Corea del Nord: un satellite spia ‘si è schiantato in mare’ | notizie militari

Corea del Nord: un satellite spia ‘si è schiantato in mare’ |  notizie militari

È stato confermato che molti dei lanci sono falliti dopo che la Corea del Sud ha riferito che il missile era scomparso dai radar in anticipo.

Il tentativo della Corea del Nord di lanciare il suo primo satellite spia militare è fallito dopo che il missile “è caduto in mare”, hanno detto i media statali, e Seoul ha recuperato alcuni dei detriti.

La Korean Central News Agency (KCNA) ha annunciato che il lancio, il primo giorno di una finestra di 12 giorni annunciata per mettere in orbita il satellite, è avvenuto all’inizio di mercoledì.

La North Korean Central News Agency ha annunciato che il “Cholima-1” “si è schiantato nel mare occidentale della Corea poiché ha perso slancio a causa dell’avvio anomalo del motore a due stadi dopo aver separato un gradino durante il volo normale”. L’equipaggio del JCS ha detto che il proiettile è scomparso dal radar.

Il Joint Chiefs of Staff in precedenza aveva affermato di aver rilevato il lancio intorno alle 6:29 (21:29 GMT di martedì), provocando allerte a Seoul e in Giappone, che sono state successivamente revocate.

Il volo è stato il sesto tentativo di lancio di un satellite da parte del Paese dotato di armi nucleari e il primo dal 2016. Avrebbe dovuto mettere in orbita il primo satellite spia della Corea del Nord.

Il Joint Chiefs of Staff ha affermato che il missile è caduto in mare nel punto di incontro delle zone economiche esclusive di Cina e Corea del Sud e che i sommozzatori stavano conducendo un’operazione di salvataggio. Le immagini rilasciate dal ministero della Difesa mostravano un grosso oggetto cilindrico attaccato a una boa.

READ  Il Regno Unito invia cacciamine per rinforzare le forze ucraine nel Mar Nero | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

George William Herbert, professore associato presso il Center for Nonproliferation Studies del Middlebury Institute, ha affermato che le immagini mostravano almeno una parte di un missile, inclusa una sezione “interstadio” progettata per connettersi a un altro stadio.

Herbert ha detto all’agenzia di stampa Reuters che si trattava probabilmente di un razzo a combustibile liquido e di un oggetto rotondo e marrone all’interno di un serbatoio di carburante per il carburante o un ossidante.

Questa immagine satellitare di Planet Labs PBC mostra l’attività in una rampa di lancio di nuova costruzione presso la stazione di lancio satellitare di Sohae vicino a Tongchang-ri, nella Corea del Nord, martedì. [Planet Labs PBC via AP Photo]

Seoul ha affermato che Pyongyang potrebbe effettuare un secondo tentativo di lancio prima della chiusura della finestra di lancio annunciata per l’11 giugno.

Se ciò accadrà, gli analisti hanno detto che è solo una questione di tempo prima che la Corea del Nord abbia un satellite spia funzionante.

“Hanno detto che l’avrebbero fatto. Sono straordinariamente aperti sui loro piani di sviluppo”, ha detto ad Al Jazeera Andrew Lankov, esperto di Corea del Nord presso la Kookmin University. Hanno i mezzi. Hanno gli ingegneri. Hanno soldi. Lo faranno. Forse non ora. Probabilmente ci saranno altri tentativi, ma alla fine funzionerà.

Il lancio di un satellite da parte della Corea del Nord è una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che vietano al paese di utilizzare la tecnologia dei missili balistici.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha condannato il lancio del satellite e ha esortato Pyongyang a riprendere i colloqui sulla denuclearizzazione, fermi dal 2019.

“Il segretario generale condanna fermamente il lancio di un satellite da parte della Repubblica popolare democratica di Corea”, ha affermato in una nota Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite.

READ  Manifestanti "pro-Palestina" indossano foto di alianti: la polizia arresta sette persone

Qualsiasi lancio utilizzando la tecnologia dei missili balistici è incoerente con le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza.

Il ministero degli Esteri giapponese ha affermato che funzionari della Corea del Sud, del Giappone e degli Stati Uniti hanno parlato al telefono e “condannato fermamente” il lancio.

“I tre paesi rimarranno vigili con un grande senso di urgenza”, si legge in una nota.

Gli analisti hanno affermato che il relitto indica che potrebbe essere stato un razzo a propellente liquido, l’oggetto circolare marrone all’interno del serbatoio del carburante o dell’ossidante. [The Defense Ministry/Handout via Reuters]

La Corea del Nord, dotata di armi nucleari, ha rapidamente modernizzato e ampliato le sue armi sfidando le sanzioni delle Nazioni Unite e ha condotto un numero record di test nel 2022.

Dice che le sue attività sono necessarie per l’autodifesa.

“Pyongyang è preoccupata per il fatto che la Corea del Sud stia approfondendo con successo la cooperazione di sicurezza trilaterale con il Giappone e gli Stati Uniti”, ha dichiarato Leif Eric Easley, professore associato di studi internazionali presso la Ewha Women’s University di Seoul.

“Data l’apparente capacità del razzo Nuri nativo della Corea del Sud di portare in orbita i satelliti, è probabile che il regime di Kim possa vedersi impegnato in una corsa allo spazio”.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha dichiarato all’inizio di questo mese che il successo del lancio di un satellite da ricognizione militare era un “requisito urgente del contesto di sicurezza prevalente nel paese”.

La scorsa settimana la Corea del Sud ha lanciato con successo un satellite commerciale per la prima volta utilizzando un razzo Nuri, un razzo spaziale fatto in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *