I giocatori dell’Italia pensano che Jorginho sia il contendente per il Pallone d’Oro dopo una grande stagione

I giocatori italiani credono che il “professore” Jorginho sia il contendente per il Pallone d’Oro dopo la sua brillante campagna con il Chelsea e il suo paese… Roberto Mancini ha costruito la sua fantastica squadra attorno a un centrocampista chiave.

  • Jorginho ha impressionato l’Italia in vista delle semifinali di Euro 2020
  • Il centrocampista emerge dal fondo della stagione vittoriosa della Champions League
  • I compagni di squadra di Jorginho credono che sia uno dei migliori centrocampisti al mondo

Pochi giocatori in Premier League sarebbero in disaccordo più di Jorginho, ma il tecnico dell’Italia Roberto Mancini non ha dubbi sull’uomo che chiamano “il professore”.

In tre stagioni con il Chelsea, Jorginho ha vinto European League e Champions League, ma ancora non tutti sono convinti.

Sebbene nessuno metta in dubbio l’intelligenza o l’abilità di passaggio del 29enne, gli scettici sottolineano la sua mancanza di velocità e quello che vedono come un approccio di prima sicurezza.

Jorginho è emerso come candidato al Pallone d’Oro dopo un’impressionante ascesa durante la stagione 2020-2021

conosciuto come

È conosciuto come il “Professore” tra i suoi compagni di squadra italiani e la sua conoscenza si rivela vitale

Fu firmato sotto Maurizio Sarri e non riuscì a convincere Frank Lampard prima che Thomas Tuchel tornasse alla ribalta. Ma per l’Italia, che si avvicina alla prima semifinale importante in nove anni, Jorginho è indispensabile.

Nessun giocatore ha giocato di più nei tre anni di regno di Mancini, chiave del sistema italiano 4-3-3 basato sul possesso palla. Ciò potrebbe sollevare le sopracciglia in Inghilterra, ma Jorginho è così apprezzato in Italia che i suoi compagni di squadra e i media pensano che sia un contendente per il Pallone d’Oro.

READ  28.352 feriti e 827 morti. Terapia intensiva in calo (-64)

“Non spetta a me dire chi dovrebbe vincere il titolo, ma Jorginho lo merita”, ha detto l’attaccante italiano Lorenzo Insigne, che ha giocato per Jorginho al Napoli dal 2014-18.

Jorginho (a sinistra) ha brillato contro il Belgio nella sua battaglia a centrocampo con Kevin De Bruyne (a destra)

Jorginho (a sinistra) ha brillato contro il Belgio nella sua battaglia a centrocampo con Kevin De Bruyne (a destra)

Il centrocampista del Chelsea (a destra) è fondamentale nella formula di Roberto Mancini con la Nazionale italiana

Il centrocampista del Chelsea (a destra) è fondamentale nella formula di Roberto Mancini con la Nazionale italiana

«È vero che la gente ne parla. Ha vissuto grandi anni al Chelsea e siamo orgogliosi di avere un giocatore come lui nella nostra squadra. Lo chiamiamo il professore ed è un grande giocatore.

La prestazione di Jorginho nella vittoria per 2-1 sul Belgio nei quarti di finale ne ha sottolineato l’importanza.

Ogni volta che un giocatore dell’Italia aveva bisogno di un’opzione di passaggio, Jorginho era lì. Quando Jorginho ha preso la palla, non l’ha tenuta a lungo. A volte sembrava che stesse manovrando i suoi compagni di squadra intorno al campo come macchine telecomandate.

“Onestamente, non penso al Pallone d’Oro”, ha detto Jorginho. “La mia priorità è pensare alla squadra perché fare festa con i tuoi amici, insieme, è molto meglio che fare festa da soli”.

Se fosse salito sul gradino più alto del podio, lo avrebbe fatto nel modo più duro.

Nato in Brasile – nome completo Jorge Luiz Frello Filho – Jorginho ha lasciato la sua città natale di Imbituba all’età di 14 anni per iscriversi a una scuola di calcio a più di 100 miglia di distanza.

All’età di 17 anni, giocava nell’accademia del club italiano Hellas Verona, dove rimase con altri giovani giocatori in un vecchio monastero.

Ho chiamato mia madre, piangendo e dicendo che volevo tornare indietro e rinunciare al calcio, ma lei si è rifiutata. Quindi grazie mamma, grazie papà per questo perché hanno giocato un ruolo così importante.

Essendo sopravvissuto a quelle prove, Jorginho non dovrà preoccuparsi della semifinale di Wembley, anche se sarà desideroso di migliorare il suo record lì con due vittorie in otto partite negli ultimi tre anni.

Qualunque cosa realizzi nel resto di Euro 2020, Jorginho non convincerà tutti al Chelsea.

Tuttavia, anche se l’Italia cadesse martedì in Spagna, nulla scuoterebbe la fiducia di Mancini nel professore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *