Il procuratore capo dell’ICC ha detto ai membri del parlamento che il Sudafrica “farebbe la cosa giusta” riguardo al mandato di arresto di Putin

Il procuratore capo dell’ICC ha detto ai membri del parlamento che il Sudafrica “farebbe la cosa giusta” riguardo al mandato di arresto di Putin

Il Sudafrica avrà l’opportunità quest’estate di far rispettare il mandato di arresto della Corte penale internazionale per il presidente russo Vladimir Putin – e giovedì il procuratore capo della corte ha detto ai parlamentari di essere fiducioso che il paese del Commonwealth “farà la cosa giusta”.

Karim Khan è comparso davanti alla commissione per gli affari esteri della Camera dei Comuni canadese poche ore dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato con i giudici della Corte penale internazionale dell’Aia, nei Paesi Bassi, dove si è detto fiducioso che Putin sarebbe stato condannato per crimini di guerra .

Zelensky ha esortato la comunità internazionale a chiedere conto a Putin, dicendo ai giudici della Corte penale internazionale che il leader russo “merita di essere giudicato per le sue azioni criminali qui nella capitale del diritto internazionale”.

A marzo, la Corte penale internazionale ha emesso un mandato d’arresto per crimini di guerra nei confronti di Putin e lo ha accusato di responsabilità personale per il rapimento di bambini dall’Ucraina. Questa è stata la prima volta che il tribunale mondiale ha emesso un mandato di arresto per il leader di uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ad agosto Putin parteciperà al cosiddetto vertice BRICS, un gruppo di paesi (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) che è considerato il primo rivale geopolitico del Gruppo dei Sette maggiori paesi industrializzati con economie avanzate.

In qualità di firmatario dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, il Sudafrica dovrebbe attuare il mandato per crimini di guerra e arrestare Putin. Ciò ha scatenato un feroce dibattito politico nel paese. Ronald Lamola, ministro della giustizia sudafricano, si è lamentato pubblicamente mercoledì che la Corte penale internazionale è stata incoerente nel determinare quali crimini meritano attenzione.

Karim Ahmed Khan, procuratore della Corte penale internazionale, parla durante una conferenza stampa presso il ministero della Giustizia a Khartoum, in Sudan, il 12 agosto 2021. (Marwan Ali/Associated Press).

Khan ha detto giovedì a un gruppo di quattro partiti di parlamentari canadesi che il Sudafrica è un paese decente e “non è stato trascinato in giro da calci e urla” a sostegno della CPI in passato.

READ  Liz Cheney, Lisa Murkowski e altri obiettivi di Trump fanno arrabbiare i loro avversari repubblicani

“Di recente ci sono state dichiarazioni riguardo al riconoscimento da parte del Sudafrica dei suoi obblighi ai sensi dello Statuto di Roma”, ha detto Khan. “Hanno dichiarato di essere consapevoli di queste responsabilità. Non credo che abbiano bisogno di alcuna tutela da parte mia”.

Khan ha affermato di essere riluttante a rendere pubblica la questione, aggiungendo che un paese che ha combattuto con successo per porre fine all’apartheid razziale aveva il diritto di prendere le proprie decisioni.

“Penso che siano pienamente consapevoli delle loro responsabilità e ho fiducia che faranno la cosa giusta, penso che lascerò perdere”, ha detto Khan.

Ma Lamola ha indicato nelle sue dichiarazioni ai media locali in Sudafrica che il suo governo sta cercando una via d’uscita.

“Esploreremo diverse opzioni su come localizzare lo Statuto di Roma nel nostro Paese, inclusa l’opzione di considerare l’estensione dell’immunità diplomatica consueta ai capi di stato in visita nel nostro Paese”, ha affermato Lamola nel post del Business Day.

Yulia Kovalev, ambasciatrice dell’Ucraina in Canada, ha affermato che la Corte penale internazionale ha istituito un ufficio a Kiev e sta lavorando a stretto contatto con i pubblici ministeri ucraini per documentare i casi di crimini di guerra, che ammontano a decine di migliaia.

Membri di Avaaz e rifugiati ucraini installano migliaia di orsacchiotti e giocattoli per bambini alla rotatoria Schuman di fronte alla Commissione europea per evidenziare i rapporti sul rapimento di migliaia di bambini ucraini da parte della Russia giovedì 23 febbraio 2022 a Bruxelles.
I manifestanti installano migliaia di orsacchiotti e giocattoli per bambini sulla rotatoria Schuman di fronte alla Commissione europea per evidenziare i rapporti sul rapimento da parte della Russia di migliaia di bambini ucraini il 23 febbraio 2022 a Bruxelles. (Oliver Matisse/Associated Press)

Giovedì Kovalev ha dichiarato alla commissione per gli affari esteri del Senato che sono stati indagati più di 84.000 crimini di guerra. Il mandato d’arresto per Putin e Maria Alekseyevna Lvova Belova, Commissario russo per i diritti dei bambini, si riferisce alla deportazione forzata di bambini dal territorio ucraino occupato alla Russia, dove devono essere assimilati.

L’Ucraina stima che più di 19.500 bambini ucraini siano stati rapiti e deportati illegalmente in Russia, di cui solo 328 sono tornati.

READ  Giudice tunisino imprigiona politici e uomini d'affari durante la repressione | Notizie di protesta

E sulla base delle prove, sono stati costretti a imparare [the] “La lingua russa, che ha rivisto la storia, molte delle quali sono state rappresentate anche nelle campagne di propaganda russa”, ha detto Kovalev alla commissione del Senato.

Non è solo una preoccupazione ucraina, ha detto.

Kovalev ha aggiunto: “La giustizia per questi crimini non è necessaria solo per le famiglie che hanno perso i propri cari, ma la giustizia servirà gli interessi critici della giustizia globale per impedire a qualsiasi altro dittatore di commettere tali crimini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *