Il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Stephen Breyer andrà in pensione, dando a Biden l’opportunità di nominare un sostituto

Il giudice liberale della Corte Suprema degli Stati Uniti Stephen Breyer si sta ritirando, dando al presidente degli Stati Uniti Joe Biden un’apertura che si è impegnato a riempire nominando la prima donna di colore all’alta corte, hanno riferito due fonti all’Associated Press mercoledì.

Breyer, 83 anni, è stata una forza pragmatica in un tribunale che è diventato moderato negli ultimi anni, cercando di forgiare maggioranze con più giudici a destra ea sinistra del centro.

Le fonti hanno parlato a condizione di anonimato per non anticipare l’eventuale annuncio di Breyer. La NBC ha prima riportato i piani della giustizia.

Breyer è un giudice dal 1994, nominato dall’ex presidente Bill Clinton. Insieme al defunto giudice Ruth Bader Ginsburg, Breyer ha deciso di non dimettersi l’ultima volta che i Democratici hanno controllato la Casa Bianca e durante il Senato di Barack Obama.

Ginsburg è morto nel settembre 2020 e l’allora presidente Donald Trump ha riempito il posto vacante con una giustizia conservatrice, Amy Coney Barrett.

La partenza di Breyer, prevista per l’estate, non cambierà il vantaggio conservatore in campo per 6-3 perché il suo sostituto sarà nominato da Biden e quasi confermato da un Senato dove i Democratici hanno la maggioranza più ristretta.

Renderà anche il giudice conservatore Clarence Thomas il membro più anziano della corte. Thomas compie 74 anni a giugno.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump applaude Amy Coney Barrett dopo la sua nomina alla Corte Suprema degli Stati Uniti il ​​18 ottobre. 26, 2020. (Patrick Semansky/Associated Press)

Sollievo dai gruppi di interesse liberali

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha detto che il candidato di Biden “riceverà una pronta audizione nella commissione giudiziaria del Senato e sarà considerato e confermato dall’intero Senato degli Stati Uniti con tutta la velocità deliberata”.

I repubblicani che hanno cambiato le regole del Senato durante l’era Trump per consentire la conferma della maggioranza semplice dei candidati alla Corte Suprema sembravano rassegnarsi al risultato.

Sen. Lindsey Graham della Carolina del Sud, un repubblicano che in precedenza ha presieduto la commissione giudiziaria del Senato, ha dichiarato in una dichiarazione: “Se tutti i democratici stanno insieme – cosa che mi aspetto lo faranno – avranno il potere di sostituire il giudice Breyer nel 2022 senza un voto repubblicano a sostegno .”

I gruppi di interesse liberali hanno espresso sollievo. Nell’ultimo anno chiedevano a gran voce il ritiro di Breyer, preoccupati per i problemi di conferma se i repubblicani riprendessero il Senato.

“Il ritiro di Justice Breyer non arriverà un momento troppo presto, ma ora dobbiamo assicurarci che il nostro partito rimanga unito a sostegno della conferma del suo successore”, ha affermato il direttore esecutivo di Demand Justice Brian Fallon.

Possibili incaricati

La Casa Bianca afferma che una decisione su un candidato non è stata ancora presa, ma Biden ha ristretto il campo.

“Come presidente, sarei onorato, onorato di nominare la prima donna afroamericana. Perché dovrebbe assomigliare al paese. È passato molto tempo”, ha detto Biden nel febbraio 2020 poco prima delle primarie presidenziali della Carolina del Sud.

Tra i nomi che circolano come potenziali candidati ci sono il giudice della Corte Suprema della California Leondra Kruger, il giudice di circoscrizione degli Stati Uniti Ketanji Brown Jackson, l’importante avvocato per i diritti civili Sherrilyn Ifill e il giudice distrettuale degli Stati Uniti Michelle Childs, che Biden ha nominato giudice della corte d’appello.

Martedì, l’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato su Twitter: “Non abbiamo ulteriori dettagli o informazioni da condividere da @WhiteHouse”.

Interrogatore attivo capace di aspri dissensi

Spesso messo in ombra dal suo collega liberale Ginsburg, Breyer ha scritto due importanti opinioni a sostegno del diritto all’aborto in un tribunale strettamente diviso sulla questione e ha esposto il suo crescente disagio per la pena di morte in una serie di opinioni dissenzienti negli ultimi anni.

In più di 27 anni in tribunale, Breyer è stato un interrogatore attivo e allegro durante le discussioni, un oratore pubblico frequente e veloce con le battute, spesso a proprie spese.

Tuttavia, poteva scrivere feroci dissensi, come ha fatto in Bush v. Caso sanguinoso che ha effettivamente deciso le elezioni del 2000 a favore del repubblicano George W. Bush. Breyer ha esortato senza successo i suoi colleghi a restituire il caso ai tribunali della Florida in modo che potessero creare “un concorso costituzionalmente corretto” mediante il quale decidere il vincitore.

Le opinioni di Breyer erano notevoli perché non contenevano mai note a piè di pagina. Era fuori dall’avviso di un tale dispositivo di scrittura di Arthur Goldberg, il giudice della Corte Suprema per il quale Breyer ha lavorato come giovane avvocato.

“È un punto importante da sottolineare se credi, come me, che la funzione principale di un’opinione sia spiegare al pubblico dei lettori perché è che la corte ha raggiunto quella decisione”, ha detto una volta Breyer. “Non è per provare che hai ragione. Non puoi provare che hai ragione; non ci sono prove del genere.”

READ  Le stazioni sciistiche della bassa terraferma accolgono abbondanti nevicate questo fine settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.