Il 96enne sospettato di crimini di guerra nazista che è fuggito il mese scorso è ora sotto processo

La donna, chiamata dai media tedeschi Irmgard Furchner, è accusata di coinvolgimento nell’omicidio in più di 11.000 casi, quando era stenografa e impiegata nell’ufficio del comandante a Stutthof. Nella Polonia occupata dai nazisti. Secondo l’accusa della corte, avrebbe aiutato i funzionari del campo nell’uccisione sistematica di prigionieri tra il giugno 1943 e l’aprile 1945.

Il processo di Forchner è iniziato martedì a Itzhoy, nel nord della Germania, dopo essere stato rinviato dal 30 settembre quando è fuggita per diverse ore prima di essere arrestata dalle autorità locali. Non è stato possibile leggere le accuse contro di lei fino a dopo la sua presenza. È una delle prime donne ad essere processata da decenni per presunti crimini commessi durante l’era nazista.

Dal momento che il 96enne era un adolescente al momento dei presunti crimini, Forchner deve affrontare un processo davanti al Tribunale per i minorenni. L’ufficio stampa della corte ha confermato alla CNN che è apparsa martedì, senza parlare con la recita delle accuse. Le riprese televisive la mostravano portata in tribunale su una sedia a rotelle, il viso appena visibile dietro una maschera bianca e una sciarpa bassa sugli occhi.

Donna di 96 anni trovata sfuggita al processo per crimini di guerra nazisti

L’avvocato di Forschner, Wolf Molkentin, ha dichiarato in una dichiarazione scritta che il suo cliente “non nega i crimini dell’Olocausto. [Hebrew for “catastrophe”]Nemmeno quegli atti oltraggiosi che sono stati portati alla nostra attenzione solo leggendo l’atto d’accusa. Sta solo affrontando l’accusa al centro di questo processo: è personalmente colpevole di un crimine”.

“Naturalmente, nessuno di noi, compresi gli avvocati difensori, ha accesso diretto alla propria esperienza”, ha detto, aggiungendo che il processo “dimostrerà come verranno valutate le prove disponibili”.

READ  Museo delle incursioni della polizia di Hong Kong per commemorare le vittime di Tienanmen del 1989

Secondo l’Ufficio centrale di Ludwigsburg, responsabile delle indagini sui crimini nazisti, circa 65.000 persone sono morte nel campo di concentramento di Stutthof e nei suoi sottocampi, nonché nelle cosiddette marce della morte alla fine della guerra.

Nel luglio 2020, il tribunale regionale di Amburgo ha condannato Bruno D. , che all’epoca era un’ex guardia di Stutthof di 93 anni, è stato condannato a due anni di carcere.

L’ex guardia ha supervisionato i prigionieri allo Stutthof dall’agosto 1944 all’aprile 1945 ed è stato accusato di 5.230 conteggi di complicità in omicidio durante il suo periodo come guardia delle SS nel campo. Ha affrontato il tribunale dei minorenni perché aveva 17 anni al momento del suo servizio lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *