ha detto a Pidcock di continuare a premere.

“Essere avanti è sempre meglio in questa situazione”, ha detto Tosatto. “Un altro punto chiave: abbiamo avuto Tullett, Kwiatkowski e De Plus per coprire i movimenti da dietro. Tom ha avuto molta fiducia dai suoi compagni di squadra”.

Ci sono stati alcuni momenti importanti che hanno cambiato anche il percorso di Bidcock.

Come ha potuto vedere Tostato, nessuno dei migliori rivali come Van der Poel o Julian Alaphilippe ha avuto giornate così belle.

L’altro era la mancanza di collaborazione nell’inseguimento. A un certo punto Bahrain Victorious, Groupama-FDJ e Jumbo-Visma avevano ciascuno due corridori in un gruppo di 11 inseguitori, e ancora non riuscivano a chiuderlo.

Secondo Tosatto, “Ad un certo punto nella mia testa, ho pensato che se ciascuna di queste squadre avesse impegnato uno dei propri corridori a lavorare insieme, avrebbero potuto colmare il divario”. “In una gara come la Strade Bianche è stata una questione di gambe.

READ  Il primo duello indiano a raggiungere le Olimpiadi, Bhavani Devi: mia madre ha dovuto ipotecare i suoi gioielli

Dopo che solo sei cavalieri li stavano inseguendo, ho pensato ‘Beh, Tom può farlo. La gara era ancora apertissima fino ai tre chilometri.

“Sul primo punto, Tom era molto forte. Gli stavo raccontando le lacune da dietro. Gli stavo dicendo che nessuno ha gambe super. Ha preso fiducia in questo.

“Non ha mai guardato indietro”, ha detto Tosato. “Solo sull’ultimo muro ha guardato indietro. Mostra quanto sia super fiducioso. Ha un livello straordinario, vincendo il suo primo grande obiettivo dell’anno. “

Pidcock ha corso una corsa perfetta fino alla finezza della Strade Bianche. (Foto: Chris Old/Filo Notizie)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *