Formula 1: il formato Sprint potrebbe diventare un approccio standard al weekend del Gran Premio

Max Verstappen della Red Bull ha vinto le qualifiche sprint al Gran Premio di Gran Bretagna a luglio

L’amministratore delegato Ross Brawn afferma che il nuovo formato “nemico” della F1 potrebbe alla fine diventare l’approccio standard al Gran Premio di questo fine settimana.

Brawn ha affermato che la F1 “vuole fare passi progressivi piuttosto che passi drastici” con il coordinamento.

Ma ha detto che non c’era “nessuna ragione” per non utilizzare la gara sulla distanza di un terzo, nonché le qualifiche e il grande sprint in tutti gli eventi in futuro.

“È aperto. Potrebbe evolversi in questo modo, ma se lo facesse, sarebbe perché è la cosa migliore che si possa fare”, ha detto Brown.

La F1 ha concordato in linea di principio con le squadre e l’organo di governo della FIA di aumentare il numero di eventi “sprint” a sei il prossimo anno e stanno valutando come adattare il formato per riflettere le lezioni apprese da quest’anno, come Segnalato in precedenza da BBC Sport.

“Lo facciamo con attenzione passo dopo passo e, a parte i sei, puoi decidere se vuoi aumentare il numero”, ha detto Brown.

“Non credo che dovremmo aver paura di farlo perché, se lo facessimo, sarebbe una misura del successo dello sprint. E se è così che appare il futuro, l’abbiamo fatto nel modo giusto”.

“Allo stesso modo, potremmo concludere che la sua presenza come evento dello spettacolo aggiunge interesse alla stagione”.

Ha aggiunto che non verrà presa alcuna decisione definitiva “finché non saremo arrivati ​​e non potremo misurare le risposte”.

Cos’è l’evento “nemico”?

Il formato “sprint” è stato introdotto in tre grandi gare di questa stagione nel tentativo di aggiungere un ulteriore valore di intrattenimento al fine settimana.

Le qualifiche si spostano al venerdì per impostare la griglia per il “nemico” di sabato. Il risultato di questa gara – un terzo della distanza del Gran Premio – determina la griglia per l’evento principale.

Brown ha affermato che i capi e i team di F1 hanno valutato il successo del nuovo formato, che è stato presentato nelle gare britanniche e italiane, con un altro in arrivo in Brasile questo mese.

Ha sottolineato: “Il trucco è assicurarci di non interrompere mai l’evento principale. Vogliamo rafforzarlo, quindi stiamo attenti a non sminuire l’evento di domenica qualunque cosa facciamo”.

Cosa potrebbe cambiare il prossimo anno?

Brown ha affermato che la decisione di assegnare il primo posto al vincitore dello sprint piuttosto che al pilota più veloce in un singolo giro è stato un errore e che questo è stato “chiaramente impopolare” con fan e piloti.

Tra le altre cose che potrebbero cambiare c’è un aumento del numero di punti disponibili per aumentare il desiderio dei piloti di attaccare e correre.

Brown ha dichiarato di voler aumentare i punti offerti dagli attuali tre punti per i primi tre all’equivalente di circa un terzo dei punti assegnati per il Gran Premio principale e per più piloti.

Un’altra opzione è quella di staccare del tutto lo “sprint” e renderlo un evento da solista, rendendo la griglia di qualificazione per la grande gara come al solito e definendo la griglia di sprint in un altro modo.

Brown ha detto che mentre era desideroso di presentare alle reti un ordine di campionato inverso per questo, sentiva che “potrebbe essere un passo troppo avanti” l’anno prossimo.

Ha affermato che uno dei principali motivi di cautela nel 2022 è che la Formula 1 sta introducendo un importante cambiamento nelle regole tecniche con l’obiettivo di migliorare le corse, rendendo le auto più in grado di seguire e sorpassare.

“Il fine settimana è migliorato così tanto che continueremo a seguirlo, ma stiamo discutendo con i team su come rendere il sabato più impegnativo e coinvolgente”, ha detto. “Sono ottimista sul fatto che le nuove vetture aiuteranno grazie alla loro capacità di correre insieme.

“Saremo relativamente conservatori nel passo che abbiamo preso. Non vogliamo rovinarlo con un eccesso e la gente sente che è oltrepassato”.

Ha detto che le gare in cui i sei eventi sprint si svolgeranno il prossimo anno non sono state decise – anche se ancora una volta almeno una di esse dovrebbe essere il Gran Premio di Gran Bretagna – e ha detto che un’altra opzione presa in considerazione per il futuro è quella di organizzare un Gara campione “sprint”, viene assegnata solo sui punti ottenuti in gare con un formato più breve.

Feedback da piloti e fan

Brown ha affermato che il più grande aspetto positivo del nuovo formato è che il venerdì è diventato più importante: in un fine settimana standard, non c’è lavoro competitivo il venerdì, solo due ore di prove libere per i team per preparare le loro vetture.

“Onestamente, venerdì abbiamo avuto un impatto maggiore di quanto ci aspettassimo”, ha detto Brown. “Ecco perché stiamo facendo questo esperimento.

“Parlando con i piloti dello sprint, hanno detto che il venerdì è fantastico ora perché arrivano e hanno un’ora di prove e devono provarci. Venerdì hanno avuto il supporto unificato della maggior parte dei piloti. Gli unici che erano un po’ in apprensione per gli esordienti che non hanno corso tanto quanto si divertivano”.

Brown ha ammesso che “i fan entusiasti non sono ancora convinti – sono indifferenti – ma la maggior parte dei nostri fan ‘regolari’ è stata positiva riguardo al concetto”.

READ  Il portiere del Paris Saint-Germain Gianluigi Donnarumma ride alle voci "sciocchezze" secondo cui non è contento del suo nuovo club

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *