La DC degli Stati Uniti ritira il disegno di legge sulla riforma della giustizia penale | cronaca nera

La DC degli Stati Uniti ritira il disegno di legge sulla riforma della giustizia penale |  cronaca nera

La mossa arriva mentre il Senato degli Stati Uniti avrebbe dovuto votare sulle modifiche proposte al codice penale a Washington, DC.

Il Consiglio comunale di Washington, D.C. ha inviato una lettera al Senato degli Stati Uniti per ritirare la controversa legislazione che solleva interrogativi sulla riforma della giustizia penale e sulla capacità della capitale degli Stati Uniti di autogovernarsi.

Il Senato avrebbe dovuto votare questa settimana sul disegno di legge, che include una serie di modifiche per riformare il codice penale locale della città. La Costituzione degli Stati Uniti conferisce al Congresso la supervisione sulla legislazione DC.

“È chiaro che il Congresso intende aggirare questa legislazione”, ha detto lunedì ai giornalisti Phil Mendelsohn, presidente del Consiglio comunale di Washington, durante una conferenza stampa legislativa. “Il mio messaggio, proprio mentre sposto le fatture per la revisione, è di rinunciare alla revisione”.

Il consiglio comunale guidato dai democratici ha approvato le riforme a novembre.

Tra le modifiche approvate c’è l’eliminazione o la riduzione delle condanne minime obbligatorie per alcuni crimini violenti, una mossa che i sostenitori sperano possa aiutare ad affrontare questioni come l’incarcerazione di massa e il pregiudizio razziale nel sistema giudiziario.

Ma con la criminalità che sta emergendo come questione elettorale centrale quest’anno, i repubblicani al Congresso e alcuni democratici hanno criticato le riforme come prova che la città è “morbida con la criminalità”.

Durante la conferenza stampa di lunedì, Mendelsohn ha affermato che il ritiro della legislazione “significa che l’orologio si ferma” in qualsiasi esame di riforma da parte del Congresso.

“Ciò consentirà alla Camera di lavorare sulla misura alla luce dei commenti del Congresso e di ripresentarla in seguito”, ha affermato. “Dirò che non so che fermerà i repubblicani del Senato, ma la nostra posizione è che il disegno di legge non è più all’esame del Congresso”.

READ  Il fiume atmosferico mette la California a rischio di inondazioni

Il presidente Joe Biden aveva indicato la scorsa settimana che mentre sostiene “la statualità nella capitale e l’autonomia”, non sarebbe intervenuto per impedire al Congresso di ribaltare le riforme della città.

“Se il Senato vota per annullare ciò che ha fatto il Consiglio DC, lo firmerò”, ha scritto su Twitter giovedì.

Ciò avrebbe consentito al Congresso di abrogare la legge di Washington, DC per la prima volta in oltre 30 anni.

I residenti di Washington, DC non hanno rappresentanza elettorale al Congresso. Eleggono solo un delegato senza diritto di voto alla Camera dei Rappresentanti.

Tuttavia, il Congresso ha giurisdizione sulla contea in “tutti i casi”, consentendogli di ribaltare le leggi locali. Queste misure sono state emanate nella Costituzione degli Stati Uniti per frenare il crescente potere del capitale.

Ma i critici affermano che i residenti nella città di tendenza democratica sono stati effettivamente privati ​​dei diritti civili, con oltre 671.803 persone che chiamano Washington, DC, casa, più dei residenti del Vermont e del Wyoming.

Le riforme della giustizia penale della città, note come Revised Criminal Law Act del 2022, hanno creato divisioni anche a livello locale.

Il 4 gennaio, il sindaco democratico Muriel Bowser ha annunciato che avrebbe posto il veto ai cambiamenti.

“La revisione completa del nostro diritto penale è un’opportunità irripetibile. Penso che sia importante cogliere questa opportunità nel modo giusto piuttosto che aggiungere politiche e indebolire le sanzioni a quello che dovrebbe essere un disegno di legge che rende DC più sicura”, ha scritto su Twitter .

Ma il consiglio comunale ha annullato il suo veto, spingendo il Congresso a presentare quella che viene definita una risoluzione di disapprovazione delle riforme.

READ  Dominion Voting Systems - la società con sede a Toronto che ha intentato una causa per diffamazione contro Giuliani - ha rafforzato le misure di sicurezza dei propri uffici dopo aver ricevuto minacce

Le risoluzioni sono state guidate alla Camera dei rappresentanti da Andrew Clyde, un repubblicano della Georgia, e al Senato dai repubblicani John Bozeman dell’Arkansas e Bill Haggerty del Tennessee.

“Poiché i crimini violenti e sfacciati a Washington si verificano con crescente frequenza, l’ultima cosa che dobbiamo fare è concedere clemenza ai trasgressori e aggiungere ancora più oneri alle forze dell’ordine distrettuali”, ha affermato Bozeman in una nota.

La Camera dei rappresentanti aveva votato 250 contro 173 all’inizio di febbraio per bloccare le riforme della giustizia penale, con 31 democratici che si univano alla maggioranza repubblicana.

Anche i Democratici del Senato, incluso Joe Manchin del West Virginia, hanno segnalato la loro disponibilità a schierarsi con i Repubblicani, e le riforme dovevano essere messe ai voti in quella camera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *